17 GIU 2001

Conversazione settimanale con Marco Pannella: I radicali, il popolo di Seattle, l'ambientalismo liberale

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 54 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 17 giugno 2001, h22.00 - L'attualità politica - sempre al centro della consueta conversazione settimanale tra il direttore di Radio Radicale, Massimo Bordin e Marco Pannella - induce Marco Pannella ad affrontare due temi assurti agli onori delle cronache nel corso del vertice internazionale tenutosi in terra di Svezia: la lotta antiglobalizzazione del popolo di Seattle e la controversia transatlantica sul protocollo di Kyoto per la protezione del clima con le conseguenti riflessioni sulle tematiche ambientali che hanno anche in passato caratterizzato la lotta politica radicale.Commentando i fatti di Goteborg e le preoccupazioni in vista del G8 di Genova, Marco Pannella, spiega perchè i Radicali «non sono con il popolo di Seattle nè con il potere contro cui questo combatte».

La protesta antiglobalizzazione, secondo il leader radicale, trova origine «nell'assenza di una forza nonviolenta, liberale e politicalmente federalista nel mondo di oggi».

Questo «vuoto» viene riempito, appunto dal popolo protagonista delle violenze di Goeteborg, la cui lotta tuttavia si rivolge solo ai «punti deboli del governo autoritario del mondo», e difficilmente si avvede degli abusi e delle distorsioni presenti anche nei Paesi così detti 'democratici'.

Al contrario l'iniziativa radicale porta alla denuncia di fatti che minano la legalità e la democrazia, hanno portato i Radicali a spingersi in ogni direzione e a divenire attori anche nel nostro Paese.

Pannalla ricorda a titolo di esempio, la propria pervicace rievocazione del nome di Senzani per il periodo del terrorismo, come evocazione "del golpe De Benedetti-Scalfari-Pajetta-Gelli-Berlinguer che è fallito grazie a Radio Radicale».

Proprio per questo e proprio adesso, anche i radicali necessiterebbero di «una classe dirigente più attenta a conoscere prima di deliberare».

Tutto ciò assume rilievo in occasione del "comitato lungo un mese" - che appunto «vuol dire che chiunque per le sue proposte sa di aver tempo (non per soli tre giorni, ma) fino al 15 luglio» - ma ha anche una portata più generale.

«Conoscere prima di deliberare», non è dunque solo lo slogan sul quale è costruita l'intera organizzazione radicale, ma anche il dover essere di chi quotidianamente, nel dibattito virtuale e reale che anima i radicali, fa politica.

La seconda parte della conversazione è invece dedicata alla questione dell'apertura ai Verdi, in nome di un ambientalismo liberale.

Su questo punto il leader radicale si dichiara favorevole ad una discussione.

«Occorre essere sempre attenti alle schiavitù e alle forze della scienza» - spiega.

E, il tema del Protocollo di Kyoto, in merito al quale Pannella denuncia l'inerzia 'capitalista' di Bush ma anche la lentezza europea, potrebbe costituire già un territorio comune. .

leggi tutto

riduci

  • La protesta antiglobalizzazione

    0:00 Durata: 13 min 17 sec
  • Le critiche europee a Berlusconi: «Si tratta di liti nello stesso pollaio, non sono in gara dei veri obiettivi»

    0:13 Durata: 10 min 10 sec
  • I Radicali, attori nella storia del Paese

    0:23 Durata: 13 min 52 sec
  • Il "Comitato lungo un mese"

    0:37 Durata: 11 min 36 sec
  • Il futuro del Partito Radicale Transnazionale

    0:48 Durata: 15 min 5 sec
  • L'apertura ai Verdi e le problematiche ambientali di questi anni

    1:04 Durata: 17 min 48 sec
  • Conflitti sociali e conflittualità sociale

    1:21 Durata: 13 min 2 sec
  • L'insufficiente attenzione della stampa italiana ai processi

    1:34 Durata: 7 min 32 sec
  • L'importanza della conoscenza e la funzione di Radio Radicale

    1:42 Durata: 12 min 6 sec