05 NOV 2001

Laos: Cossiga esprime solidarietà a Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 5 min 5 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Cossiga esprime solidarietà a Pannella per la vicenda dei 5 militanti arrestati in Laos e invita le forze politiche a sostenere l'intervento in Afghanistan Francesco Cossiga dai microfoni di Radio Radicale ha espresso solidarietà per i cinque radicali arrestati nel Laos: ''Vorrei manifestare la mia piena solidarietà a Pannella che è quasi sempre dalla parte giusta, cioè dalla parte della libertà".

Un processo per i militanti radicali arrestati in Laos "C'è da augurarsi che la diplomazia italiana faccia tutto il possibile per garantire un processo giusto agli arrestati", ha aggiunto
Cossiga, che però ha anche osservato: "Augurarsi sì, ma la nostra diplomazia, impegnata com'è farci acquistare un aereo inutile, non credo che avrà' tempo per occuparsi di queste cose''.

Il monito al presidente del Consiglio L'ex presidente della Repubblica ha quindi ricordato di aver scritto una lunga lettera al presidente del consiglio Silvio Berlusconi in cui lo ringrazia di aver spezzato l'isolamento in cui rischiava di ritrovarsi l'Italia e per offrirgli il suo sostegno alla decisione di far partecipare nostre truppe alle operazioni militari in Afghanistan.

Anche se ci sono "dubbi sulla efficacia di tali per sconfiggere il terrorismo".

Berlusconi, per Cossiga, dovrà fare tutto il possibile "per conseguire la massima unita' del paese", sia per rafforzare il ruolo dell'Italia a livello internazionale, sia per sostenere i nostri soldati che saranno impegnati nelle operazioni militari.

In questo senso la manifestazione pro-Usa del 10 novembre dovrebbe vedere coinvolte anche le opposizioni, oppure semplicemente essere disdetta.

"Non manchi l'appoggio dell'opposizione" Lettera aperta anche al leader dell'Ulivo Francesco Rutelli al quale Cossiga si rivolge affinché "non manchi al governo guidato da Berlusconi, che e' il governo della nazione italiana, l'appoggio ed il sostegno dell'opposizione, nel Parlamento e nel Paese, per questo grave impegno politico e militare a tutela dell'ordine e della sicurezza mondiali nella libertà e nella legalità".

Da un punto di vista costituzionale, Cossiga ha precisato che il voto parlamentare per l'azione militare in Afghanistan "è un lascito del compromesso storico e della solidarietà' nazionale''.

Di fatto "il governo è guidato dal leader della maggioranza, ed è pienamente abilitato a prendere tutte le decisioni".

leggi tutto

riduci