18 AGO 2002

Radicali: Conversazione settimanale con Marco Pannella, Surace e Sofri esempi di questa Italia

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 51 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Stefano Surace ed Adriano Sofri esempi dell'Italia che non va secondo il leader radicale, che poi si sofferma sul sistema radiotelevisivo italiano e sulle prossime battaglie del PRRoma, 18 agosto 2002 - Marco Pannella nella conversazione di questa settimana ha voluto innanzitutto fare alcune "precisazioni" sulle ultime battaglie radicali a cominciare da quella per Stefano Surace e dalla giornata di digiuno per Adriano Sofri, lanciata dalla neonata associazione radicale Antiproibizionisti.it.Surace e Sofri"Ho avuto - ha detto il leader radicale - da fonti che ritengo molto attendibili, la notizia che alla Presidenza della Repubblica non è stato ancora inviato il materiale per decidere della grazia per Stefano Surace.

Diamo al Ministro Castelli le responsabilità che Feltri su Libero in questi giorni attribuiva a Ciampi"."Ritengo che ancor più della vicenda Surace - ha poi proseguito Pannella - la questione Sofri sia metro della civiltà di un paese dove pur esistendo la possibilità del Capo dello Stato di intervenire per concedere una grazia, dobbiamo assistere a questo scempio"."Sofri quotidianamente scrive e collabora con giornali nazionali, con un contributo di grande qualità.

Quello di oggi è solo un inciso in questa battaglia.

Non è possibile continuare a fare incisi sulla questione Sofri, e non intendo continuare con incisi".Arnold Trebach presidente della LIAAltro argomento della conversazione l'iniziativa del Partito Radicale, con in primo piano notizie sulla Lega Internazionale Antiproibizionista e sull'Organizzazione Mondiale della Democrazia."Domani pomeriggio - ha annunciato Pannella - avremo una riunione del Comitato dei Presidenti, dove dovremo prendere importanti decisioni in vista del Congresso di Novembre"."Proprio oggi - ha poi aggiunto il leader radicale - nella ricostituita LIA ha accettato le funzioni di presidente il più noto militante antiproibizionista dei diritti civili Arnold Trebach, candidato al Nobel da moltissime organizzazioni degli Stati Uniti, la massima autorità statunitense e forse mondiale nel campo.

Questo è un altro segnale che sta accadendo qualcosa di importante per il Partito Radicale Transnazionale".Il sistema radiotelevisivo italianoInfine passaggio dedicato al sistema radiotelevisivo italiano, con la colpevole assenza dai palinsesti Rai di questa estate di programmi di approfondimento ed informazione politica, e le dichiarazione delle ultime ore del ministro Maurizio Gasparri."Gasparri e Berlusconi - ha infatti evidenziato Pannella - stanno lavorando per aprire il mondo della televisione anche ad Agnelli e Romiti, per questo Gasparri ha annunciato di voler superare la legge Mammì.

Anche questa volta, come accade da ottanta anni, Fiat e Roma si mettono d'accordo per spartirsi l'Italia.

Il tutto corrisponde alla linea di Tremonti, che è una linea neo-corporativista e niente affatto liberista".

leggi tutto

riduci