18 SET 2001

PRC: Bertinotti, «La mancanza di autocritica è oggi la colpa più grave delle società capitaliste»

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 45 min 15 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 18 settembre 2001 - Dell'attacco agli Usa e la possibile reazione armata da parte dei paesi Nato, ha discusso Fausto Bertinotti, ai microfoni di Radio Radicale, nel corso di un'intervista filodiretto a cura di Roberto Iezzi.

Il segretario di Rifondazione Comunista ha anche espresso la sua opinione in merito alla presidenza della Commissione di Vigilanza Rai ed alla politica economica allo studio del governo.

Il ruolo dell'Onu Secondo Bertinotti, occorre in primo luogo individuare i responsabili della strage di New York e Washington, prontando una soluzione attraverso ''il concerto dei
paesi del mondo", e una "giustizia non partigiana".

A giudicare gli imputati "dovrebbe essere un organismo sovranazionale, l'Onu, e il consiglio di sicurezza", perché "il terrorismo è un crimine contro l'intera umanità e non solo contro una parte del mondo".Il terrorismo, un fenomeno autonomo Se da una parte "l'arroganza di una parte del mondo ha alimentato l'acqua in cui nuota il pesce del terrorismo", dall'altra, per il leader di Rifondazione, è necessario sottolineare che "la globalizzazione non è la madre del terrorismo".

Il quale è "un fenomeno autonomo".

La globalizzazione produce una crisi di civilità"La globalizzazione non è madre del terrorismo", essa però "produce una crisi di civiltà - ha aggiunto Bertinotti - diffondendo violenza e ingiustizia", dal momento che "1 miliardo e 200 milioni di persone vivono con meno di un dollaro al giorno ed 1 miliardo e 500 milioni di persone non hanno accesso all'acqua potabile".Occorre "capire fino in fondo il grado di deprivazione" di chi vive nel mondo non industrializzato, e del resto "La mancanza di autocritica è oggi la colpa più grave delle società capitaliste ricche" Arlacchi un esempio del cinismo dell'Occidente I rapporti di Pino Arlacchi con il regime dei Taleban, per Bertinotti sono un esempio "del cinismo dell'occidente" e di una "politica che quasi generalmente l'alleanza atlantica ha perseguito: Il tuo nemico è mio amico", questa politica "ha dato effetti disastrosi nel mondo".

La "conversione" di BerlusconiRelativamente alla "conversione keynesiana di Berlusconi in vista della finanziaria", Bertinotti ne ha contestato l'indirizzo: "la spesa pubblica non serva a finanziare prioritariamente Difesa e servizi segreti, ma deve essere destinata soprattutto alle fasce più deboli della società".I Ds di fronte ad un nuovo scenario politicoRiguardo alla dinamica interna ai Ds in vista del congresso Bertinotti ha chiarito che Rifondazione è guidata "da un'idea di non ingerenza", e comunque la discussione deve essere condotta sui contenuti attraverso un "ripensamento critico dello schieramento di centro sinistra" di fronte al "problema del riposizionamento politico", che nasce dal "cambiamento dello scenario politico internazionale".La Commissione di Vigilanza RaiLa presidenza della commissione di Vigilanza Rai deve essere affidata ad un esponente dell'opposizione.

In ogni caso "evitando la strisciante logica di privatizzazione perseguita anche dai precedenti governi di centrosinistra, così come è indispensabile evitare che la televisione pubblica divenga strumento 'di regime'".

leggi tutto

riduci