25 APR 2001

25 aprile: Pannella ad Ancona rivendica la continuità con gli antifascisti liberali

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 39 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Ancona, 25 aprile 2001 - Marco Pannella ad Ancona ha incontrato i candidati della Lista Bonino e, discutendo con i giornalisti, nel ricordo del 25 aprile ha rivolto un "saluto solidale ai rappresentanti demonizzati dall'antifascismo speculatore", con particolare riferimento alle polemiche innescate dalle dichiarazioni di Rauti e dalle manifestazioni dei rappresentanti di estrema destra.

Il leader radicale richiamandosi agli "antifascisti assassinati come Rosselli, che lottavano anche per la libertà dei loro carcerieri" ha affermato: "Oggi non si può tollerare il linciaggio di nessuna parte
politica concorrente solo perchè scomunicata e demonizzata".

Contrapponendosi al "fascismo degli antifascisti" il leader radicale ha rivendicato la lotta per la libertà che i radicali continuano ad incarnare: "Diamo corpo rischiando la vita, come durante la resistenza, alla nostra volontà di libertà e di diritto", riferendosi all'imminente inizio del Satyagraha radicale, di cui più avanti ha illustrato l'obiettivo: "Chiediamo al Presidente della Repubblica un solo gesto - ha affermato - quello di dichiarare pubblicamente che è vero che in Italia sul piano del funzionamento democratico delle istituzioni e della politica ci sono delle cose che devono essere corrette e non sono andate bene".Pannella ha chiamato in causa Ciampi anche su un altro fronte, richiamando l'intervista rilasciata da Giulio Andreotti a "Il Mattino" di Napoli, nella quale il senatore a vita aveva denunciato l'inerzia del capo dello Stato di fronte alla truffa perpretata ai danni degli elettori, cui si lascia credere che vi sia un'elezione diretta del premier, mentre - su questo l'assenso di Pannella - in realtà il Presidente del Consiglio deve comunque trovare voti in parlamento, secondo la Costituzione vigente.

Questo dato, ha affermato Pannella, costituisce un "vero e proprio Golpe".

A tal proposito Marco Pannella ha richiamato la proposta unicamente dei radicali di un modello di "costituzione liberale di tipo americano", presidenziale, bipartico, federalista, mentre tutti gli altri in Italia "sono tutti contro il sistema anglosassone" e si predilige l'influenza sui parlamentari "rappresentanti di partito".

In questo scenario, Pannella ha ribadito la propria convizione per la quale "Silvio Berlulsconi è l'uomo della provvidenza", in quanto, "quando eravamo sul punto di andare al bipartitismo americano", è tornato indietro circa la sua volontà di promuovere la riforma, con un chiaro riferimento alla campagna astensionista di Berlusconi sui referendum del maggio 2000, e più avanti ha aggiunto "Rutelli e Berlusconi sono ferocemente d'accordo", sul fatto che "i Radicali non devono essere nel prossimo Parlamento".

Il leader radicale, rispondendo alle domande dei giornalisti, è poi ritornato sui temi relativi all'informazione: "Oggi si offrono centinaia di verità per meglio celare le verità fondamentali", e - ha continuato - nei media "nessuno parla di niente".

Non si è fatta menzione per esempio del fatto che "il capo della narcotici di Roma dott.

Di Mario, si è dimesso dalla Polizia e si è dichiarato antiproibizionista".

L'informazione, ha concluso Pannella rappresenta solo terreno di conquista per "l'Ordine, il quale oggi vuole regnare anche in Internet".

leggi tutto

riduci

  • Mauro Paolinelli, coordinatore radicali Marche e candidato Lista Bonino proporzionale

    <strong>Indice</strong>
    0:00 Durata: 13 min 58 sec
  • Stefano Mazzocchi, candidato Lista Bonino collegio di Osimo

    0:13 Durata: 7 min 40 sec
  • Maurizio Muggianesi, candidato Lista Bonino collegio di Senigallia Falconara

    0:21 Durata: 2 min 5 sec
  • Laura Olimpi, candidato Lista Bonino proporzionale Marche

    0:23 Durata: 4 min 1 sec
  • Marco Pannella

    0:27 Durata: 38 min 41 sec
  • Pannella: "In tutte le elezioni siamo andati da soli"

    Domande dei giornalisti
    1:06 Durata: 2 min 17 sec
  • Pannella: "Nel 94 il Polo fece una battaglia sulle nostre idee"

    1:08 Durata: 6 min 6 sec
  • Pannella: "Mai Berlusconi e Fini hanno tollerato che io potessi essere eletto e rientrare in Parlamento"

    1:14 Durata: 1 min 35 sec
  • Pannella: "Chiediamo al Presidente della Repubblica un solo gesto, di dichiarare pubblicamente che è vero che in Italia sul piano del funzionamento democratico delle istituzioni e della politica ci sono delle cose che devono essere corrette e non sono andate bene"

    1:16 Durata: 2 min 32 sec
  • Pannella: "Rutelli e Berlusconi sono ferocemente d'accordo: I Radicali non devono essere nel prossimo Parlamento"

    1:18 Durata: 1 min 1 sec
  • Pannella, sui passaggi televisivi e l'intervista a Luca Coscioni

    1:19 Durata: 1 min 55 sec
  • Pannella sull'abolizione della ritenuta d'acconto: "La busta paga per il lavoratore dipendente è una truffa"

    1:21 Durata: 4 min 30 sec
  • Pannella, sul collegio di Senigallia Falconara

    1:26 Durata: 8 min 19 sec
  • Pannella: "Il presidente Ciampi finora si comporta da arbitro"

    1:34 Durata: 4 min 23 sec