01 GIU 2001

Veltroni alla direzione Ds: «Bisogna valorizzare la coalizione»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 52 min 47 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 1 giugno 2001 h 10.45 - Walter Veltroni apre i lavori della direzione dei Ds e indica i temi del confronto.

La direzione Ds dovrà discutere della convocazione di un congresso straordinario, dell'accoglimento delle dimissioni del segretario, del comitato di garanti per la reggenza.

"Abbiamo bisogno di verità e solidarietà", afferma Veltroni e di un "comitato provvisorio" che guidi il partito in questa fase.

La decisione di seguire l' iter del congresso e del comitato di reggenza è stata definita in un incontro avvenuto ieri sera tra lo stesso Veltroni, Pietro Folena, Piero Fassino,
Massimo D'Alema e i capigruppo Luciano Violante e Gavino Angius.

Veltroni aggiunge che è necessario "riunire le forze della sinistra riformista e su questa base avviare un rapporto con Rifondazione".

Ma "l'errore che potremmo fare - avverte - é pensare che il nostro rafforzamento possa nascere da una messa in discussione dell' Ulivo: se scindiamo la grandezza della sinistra e quella della coalizione, cadono insieme".

Secondo Veltroni "sarebbe un errore non capire che non c'è competizione tra il nostro rafforzamento e il rafforzamento dell'Ulivo".

Il neo-sindaco di Roma, ricorda poi i dati elettorali: alla sola coalizione, non alle liste di partito, "sono andati un milione e mezzo di voti".

Bisogna dunque valorizzare la coalizione, perché "sappiamo quanto è stato difficile ricostruire l'Ulivo", ma si deve anche rafforzare la sinistra.

Il partito si troverà davanti a "mesi durissimi", rileva Veltroni.

Sarà di fronte prima al referendum sul federalismo, quindi alla prima finanziaria di Berlusconi, ai rinnovi contrattuali ed infine al congresso.

"Quello che mi ha colpito - conclude - è l'orizzonte ridotto della riflessione del dopo voto".L'Ulivo, se da una parte ha complessivamente perso la tornata elettorale, non si è trattato però di una disfatta.

"La destra - sottolinea il segretario uscente - non ha sfondato come nel 1994: ha vinto le politiche ma ha perso le amministrative.

E' un successo con un segno diverso e quindi neanche per loro ci sono ragioni di suonar fanfare".

Inoltre sono andate meglio "le liste più coalizionali di quelle monopartitiche, più aderenti allo spirito e alla leadership della coalizione".

E' quindi spigabile anche in questo senso il risultato deludente dei DS.

Comunque il pronostico del centrodestra che voleva per il centrosinistra "al Nord una catastrofe e al Sud un massacro", non si e' realizzato, anche se "certamente ci sono problemi al Nord, in particolare a Milano, e nel complesso per il Mezzogiorno". .

leggi tutto

riduci