20 MAR 2002

Uccisione Marco Biagi: Scajola, "Sono state le BR"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 0 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Uccisione Marco Biagi: Scajola, "Sono state le BR"", registrato mercoledì 20 marzo 2002 alle 00:00.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Servizi Correlati (20.02.2002) - Dichiarazioni di Sergio Cofferati al termine della riunione congiunta Cgil-Cisl-Uil (20.02.2002) - La reazione del Parlamento (20.02.2002) - Il Governo riapre il negoziato, ma il Sindacato conferma lo sciopero (20.02.2002) - Il commento a caldo di Massimo Bordin (19.02.2002) - I primi commenti a Caldo a Porta a Porta (19.02.2002) - La notizia dell'agguatoDall'archivio Due interventi del professor Marco Biagi Le critiche di Cofferati al Convegno del 23 febbraio 2002 Tutto il convegno di Confindustria del 23 febbraio 2002 <strong>Il ministro degli interni ufficializza la matrice del delitto e si dice ottimista sull'esito delle indagini. In serata due ulteriori rivendicazioni definite poco attendibili</strong><p>Roma, 20 marzo 2002 - "Dalle prime risultanze l'arma e' la stessa del delitto D'Antona, il che conferma, come la rivendicazione che e' arrivata, che si tratta delle Brigate Rosse comunisti combattenti". Queste le dichiarazioni del ministro dell' Interno, Claudio Scajola, al termine del Comitato nazionale per l' ordine e la sicurezza pubblica.<p>Il ministro in particolare ha fatto riferimento all'arma del delitto che parrebbe essere "esattamente la stessa" di quella usata nel delitto D'Antona. Scajola ha ricordato che tale elemento può essere messo in relazione a a quanto già accaduto in passato con le Brigate Rosse "con la famosa mitraglietta Skorpion del delitto Moro" usata in tanti altri delitti delle BR. "In sostanza e' - ha aggiunto - un'ulteriore conferma che questo atroce delitto sia firmato".<p><strong>"Riusciremo ad arrestare i colpevoli"</strong><p>Una telefonata è giunta intorno alle 16 e 30 al centralino della redazione di Bologna del Resto del Carlino: "Siamo le Brigate Rosse. Rivendichiamo l'attentato al professor Marco Biagi. Seguirà comunicato. Partito Comunista Combattente". Con queste parole una voce anonima aveva rivendicato l'omicidio.<p>Nella serata poi altre due rivendicazioni: prima intorno alle 20.30 alla redazione bolognese del Sole 24 Ore, quindi a Venezia, in una sede non meglio precisata, secondo quanto annunciato da Scajola nel corso della trasmissione 'Porta a Porta'. <p>Il ministro degli Interni si è dichiarato fortemente convinto che solo la prima delle rivendicazioni sia attendibile. <p>Queste dichiarazioni fanno supporre che gli investigatori siano sulle tracce di un gruppo criminale, anche perchè lo stesso Scajola si era dichiarato ottimista sull'esito delle indagini sin dalla prima serata, quando al termine dell'incontro in prefettura con il Comitato per la sicurezza aveva assicurato che "le forze dell'ordine e la magistratura riusciranno ad arrestare i colpevoli".<p><strong>Altre notizie</strong><p>Si indaga intanto sui filmati registrati nella zone del delitto della videocamere a circuito chiuso. Il volto del basista che con una telefonata avrebbe avvisato i killer che il treno del prof.Marco Biagi era arrivato e che il consulente del ministro del Lavoro stava per giungere a casa in via Valdonica potrebbe essere in un video registrato alla stazione ferroviaria.<p>Il questore di Bologna Romano Argenio, interpellato dai cronisti mentre stava uscendo dalla questura, ha fornito poi alcune delucidazioni sul problema della scorta. <p>"La richiesta di scorta - ha detto Argenio - è partita da Milano ed è poi stata estesa a Bologna. Quando la situazione di Biagi è stata ritenuta meno a rischio la scorta e' stata revocata a Milano e lo stesso è stato fatto a Bologna".<p>