28 APR 2001

Satyagraha: Tremonti «Benissimo un voto disgiunto: proporzionale lista Bonino e maggioritario Casa delle Libertà»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 min 11 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione di "Satyagraha: Tremonti «Benissimo un voto disgiunto: proporzionale lista Bonino e maggioritario Casa delle Libertà»", registrato sabato 28 aprile 2001 alle 00:00.

La registrazione ha una durata di 2 minuti.
  • Ascolta l'intervista

    "A me andrebbe benissimo un voto disgiunto: proporzionale lista Bonino e maggioritario Casa delle Libertà". Con questa frase Giulio Tremonti ha concluso l'intervista nella quale ha affrontato le questioni sollevate dalla iniziativa nonviolenta intrapresa da Emma Bonino e Luca Coscioni.<br>In precedenza, l'autorevole esponente del centrodestra aveva affrontato la questione dell'esclusione di temi fondamentali per la vita e la salute dei cittadini, dal dibattito politico, richiamandosi alla mancata alleanza con il centrodestra: "Ho sempre pensato che la scelta giusta per i Radicali era garantirsi un forte diritto di tribuna. Non entrando nella Cdl, ma standone fuori e facendo un accordo elettorale, per garantirsi il dritto di tribuna con noi". Tremonti, ha ricordato l'esperienza del 1994 in cui "la formula era abbastanza giusta, e consentì ad alcuni Radicali di andare in Parlamento, addirittura era un accordo elettorale". (In realtà si trattò di una concessione unilaterale di Forza Italia, che candidò sette radicali nei propri collegi, ma senza alcun accordo dal momento che la Lista Pannella presentò propri candidati in tutti i collegi, e lo stesso Marco Pannella era candidato in un collegio contro Fini, ndr). "Qui non si sarebbe trattato di fare un accordo elettorale - ha continuato Tremonti - ma semplicemente di studiare un modo per garantire il diritto di tribuna". Quindi "se l'obiettivo è mandare qualche radicale in Parlamento, cioè garantire un grosso diritto di tribuna, bisognava fare così, io l'avrei considerata la cosa più giusta" sottolineando che "nessuno chiedeva di aderire al nostro programma, nella nostra casa, bastava un accordo e mi dispiace moltissimo che non ci sia stato".<br> Ravenna, 28 aprile 2001 - Giulio Tremonti risponde al microfono di Roberto Rogai sui temi relativi al Satyagaha Radicale.<br>
    0:00 Durata: 2 min 11 sec