18 AGO 2002

Radicali: Intervista Filodiretto con Daniele Capezzone

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 30 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Capezzone parla delle inziative radicali su tutti i fronti: legalità, il fronte 'Coscioni' sulla ricerca, quello economico sociale, di internet, e delle associazioni come fattore di crescita del soggetto politico radicaleRoma, 18 agosto 2002 - Documento audio completo dell'intervista filodiretto che il Segretario nazionale di Radicali Italiani ha tenuto in mattinata dagli studi di Radio Radicale.

In studio Emilio Targia.Il caso SuraceIl primo tema discusso è stato il caso Surace.

Capezzone si è detto "contento", perché "è una bella storia": "Difendere Surace - ha spiegato - non fa 'fico',
non c'è nulla di intellettuale sofisticato, e non a caso i tre aiuti gli sono venuti dal quotidiano 'Libero', dall'avvocato Trupiano, e dai Radicali, tre irregolari dell'informazione, della giustizia, della politica".Certo, "A Surace - ha ricordato il segretario dei Radicali - è stato dedicato dai media un centesimo di spazio rispetto al rinnovo del contratto di Michele Santoro e sono insoddisfatto - ha spiegato - perché ci sono migliaia Surace in tutta Italia".Riferendosi quindi ai successi parziali e non delle iniziative radicali degli ultimi mesi, dal satyagraha per i plenum di Camera e Corte costituzionale, fino appunto a Surace, Capezzone ha notato come scarsa sia stato il risalto dato dai media all'importanza dei radicali nel determinare buoni esiti come se fosse "bene che non si faccia sapere che con i radicali si può vincere".Il fronte della legalitàIl segretario dei Radicali italiani ha poi iniziato ad esporre fronti di lotta e obiettivi dei radicali per i prossimi mesi.

Il fronte della legalità, rappresentanto innanzitutto dall'informazione Rai: "La Rai è in guerra con la legalità.

Una volta in vacanza Vespa, Santoro e Biagi, la politica in Tv ha chiuso.

Possibile che con 11 mila dipendenti, di cui 2 mila giornalisti non ci fosse nessuno per delle trasmissioni d'approfondimento?".Né, ha denunciato Capezzone, citando "un'incredibile lettera di risposta del presidente della Commissione di Vigilanza Petruccioli, sono stati realizzati i messaggi autogestiti previsti dalla legge.

A settembre poi riprenderanno le tribune politiche "a handicap", dove gli interlocutori non hanno lo stesso tempo di parola.Sulla legalità dunque, Capezzone ha annunciato "attività di denuncia su tutti i fronti, anche alla Corte europea dei diritti dell'uomo sulla mancanza del plenum della Camera: "Il satyagrha ha vinto - ha spiegato - perché una decisione è stata presa, ma la decisione presa viola la Costituzione".Il fronte 'Coscioni'Sul fronte da lui definito 'Coscioni', quello della ricerca, ha osservato come siano "dimezzati i fondi per la ricerca e raddoppiati quelli per i partiti".

Bisogna, ha proposto "raccogliere il network malati-scienziati-ricercatori attorno a Luca Coscioni.

Di fronte a una maggioranza talebana, la sinistra è ipocrita e non pone la questione della libertà di cura e di ricerca"."Lo scandalo - ha aggiunto - è la commissione di bioetica, e che la sinistra abbia cacciato Veronesi dalla politica, occorre recuperarlo", ha detto, soffermandosi in particolare su temi quali la procreazione assistita, la clonazione terapeutica, l'eutanasia, e la droga: "Chi si buca abbia a che fare con un medico e non con uno spacciatore".Per l'economia necessarie riforme strutturaliRiguardo la politica economica del governo, ha espresso un giudizio molto critico: ci sarà "oltre il 3% di indebitamento sul pil e occorrerà una manovrina di 40 mila miliardi o con riforme strutturali, che non sembrano voler fare, o con tasse.

A sinistra gli unici con una strategia sono Bertinotti e Cofferati.

L'Italia è sempre più delusa e non rappresentata".Capezzone ha sottolineato in particolare l'esigenza di riforme strutturali su due aspetti: abolizione delle pensioni d'anzianità e flessibilità del mercato del lavoro: "Con i denari ora spesi in pensioni d'anzianità - ha poi fatto un esempio Capezzone - con i denari ai sindacati, alla fiat per la cassa integrazione, sarebbe possibile la riforma degli ammortizzatori sociali".Giustizia: Le risse producono non riformeSui problemi che riguardano la giustizia il segretario dei Radicali ha parlato di "una sinistra sulle posizioni eversive dei magistrati, e sfascista (Angius ha votato per la Corte Costituzionale il candidato di Previti Vaccarella contro Mancuso) e di una destra a-riformatrice.

Le risse producono non riforme e i costi li paghiamo su tutti i fronti".Devoluzione e sistema elettoralePer quanto riguarda le riforme istituzionali, Capezzone è tornato a rilanciare il modello americano con un sistema elettorale maggioritario uninominale a un turno, avvisando che altrimenti "la devoluzione con il proporzionale produrrebbe nelle regioni le succursali dei 44 partiti romani.

Il sistema istituzionale è ora prigioniero dei veti incrociati dei partiti del proporzionale".Newsletter stampabileTra le iniziative per far crescere il partito Radicale su internet, Capezzone ha proposto una "newsletter stampabile, fruibile in via telematica, ma con una sua fisicità, equivalente a una prima pagina in cui si dia la lettura radicale della giornata, e tale da poter pretendere di stare nelle rassegne televisive".

In una seconda parte la community di Radicali.it dovrebbe deciderne i contenuti, in una terza parte dovrebbe essere valorizzati materiali audiovideo d'archivio.Associazioni radicali fattori di crescitaInfine, il segretario Capezzone ha parlato delle associazioni radicali come di necessari fattori di crescita del soggetto politico radicale, prefigurando il seguente scenario, al motto di "non solo resistere, ma crescere": "Dopo 6 mesi di campagna per la legalità, 50-60 associazioni, ed essere stati protagonisti della campagna dei referendum di Rifondazione comunista, è possibile anche pensare alle firme per referendum da presentare alle europee dell'anno successivo".

leggi tutto

riduci

  • Caso Surace

    <br>Indice degli argomenti
    0:00 Durata: 6 min 46 sec
  • Occuparsi del Mons. Milingo. La mancanza di trasparenza del Vaticano

    0:06 Durata: 3 min 36 sec
  • Iniziative radicali sulla legalità: l'informazione Rai, la mancanza del plenum alla Camera, le carceri

    0:10 Durata: 8 min 17 sec
  • Libertà di ricerca, bioetica, laicità dello Stato

    0:18 Durata: 5 min 58 sec
  • Politica economica del Governo, referendum Rifondazione, riforma delle pensioni

    0:24 Durata: 8 min 16 sec
  • Giustizia

    0:32 Durata: 5 min 2 sec
  • Riforme istituzionali. Caso Friuli V. G.

    0:37 Durata: 4 min 20 sec
  • E-democracy; Radicali in rete; associazioni radicali

    0:42 Durata: 6 min 43 sec
  • Il progetto di Radicali italiani su più fronti: legalità, ricerca, economico-sociale, internet, associazioni. Il satyagraha di Marco Pannella

    0:48 Durata: 4 min 19 sec
  • Non disponibili ad accordi senza la volontà delle riforme necessarie

    <br>Filodiretto con gli ascoltatori
    0:53 Durata: 3 min 37 sec
  • Strumenti per i ricorsi dei detenuti

    0:56 Durata: 1 min 47 sec
  • Strumenti contro la disoccupazione: riforma delle pensioni, flessibilità mercato del lavoro

    0:58 Durata: 3 min 47 sec
  • Giustizia: azione eversiva leadership magistratura, inerzia avvocatura

    1:02 Durata: 2 min 49 sec
  • Bontà delle proposte radicali

    1:05 Durata: 2 min 18 sec
  • Giustizia: guai giudiziari di Berlusconi e riforme necessarie

    1:07 Durata: 2 min 57 sec
  • L'assassino di Rabin

    1:10 Durata: 1 min 39 sec
  • Devoluzione e legge elettorale

    1:12 Durata: 2 min 33 sec
  • Prostituzione e privacy

    1:14 Durata: 3 min 11 sec
  • Modello americano per le riforme

    1:17 Durata: 2 min 14 sec
  • Finanziamento pubblico ai partiti. Conflitto d'interessi. La sinistra da ricostruire su basi Palavobis?

    1:20 Durata: 4 min 49 sec
  • Immigrazione e Terrorismo

    1:24 Durata: 3 min 8 sec
  • Legge elettorale maggioritaria

    1:28 Durata: 2 min 30 sec