20 MAG 2001

Sergio D'Antoni: Niente alleanze con la destra, solo apparentamenti regionali

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 43 min 46 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Palermo, 20 maggio 2001 h 11.50 - Sergio D'Antoni, nel corso di una conferenza stampa, ha ribadito che "Democrazia Europea ha caratteristiche federali", e "le decisioni a livello territoriale sono lasciate ai militanti dei relativi territori".

Nel quadro degli schieramenti nazionali "DE sostiene una impostazione di alternativa ai due schieramenti", e "mantiene questa posizione", nell'ottica di una "autonomia federalista delle strutture".

A chi gli chiedeva di una eventuale partecipazione al governo Berlusconi, D'Antoni ha risposto che per il momento "Non c'è questa prospettiva", a livello
nazionale "non ci siamo alleati".

Era però necessario "chiudere a Napoli, Roma, Torino e in Sicilia" a causa della legge elettorale per i ballottaggi e le regionali.

"Essa obbliga ad apparentamenti", e "forze come la nostra usufruiscono di forte libertà", perché essa, nel caso delle elezioni regionali che si terranno in Sicilia "è proporzionale".

D'Antoni ha chiarito che "la grandissima maggioranza degli aderenti a DE condivide che si apparenti con la candidatura alla presidenza di Cuffaro", apparentamento che si deve realizzare con il mantenimento "di una forte identità".

Le forze che sostengono questa candidatura "sono forze appartenenti nella gran parte al PPE, a noi più congeniali", e inoltre "rappresentano una vasta maggioranza della Sicilia".

Ci sarà un apparentamento formale" dopo una verifica con il candidato sulle condizioni programmatiche".

Di fronte al "paradosso italiano, in cui le elezioni le vincono i non partiti, e i partiti veri le perdono", DE ha "preso 1 milione di voti", e al suo interno "non ci sono correnti", e se qualcuno "esprime un parere ma se la maggioranza lo boccia si finisce lì".

Dovendo orientare "il nostro elettorato, dato che nella Margherita il PPI non è più visibile, la scelta che abbiamo fatto è questa".

Relativamente alla legge elettorale Sergio D'Antoni "Vogliamo lo sbarramento al 5%, proporzionale, così prenderemmo il 13%", esso in Germania "ha garantito stabilità e 4 partiti".

All'elettorato "bisogna riconoscere che ha premiato le posizioni di richiamo perché vuole semplificare".

Da un lato "c'è voglia di grande semplificazione che non sarebbe neanche bipartitica, ma bipersonale", dall'altro "c'è una voglia vera di queste forze cosiddette non allineate", se "le metti insieme sono milioni di persone, se metti insieme Di Pietro, noi e la Bonino, tutti insieme sono milioni di italiani", c'è insomma da un altro lato "voglia di pluralismo".

leggi tutto

riduci

  • Le elezioni siciliane e la rinuncia ad una candidatura autonoma

    <strong>Indice degli argomenti</strong>
    0:00 Durata: 3 min 55 sec
  • L'apparentamento con Cuffaro in Sicilia

    0:03 Durata: 6 min 25 sec
  • La scelta per Cuffaro: "Non do giudizi sulle persone, ma è un giudizio tecnico e politico"

    Domande dei giornalisti
    0:10 Durata: 6 min 58 sec
  • "Le elezioni le vincono i non partiti, i partiti veri le perdono"

    0:17 Durata: 3 min 22 sec
  • Il programma di governo

    0:20 Durata: 3 min 17 sec
  • I rapporti con Orlando

    0:23 Durata: 2 min 39 sec
  • La valutazione dei dati elettorali

    0:26 Durata: 4 min 58 sec
  • Non ci sono prospettive per il governo nazionale

    0:31 Durata: 2 min 14 sec
  • Il fallimento del centrosinistra in Sicilia

    0:33 Durata: 2 min 53 sec
  • Le proposte di riforma della legge elettorale

    0:36 Durata: 3 min 55 sec
  • "C'è una voglia vera, di rivalutare le forze cosiddette non allineate"

    0:40 Durata: 3 min 10 sec