20 MAR 2005

Conversazione settimanale con Marco Pannella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 4 ore 1 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Conversazione settimanale con Marco Pannella", registrato domenica 20 marzo 2005 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Area radicale.

La registrazione video ha una durata di 4 ore e 1 minuto.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Introduzione di Massimo Bordin

    Indice
    0:03 Durata: 1 min 57 sec
  • Edizione integrale

    Roma, 20 marzo 2005 - Conversazione settimanale con Marco Pannella. Conduce il direttore di Radio Radicale Massimo Bordin.
    0:03 Durata: 2 ore 38 sec
  • Il progetto dell'assemblea dei soggetti radicali 3 giorni dopo l'esito referendario

    Il progetto nasce dalla necessità di affrontare il dopo referendum per evitare di chiudere la campagna referendaria e poi riparlarne in autunno, salvo lamentarsi per una ventina d'anni se andrà male o dormire per sei mesi sulla vittoria, di fronte ad un parlamento come questo che ha approvato la legge 40 e che dunque potrebbe anche abolire la legge sull'aborto. La necessità di richiamare l'attenzione del mondo intero sullo scontro in atto in Italia che si coagula attorno al referendum, uno scontro di frontiera fra forze liberali democratiche antiautoritarie, le forze autenticamente religiose e non confessionali, uno scontro tra questo blocco storico e l'altro, che rappresenta un momento di espressione durissima, violenta e quasi inedita di una proposta di una gestione autoritaria degli individui e degli stati che tende ad affermarsi. L'importante notazione di Daniele Capezzone sul contesto del dopo 12 maggio 74, in cui Pannella giunse al 15° giorno di sciopero della fame. In quella estate si manifestò in tutta evidenza il sabotaggio dell'informazione contro i radicali. Fu l'estate nella quale Pasolini sul Corriere della sera spiegava le ragioni e gli obiettivi di quello sciopero della fame. Lì c'era da incardinare nei tempi previsti e regolamentari il dibattito sull'aborto. Dopo 6 mesi un magistrato fece arrestare Adele Faccio e Gianfranco Spadaccia. La scelta di Berlinguer di annunciare che il Pci avrebbe dato seguito in parlamento il proprio progetto per l'aborto. Tale annuncio non era stato preceduto da alcuna riunione politica della direzione comunista. La necessità di porsi nella stessa prospettiva del 1974. Cioè essere pronti a difendere l'eventuale vittoria e ad affermarne le coerenti conseguenze politiche e anche legislative da una parte o far pronte ad una mancanza del quorum che comunque in tutto il mondo sarebbe una vittoria dei sì e che in Italia vedrebbe il successo della gerarchia vaticana, di questo gruppo di potere che oggi occupa la Chiesa cattolica oltre che le istituzioni italiane. La citazione ripresa da Maurizio Turco del presidente del consiglio francese Comb, che 100 anni fa fece approvare una legge di spoliazione della chiesa cattolica delle sue ricchezze immense. Il progetto e gli argomenti della proposta di ospitalità avanzata da Giuliano Ferrara: in causa c'è ben altro che l'embrione: è in causa la democrazia, la libertà religiosa e anche un disegno che va messo in luce: il gruppo di potere vaticano, anche approfittando delle condizioni di salute e della condizione menomata del pontefice sta cercando di dimostrare alla vigilia delle probabili dimissioni o alla probabile necessità di eleggere un nuovo pontefice, che la linea talebana e simoniaca del Vaticano nei confronti della Chiesa è quella vincente. Le dichiarazioni di Andreotti sul referendum. Il congiungersi peggiorandosi sia con i peggiori istinti del fondamentalismo islamico, sia dei fondamentalismi anche delle chiese riformate o protestanti per esempio in Usa. Il paragone tra i diritti dell'embrione e quelli dei viventi. Il diritto è sempre di chi può esercitarlo e non di colui il quale non ne sa nulla. La demolizione del concetto stesso di diritto e legge da parte del potere impazzito e assoluto del Vaticano. La manifestazione radicale potrebbe essere convocata con la procedura dell'"Assemblea dei Mille": se vi sono 1000 persone che convocano con un testo questa manifestazione, essa si terrà. Occorrerà ad esempio coinvolgere nella lotta referendaria italiana al massimo coloro che stanno sostenendo e finanziando i referendum in Texas con un testo da pubblicare sui giornali Usa. Il problema delle risorse umane ed economiche. Si tratterà di qualcosa che parte dal fronte italiano, che parte e che vive nella realtà italiana in modo particolare a partire dalle lotte del partito radicale e dei soggetti radicali con gli alleati che questa volta si spera si manifesteranno con maggiore tempestività e concretezza di quanto sia accaduto con la campagna per la raccolta delle firme. Il paragone con quanto ha fatto l'Associazione Coscioni con la Sessione Costitutiva del Congresso mondiale per la libertà della ricerca. Il testo potrà richiamare nella forma anche il Manifesto-Appello contro lo sterminio per fame.
    0:05 Durata: 23 min 47 sec
  • La data per i referendum

    L'articolo sul Corriere della Sera dei giorni scorsi: una deformazione molto grave delle dichiarazioni di Pannella. La situazione all'interno del governo dopo l'approvazione della legge sulla fecondazione assistita. Le promesse fatte a Ruini. Le posizioni di Bondi, Prestigiacomo e Boniver. Le incertezze dei Ds nella raccolta firme. I contatti con Berlusconi. L'intenzione manifestata da Berlusconi di voler garantire la partecipazione civile al referendum e il rischio di seguire il ministro diessino Napolitano, nel rinvio della data. Le "balle" di Pisanu sul termine ultimo per decidere. La decisione può essere presa anche dopo il 4 aprile ad esito delle regionali concluso, che non riguarda i radicali e referendari. Marrazzo e Storace manifestano lo stesso servaggio all'Oltretevere, ingannando la maggioranza degli elettori. La posizione di Prodi sui referendum. La candidatura di Emma Bonino per l'Alto commissario per i profughi all'Onu. Il futuro politico di Berlusconi. La differenza tra il dialogo e la trattativa nei contesti dei sequestri Moro e D'Urso. La morte di Galvaligi. L'iniziativa con Il Foglio di Giuliano Ferrara. Il piano per proporre testi di convocazione della grande assemblea di cui si parla nella mozione di Radicali Italiani. Verrà chiesto di intervenire a tutti coloro che non vogliono accontentarsi di una vittoria senza un domani, come quella sul finanziamento pubblico, come tutte le altre vittorie referendarie tradite.
    0:29 Durata: 21 min 19 sec
  • L'astensione

    Le scelte dei presidenti del Senato. L'annuncio di Scognamiglio che si asterrà. I progetti di aggregazione liberale di Diaconale.
    0:50 Durata: 3 min 14 sec
  • Stralcio dall'intervento di Marco Pannella al Comitato nazionale di Radicali Italiani: l'intervento di Giulio Andreotti sul referendum

    La purezza della colomba e l'astuzia del serpente di Giulio Andreotti che ha dichirato: mi inchino a Ruini. Ha scelto così di svelare agli altri le motivazioni e le condizioni nelle quali lui si trova: l'inchino del "reverendum" contro la legge, il diritto, il libro, la parola del referendum. Ma occorre invece dire "Referendum e non reverendum". Le dichiarazioni di Andreotti su Buonaiuti e l'assassinio di Pellegrino Rossi.
    0:53 Durata: 2 min 6 sec
  • Referendum e non reverendum

    La questione della legittimità. La posizione di Eugenio Scalfari relativamente ai limiti posti dal Concordato madamense sugli interventi della Chiesa nella politica nazionale. La sciagura che è la magistratura associata italiana che su questo non interviene né interverrà. Regionali: Il caso delle firme false di Alessandra Mussolini, la prassi di tutte le forze politiche di raccogliere firme su liste in bianco, dove non figurano i nomi dei candidati. Le candidature di Cacciari e Casson. In termini di legalità le culture maggioritarie di potere di destra e di sinistra sono identiche. L'iniziativa politica dell'Ospitalità. Le liste Luca Coscioni. I programmi di Bossi e l' "officina" del centrosinistra. Il Corriere della Sera che pubblica la foto di Capezzone accanto a quella di Pera. L'antagonismo non è fra chi si astiene e chi non si astiene. L'antagonismo è tra chi dice no con l'astensione o con il no e chi dice sì. L'attesa per la scelta che farà Scalfaro. È inedito il contesto che va delineandosi. Senatori a vita ed ex presidenti del consiglio si ritengono rispetto alla propria esistenza, in qualche misura costretti, liberamente costretti, ad inchinarsi ai dettami di Ruini. Un atto che onora che lo compie ma non onora colui che è riverito: il reverendum al posto del referendum. Il valore e la storia politica di Andreotti.
    0:55 Durata: 13 min 4 sec
  • Il problema dello stato città del Vaticano

    Il problema del fondamentalismo. Le scelte del presidente Bush: la contraddizione tra l'uomo di governo rispetto all'ideologo. L'offensiva del fondamentalismo della Chiesa cattolica che parte dall'Italia e intende affermarsi nel mondo. La richiesta del Vaticano a Condoleeza Rice nella questione della pedofilia. Le dichiarazioni del vescovo in Argentina contro l'aborto, che invoca di gettare in mare con una pietra al collo il ministro pro-aborto, cosa che richiama alla mente le tremende pratiche della giunta del generale Videla contro i desaparesidos. L'incontro di Videla con Paolo VI. La differenza con mons. Romero. Le dichiarazioni di Navarro su questo episodio. La necessità di porre il problema dello stato città del Vaticano. Le anticipazioni in questo senso di Ernesto Rossi. Secondo lo statuto dell'Onu se viene riconosciuto uno stato occorre poi vedere come esso è organizzato al suo interno. Lo statuto del pontefice quale sovrano nell'attività dell'esecutivo e di legislazione. Il mancato riconoscimento dei diritti umani di qualsiasi dipendente del Vaticano. I concordati non vanno firmati con un stato ma dove essi voglio essere fatti, si fanno con le Chiese, o la Chiesa ma non come organizzazione mondana dei tesori averi, gli ori e quattrini che essi accumulano sempre più.
    1:08 Durata: 10 min 56 sec
  • I passi in avanti di Piero Fassino

    Le dichiarazioni di Fassino su Bush e la democrazia in Medio Oriente. L'incontro al consiglio nazionale dei Ds. Il contributo dell'Unità di Colombo alla campagna "Iraq libero" e per la raccolta firme per il referendum. La posizione liberale e non "liberal" di Lanfranco Turci. In questo quadro esiste finalmente quella possibilità di intese o di intendimento comune su cose importanti cercato un po' scandalosamente nel 1959 con l'articolo pubblicato su Paese Sera. Le replica di Togliatti. Il contesto di quei giorni.
    1:19 Durata: 10 min 45 sec
  • La candidatura di Emma Bonino per l'Alto commissario per i profughi all'Onu

    Prosegue l'impegno della Farnesina per arrivare alla nomina di Emma Bonino. L'interessamento di Berlusconi e i suoi problemi con Bossi. la sconfessione di Calderoli da parte di Bossi. L'attrito con una parte dell'amministrazione Usa. La cadidatura del francese Bernard Kushner.
    1:30 Durata: 9 min
  • Il governo e l'Unione Europea

    La vicenda Eurostat. Le posizioni di Tremonti sull'Europa. I cedimenti leghisti di Berlusconi. I punti di distanza sulla politica estera tra Cdl e radicali: sullaTurchia, sull'Ue, sul patto di stabilità. Il lavoro di Gianni Letta la cui unga esperienza può rivelarsi preziosa ner rendere un tantino di ragionevolezza a Ruini e alla Cei.
    1:39 Durata: 7 min 10 sec
  • Un anno fa il Presidente Ciampi richiese le "carte" su Sofri

    L'iniziativa dello scorso anno sul potere di concedere la grazia del Presidente della Repubblica. Lo sciopero della sete. La conclusione dell'iniziativa il giorno di Pasqua. Appello al Presidente Ciampi affinché non sia necessario riprendere lo sciopero della sete.
    1:46 Durata: 3 min 21 sec
  • La discussione sull'eutanasia

    I commenti di Piero Welby sulla vicenda di Terri Schiavo nel forum. Il precedente di Emilio Vesce. Le posizioni del Vaticano, di coloro che ordinano anche in termini di morte oltre che di nascita, coloro che si sono impadroniti della Chiesa. le accuse di scientismo da parte di Socci e Agnoli. La proposta di ospitalità avanzata da Giuliano Ferrara. L'importanza dell'iniziativa di Capezzone, Irene Testa e Sergio D'Elia sulla ex Cirielli. La serata di Radio Carcere dedicata a questo. La posizione di Castelli.
    1:50 Durata: 13 min 59 sec