22 MAG 2001

Guardia di Finanza: Il comandante Zignani illustra risultati e prospettive

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 54 min 15 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 22 maggio 2001 - Il Comandante generale della Guardia di Finanza Alberto Zignani ha tenuto una relazione dal titolo "La Guardia di Finanza: situazione e prospettive", in occasione della presentazione del rapporto annuale 2000 del corpo.

Zignani ha descritto in primo luogo lo scenario operativo e la complessità delle "materie e delle problematiche, oggetto dell'azione ispettiva, la crescente internazionalità delle operazioni economico-finanziarie sottoposti a controllo".

Le risorse in disponibilità della Guardia di Finanza consistono in una "dotazione organica complessiva di oltre
66.000 unità, ripartite in 3225 ufficiali, 36.950 appartenenti ai ruoli ispettori e sovrintendenti e 26.807 appuntati e finanzieri"; in stanziamenti di "bilancio pari - per il 2001 - a 5.677 miliardi di lire, di cui 5.111 quali spese fisse destinate al trattamento economico del personale e 566 miliardi utilizzabili per l'acquisizione di beni e servizi".

La lotta all'evasione fiscale "è senza dubbio la funzione principe della Guardia di Finanza.

Per l'anno in corso, il "Corpo si è posto quali obiettivi da perseguire, l'esecuzione di 24.300 verifiche fiscali generali e parziali, di cui 2.350 nei confronti di soggetti con volume d'affari superiore a 10 miliardi".

L'attività di "polizia tributaria ha portato, - nel 2000 - , all'individuazione di 6.197 evasori totali e paratotali e alla scoperta di oltre 32.000 miliardi di imponibile sottratto a tassazione, tra costi non deducibili e ricavi non dichiarati.

Nel primo trimestre del 2001 il trend si mantiene su livelli elevati, con 1.400 evasori totali e paratotali verificati e 7.000 miliardi di elementi di reddito segnalati agli uffici".

Grande spazio, nell'attività della Guardia di Finanza è riservato a "Iniziativa Adriatica (oggi divenuta "Iniziativa Adriatica e Ionica"), il cui principale scopo è quello di promuovere, sul piano bilaterale e multilaterale, la cooperazione con i Paesi rivieraschi, per il controllo delle frontiere marittime e terrestri e per la riorganizzazione dei sistemi doganali e fiscali e l'assistenza nei confronti di quello albanese".

Nel "contrasto ai traffici illeciti nella lotta ai traffici illeciti, in particolare al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, alle sostanze stupefacenti e l'immigrazione clandestina, nonché nel contrasto al riciclaggio di denaro, nel 1999 sono state sequestrate 1.673 tonnellate di sigarette e 1.897 mezzi tra navali e terrestri, con l'arresto di oltre 1.800 responsabili.

Nel 2000 - anche per effetto della nota Operazione Primavera - sono state sequestrate 683 tonnellate di prodotto e 1.018 mezzi, con l'arresto di 890 soggetti.

L'andamento dei primi mesi del 2001 evidenza il sequestro di 92 tonnellate di tabacchi lavorati e di 190 mezzi nonché l'arresto di 115 soggetti".

In tema di immigrazione clandestina in cui si "combina il traffico di uomini al commercio illegale di armi, di sostanze stupefacenti e di tabacchi", in Puglia, Calabria e Sicilia, "il Corpo impiega 153 unità navali e 15 Elicotteri".

Il compito del "Corpo è assai arduo, le difficoltà tecniche che esistono in un'azione di polizia in mare, hanno comunque consentito, nel 2000, il fermo di oltre 12.600 clandestini, l'arresto di 373 persone responsabili dell'illecito traffico e il sequestro di 236 mezzi, di cui 102 navali.

Nei primi tre mesi dell'anno in corso, tale attività ha consentito il fermo di 2.806 clandestini, l'arresto di 106 persone e il sequestro di 63 mezzi, di cui 19 navali".

Relativamente al riciclaggio di denaro sporco, "Nel periodo 1996/2000, la Guardia di Finanza ha concluso 4.427 accertamenti patrimoniali che hanno consentito il sequestro di beni per un valore complessivo di oltre 4.350 miliardi.

Nel corso dei primi tre mesi del 2001, gli accertamenti ultimati sono 25 e i beni sequestrati ammontano a oltre 81 miliardi.

Circa le Frodi comunitarie "quelle violazioni, cioè, perpetrate a danno del bilancio dell'Unione Europea, nei primi tre mesi del 2001, sono stati complessivamente accertati quasi 72 miliardi d'indebite percezioni e verbalizzati 251 soggetti responsabili".

leggi tutto

riduci

  • Introduzione di Alessandro Finazzi Agrò, Rettore dell'Università Tor Vergata

    <strong>Indice degli interventi</strong>
    0:00 Durata: 2 min 16 sec
  • Alberto Zignani, Comandante Generale della Guardia di Finanza

    0:02 Durata: 49 min 52 sec
  • Conclusione di Alessandro Finazzi Agrò

    0:52 Durata: 2 min 7 sec