15 MAR 2002

Droga: Intervista a Marco Cappato dopo l'udienza preliminare a Manchester

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 11 min 37 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Manchester, 15 marzo 2001 - Si è svolta l'udienza preliminare presso la Crown Court di Manchester in cui gli europarlamentari Marco Cappato e Chris Davies hanno risposto dell'accusa di detenzione di Cannabis.

Entrambi gli imputati si sono dichiarati non colpevoli, il giudice quindi ha deciso di aprire un vero e proprio processo di fronte a una giuria.

La data della prossima udienza sarà fissata il prossimo 8 aprile, dopo che la giuria avrà risolto la questione legata al fatto che Daives è sottoposto ad un procedimento penale nello stesso collegio in cui è stato eletto"Si tratta di una
prima vittoria" ha detto l'europarlamentare della Lista Bonino Marco Cappato, rispondendo alle domande di David Carretta, per Radio Radicale.

Con la determinazione al rinvio "ci sarà un confronto davanti a una giuria popolare che potrà decidere anche contro la legge in vigore oggi".Il processo si tiene proprio nei giorni in cui sui giornali inglesi si parla di Cannabis e della sua declassificazione, grazie alla pubblicazione del lavoro di una commissione medica da hoc che ha verificato che i danni della marijuana sono inferiori a quelli del tabacco e dell'alcol."Non ci sarà difesa da parte di avvocati", ha precisato Cappato, in quanto con la dichiarazione "di aver commesso il fatto", secondo la legge inglese, gli imputati dovranno parlare in prima persona davanti a una giuria la cui decisione tra l'altro "fa legge".Marco Cappato ha giudicato molto importate il rapporto della commissione di cui si parla sulla stampa inglese, e la declassificazione proposta relativa alla cannabis "potrebbe essere trasferita anche alle convenzioni Onu, che fissano la sostanza sullo stesso grado di pericolosità dell'eroina".Con una revisione dell'approccio dell'Onu, potrebbe aprirsi secondo Cappato "una procedura di verifica complessiva".

L'Odccp di Pino Arlacchi, che si pose come obiettivo "l'eliminazione delle droghe entro marzo 2003" dovrebbe di fronte a tale verifica "confermare che la politica di Arlacchi è stata disastrosa", quindi cambiare definitivamente rotta.

leggi tutto

riduci