02 MAG 2001

Rinnovi contrattuali: D'Amato "No ad una nuova scala mobile"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 15 min 53 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 2 maggio 2001 h19.20 - Il presidente di Confindustria Antonio D'Amato ha risposto alle domande dei giornalisti, dopo l'incontro con il governo relativo allo stato dei rapporti contrattuali.

La politica dei redditi, per il presidente degli industriali, dovrà seguire il dato dell'inflazione programmata e non quello dell'inflazione corrente.

Antonio D'Amato ha ricordato che Confindustria, "per quel che riguarda la dinamica contrattuale", rientra "nell'assoluta fisiologia" dei tempi di chiusura, infatti, ha aggiunto, "abbiamo concluso 32 contratti di lavoro, ne abbiamo 7 in corso, ne abbiamo
29 che scadranno in futuro".

La questione della pendenza di contratti scaduti da molto tempo "riguarda altre organizzazioni datoriali".

D'Amato ha espresso apprezzamento per la "ferma posizione assunta dal presidente del consiglio nel ricordare a tutti la necessità di mantenere la barra del timone ben ferma sul senso e sulla lettera dell'accordo del '93, per quanto riguarda inflazione programmata e politica dei redditi".

D'Amato ha quindi commentato i dati dell'Aran che registrano "un aumento delle retribuzioni nell'ordine del 4,9% nel pubblico impiego", contro "un'inflazione programmata per il 2001 a 1.7%, e per il 2002 a 1.2%, secondo i parametri da Dpef", generalmente, "dal 1996 al 2000, le retribuzioni sono state superiori alle retribuzioni contrattuali".

Se da una parte "Abbiamo avuto una fortissima spinta per effetto del dollaro sui prezzi petroliferi, e questo ha fatto saltare le previsioni di inflazione", dall'altra, "l'economia internazionale registra un andamento nettamente diverso da quello indicato nel Dpef".

Altro conto quindi è l'inflazione importata, e "la politica dei redditi - ha concluso D'Amato - si fa tenendo la rotta ferma sull'inflazione programmata, per questa ragione il numero che fa fede è quello del Dpef".

Se invece il riferimento fosse quello relativo "al dato dell'inflazione corrente avremmo un meccanismo di scala mobile".

Così facendo "correremmo il rischio di generare ulteriore inflazione".

leggi tutto

riduci

  • Antonio D'Amato, presidente di Confindustria

    0:00 Durata: 2 min
  • "Non ci sono contratti fermi da nessuna parte"

    Domande dei giornalisti
    0:02 Durata: 2 min 18 sec
  • "Dal 1996 al 2000 le retribuzioni sono state superiori alle retribuzioni contrattuali"

    0:04 Durata: 47 sec
  • "I dati dell'Aran un aumento delle retribuzioni nell'ordine del 4,9% nel pubblico impiego, verso un inflazione programmata molto più bassa"

    0:05 Durata: 1 min 36 sec
  • "Abbiamo avuto una fortissima spinta per effetto del dollaro sui prezzi petroliferi, questo ha fatto saltare le previsioni di inflazione"

    0:06 Durata: 1 min 19 sec
  • "Le dinamiche inflattive devono preoccupare tutti [...], L'economia internazionale registra un andamento nettamente diverso da quello indicato nel Dpef"

    0:08 Durata: 2 min 19 sec
  • "Ci auguriamo che nel confronto con i sindacati si trovi un percorso di ragionevole convergenza"

    0:10 Durata: 1 min 41 sec
  • "Da un lato c'è l'inflazione programmata, altro conto è l'inflazione importata e la politica dei redditi si fa tenendo la rotta ferma sull'inflazione programmata, per questa ragione il numero che fa fede è quello del Dpef e non è il dato dell'inflazione corrente perchè se così fosse avremmo un meccanismo di scala mobile"

    0:12 Durata: 1 min 41 sec
  • "Se inseguissimo le tendenze inflattive correremmo il rischio di generare ulteriore inflazione"

    0:13 Durata: 2 min 12 sec