11 GIU 2002

Procreazione assistita: Al via la discussione del progetto di legge alla Camera (Interviste a De Lucia, Biondi, Castagnetti, Conti, Bianco e Grillini)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 20 min 28 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione audio di "Procreazione assistita: Al via la discussione del progetto di legge alla Camera (Interviste a De Lucia, Biondi, Castagnetti, Conti, Bianco e Grillini)", registrato martedì 11 giugno 2002 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 20 minuti.
  • Alfredo Biondi, Forza Italia

    <strong>Si profilano schieramenti trasversali alla Camera nella votazione sulla procreazione assistita. I radicali denunciano il tentativo di trasformare un dogma in legge per tutti</strong><p>Roma, 11 giugno 2002 – È partito l’esame della legge sulla procreazione assistita e da questo pomeriggio l'Aula della Camera comincerà a votare sulla questione, che divide trasversalmente gli schieramenti politici e alimenta da tempo polemiche e discussioni.<p><strong>Embrione soggetto umano fin dalla fecondazione</strong><p>“L'embrione umano è soggetto umano in atto fin dalla fecondazione dell'ovulo”. Con queste parole si apre la proposta di legge della Lega su cui relaziona in Aula Giancarlo Giorgetti, che sottolinea la necessità della “difesa dell'istituto familiare, quale cellula fondamentale della società e centro vitale per la continuità della specie”.<p>Occorre adoperarsi per “la difesa del diritto del nascituro – prosegue Giorgetti in Aula - ad avere un padre e una madre che lo allevino, lo amino, lo educhino e gli assicurino il necessario sostentamento fino alla maggiore età”<p> <strong>Gli schieramenti si disuniscono</strong><p>In mattinata si sono moltiplicati da una parte e dall'altra gli appelli per un confronto non “confessionale”. Forza Italia ha lasciato libertà di coscienza ai propri parlamentari e nella Margherita, come ha annunciato il capogruppo Pierluigi Castagnetti, anche se predomina un orientamento di massima, coabitano sensibilità diverse che meritano rispetto.<p>Alessio Falconio per Radio Radicale ha raccolto le opinioni in materia di Alfredo Biondi, Michele De Lucia, Giulio Conti, Gerardo Bianco, Franco Grillini.<p><strong>Medio evo che torna</strong><p>I radicali manifestano per “il rispetto del diritto e la conquista di nuovo diritto”. È Michele De Lucia, membro del Comitato nazionale di Radicali Italiani, a spiegare il senso della manifestazione radicale di stamani davanti a Montecitorio.<p>Bisogna impedire “che il medio evo che ritorna trasformi un dogma di fede in una legge imposta a tutti”, perché “dove c’è strage di diritto c’è strage di vita” come si radicali testimoniano da anni.<p><strong>Laicizzare il provvedimento</strong><p>Secondo il vice presidente della Camera <em>Alfredo Biondi</em>, Il provvedimento sulla procreazione assistita va “laicizzato e razionalizzato”. “Avendo moglie, due figlie e sei nipoti – precisa Biondi - credo di essere abbastanza in regola dal punto di vista delle mie scelte personali. Ma con le mie scelte personali non intendo vincolare quelle degli altri”.<p>“Una cosa è stabilire un criterio di tutela anche ereditaria o civile, come nel Codice, un'altra è stabilire che quello che nasce da un incontro la sera prima sia da subito una realtà fisica e anagrafica”. In questo senso “bisognerà laicizzare e razionalizzare il provvedimento”.<p>“Come al solito si formano schieramenti contrapposti di Guelfi e di Ghibellini”, prosegue Biondi che spera di mettersi “tra i Ghibellini di parte bianca, in maniera che si possa modificare in alcuni punti la legge. Le scelte di fede sono scelte di fede, e le scelte di diritto sono scelte di diritto. I musulmani credono che il diritto e la fede coincidano. Noi - conclude - non siamo musulmani”.<p><strong>La Margherita si divide</strong><p>Pierluigi Castagnetti ribadisce che nella Margherita si danno per scontate per scontate “risposte diverse e opinioni diverse. Rispettiamole tutte”.<p>Il tentativo che si compie con questa legge, “di straordinaria importanza, è di aiutare a vincere una malattia, quella della sterilità e della infertilità nel pieno rispetto della laicità dello Stato che non può mai essere confusa con l'agnosticismo. SI possono evitare divisioni inutilmente laceranti rispettando un codice etico dello Stato che esiste già”.<p>
    0:00 Durata: 2 min 36 sec
  • Giulio Conti, Alleanza Nazionale

    0:02 Durata: 3 min 12 sec
  • Gerardo Bianco, Margherita

    0:05 Durata: 2 min 32 sec
  • Franco Grillini (DS-U)

    0:08 Durata: 3 min 24 sec
  • Michele De Lucia, Radicali Italiani

    <p><strong>Link</strong> La proposta di legge
    0:11 Durata: 8 min 44 sec