10 LUG 2002

CSM - Plenum del 10 luglio 2002, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 2 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seduta antimeridiana All'ordine del giorno: 1) Ordine del giorno speciale, sezione A e B 2) Proroga collocamento fuori ruolo 3) Proroghe di applicazioni extradistrettuali 4) Proroga dell'incarico quale componente del Comitato Scientifico 5) Proroga per 6 mesi di un incarico di collaborazione con la Settima Commissione 6) Proroga dell'incarico quale componente del Comitato Scientifico fino alla sua sostituzione 7) Criteri per la concessione degli interventi assistenziali di cui all'art.

21, comma terzo 8) Relazione presentata dal gruppo di lavoro in materia di organici istituiti dal CSM 9)
Proposta relativa alla messa a punto di un sistema di monitoraggio dei flussi giudiziari 10) Nota n.

169 in data 7/8/2001 del P.G.

della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli avente ad oggetto: ordine di servizio n.

39 del 2001 e nota n.

498 del 29/7/2001 avente ad oggetto: istituzione dell'ufficio impugnazioni Il CSM nelle agenzie di stampa SEGGI VACANTI:PANNELLA,PRONTO A SCIOPERO FAME E ATTENDO VOTO SPERO DI NON DOVER RICORRERE NUOVAMENTE A SCIOPERO SETE (ANSA) - ROMA, 10 LUG - Per ora Marco Pannella riprende lo sciopero della fame, attende il voto di oggi sul Csm e spera di non dover ricorrere nuovamente allo sciopero della sete.

''E' doveroso attendere - dice in una dichiarazione - l'esito della votazione in Parlamento per l'elezione dei Consiglieri laici per il CSM.

Per la fiducia che dobbiamo anche alla personale onest… politica e parlamentare del Presidente Soro.

E' opportuno di meglio comprendere e valutare le oggettive garanzie della conclusione entro lunedi' della vicenda relativa alle proclamazioni necessarie per il plenum della Camera o per la sua 'modifica'.

E' quanto siamo e sono impegnato in queste ore.

Occorre non disarmare il Satyagraha e il dialogo in corso, non cedere a non giustificati ottimismi.

Per questo sara' nel corso del pomeriggio che potro' decidere sotto quale forma riprendere eventualmente anche sciopero della fame o þ davvero voglio sperare che cos non sia þ della sete.

E' un momento psicologicamente favorevole: occorre coglierlo, non consumarlo.

Dalle sabbie mobili ci si salva solamente stringendo ben fermamente la solida regola della legalita'".

CSM: PANNELLA, 'STRANE VOCI' SU VOTIFICIO IN PARLAMENTO (ANSA) - ROMA, 10 LUG - "Circolano ora 'strane' voci: non solamente il Parlamento funzionerebbe oggi nientþaltro che come votificio, ma persino lo sarebbe la seduta preannunciata politicamente per domani''.

E' quanto teme Marco Pannella il quale, in una dichiarazione, ha affermato di attendere il voto.

Secondo Pannella inoltre le voci riguarderebbero anche ''chi dall'interno delle responsabilit… istituzionali si esprime, preferisce esprimersi istituzionalmente con il silenzio, persegue un disegno destabilizzante piuttosto che oscuro, tanto da potere sperare che il Parlamento non torni ad esserlo nemmeno la prossima settimana''.

''Mi auguro - ha aggiunto Pannella - che l'umile aiuto, militante, che abbiamo, ho dato e stiamo dando, sia colto sia dal presidente Ciampi, nel Quirinale, sia dal presidente Casini nel Parlamento.

Per il resto ormai tutti sanno quel che noi speriamo di dovere o non dovere fare''.

''Sto sempre piu' sospettando - ha concluso - che il Presidente Cossiga non solo comprenda þ il che gli accade molto spesso þ ma perfino dica il vero sulle realta' che ipotecano in questo momento la vita delle istituzioni e della legalita' in Italia".

DS: LUIGI BERLINGUER A CSM ? AL SUO POSTO AL SENATO DI PIETRO ? AGI) - Roma, 10 lug.

- Torna in campo Antonio Di Pietro.

Nei prossimi mesi l'ex pm potrebbe tornare a sedersi sugli scranni del Senato.

Se infatti andasse in porto, come sembra in queste ore, l'elezione di Luigi Berlinguer come componente laico del Csm (il suo nome e' portato dai Ds nelle trattative sugli otto componenti da eleggere oggi o piu' probabilmente domani), la Quercia sta pensando di offrire la candidatura al seggio di Pisa che rimarrebbe vacante proprio a Di Pietro.

In alcuni settori dei Ds si sta facendo strada anche l'idea di offrire quel seggio a Sergio Cofferati, ma sembra che il leader sindacale sia ben determinato a tornare all'Olivetti dopo la fine del suo mandato.

Contro l'ipotesi di Cofferati senatore c'e' anche la forte irritazione che fra i suoi piu' stretti collaboratori ha suscitato l'intervista di Fassino di stamane.

Le parole del segretario sono state giudicate "inopportune" da molti esponenti del correntone, proprio alla vigilia dell'incontro tra Ds e Cofferati.

Del seggio che potrebbe rimanere scoperto, comunque, si occuperanno i Ds nelle prossime ore.All'ipotesi che Sergio Cofferati scenda in campo in politica "attraverso questa porta secondaria" sono in molti, all'interno dei Ds, a non credere.

"Sergio - dice Pietro Folena - non ha bisogno di cercare posti o seggi vacanti.

Ormai - afferma ancora l'esponente del Correntone - c'e' attorno al leader della Cgil un giro vorticoso di voci che non trovano riscontri nella realta', nel partito nessuno ha pensato a questo".

Sull'eventualita' che la Quercia offra al leader della Cgil il seggio di Pisa che rimarrebbe vacante nel caso dell'elezione di Luigi Berlinguer come componente laico del Csm, anche Giuseppe Giulietti e' scettico: "Sergio sa che cosa vuole, ha le idee chiare e non e' certo questo il suo desiderio.

Bisogna diffidare - continua il diessino - da questi pettegolezzi che mirano soltanto a delegittimarlo".

Dunque sono proprio gli esponenti del Correntone, area di riferimento di Sergio Cofferati, a chiudere la porta ad una tale possibilita'.

Nel centrodestra, pero', c'e' gia' chi commenta l'ipotesi di una discesa in campo di Cofferati: "Io - chiosa Michele Saponara di Fi - penso che possa essere la strada migliore per Cofferati, anche perche' - conclude l'avvocato azzurro - non credo proprio che vada a fare l'operaio alla Pirelli...".

MARCO BIAGI: RONCO (CSM), ORA BASTA A STERILI POLEMICHE (ANSA) - ROMA, 10 LUG - Ora basta a sterili polemiche .

E' l'invito che viene dal consigliere del Csm Mauro Ronco (Ccd) dopo l'audizione ieri a Palazzo dei marescialli dei vertici della procura di Bologna voluta dal Consiglio per verificare se vi fossero carenze di uomini che rallentano le indagini sull'omicidio di Marco Biagi.

''L'audizione al Csm del procuratore di Bologna Enrico Di Nicola ci ha rassicurato che non mancano affatto mezzi tecnici e risorse umane di altissimo livello a disposizione dei magistrati per scoprire gli assassini del professor Biagi'', sottolinea Ronco.

Per questo ''messi da parte gli pseudo-problemi affiorati sui giornali nelle scorse settimane, e' augurabile che tutti i mezzi e le risorse siano impiegati con rinnovato impegno senza alcun cedimento a polemiche sterili''.

MARCO BIAGI: DI NICOLA, NESSUNA SPACCATURA FRA MAGISTRATI PROCURATORE BOLOGNA, CONOSCEVAMO CONTENUTO LETTERE (ANSA) - BOLOGNA, 10 LUG - ''Non ho mai dichiarato che i Pm Giovanni Spinosa e Antonello Gustapane hanno omesso di leggere o di valutare alcun atto presente nella procedura loro affidata'', cioe' nell' indagine sulla revoca della scorta al professor Marco Biagi.

Cosi', con un comunicato, il procuratore di Bologna Enrico Di Nicola ha puntualizzato alcune notizie apparse oggi sulla stampa, in merito all' audizione dello stesso Di Nicola e dell' aggiunto Luigi Persico davanti alla 10/a Commissione del Csm, avvenuta ieri.

Di Nicola e' anche tornato sulla vicenda delle lettere del giuslavorista assassinato che erano state pubblicate dal periodico bolognese 'Zero in Condotta': ''La Procura - ha chiarito - conosceva il contenuto delle lettere, da testimonianze e prove documentali, e poi quelle lettere avevano una rilevanza meramente politica, non un' importanza per le indagini''.

Di Nicola, sempre nel comunicato stampa, ha puntualizzato altre notizie circa la sua audizione: ''Non sono rispondenti al vero e, comunque, non rispecchiano il contenuto delle dichiarazioni rese dal procuratore della Repubblica illustrando alla 10/a Commissione del Csm la relazione scritta e in quella sede depositata''.

In particolare - si legge nel comunicato - Di Nicola si riferisce ''alla pretesa 'vera e propria spaccatura' tra il vertice della Procura e i Pm Spinosa e Gustapane; alla prospettazione secondo la quale il dottor Di Nicola si sarebbe coassegnato entrambe le indagini pendenti sul caso Biagi per pretese divergenze con gli altri Pm assegnatari dei procedimenti; alla notizia secondo cui missive, ulteriori rispetto a quelle inviate alle Prefetture di Roma e Bologna ed e-mail del professor Biagi pubblicate il 28 giugno 2002 dal quotidiano 'La Repubblica' (e da 'Zero in Condotta', ndr) fossero presenti in quel momento negli atti dell' indagine sulla mancata protezione al professor Marco Biagi; e il fatto che il dottor Di Nicola abbia riferito al Csm queste notizie''.

In pratica, come aveva spiegato lo stesso procuratore consegnando il comunicato, al momento della pubblicazione delle lettere la Procura ne conosceva si' il contenuto, ma non le aveva materialmente agli atti dell' indagine.

GIUSTIZIA:ROSSI (CSM),PREVITI NON HA DIRITTO AD ALCUNA LISTA (ANSA) - ROMA, 10 LUG - Magistratura democratica non e' un'associazione segreta.

Ma ''cio' non significa affatto che abbia alcun obbligo giuridico di consegnare all'avv.

Sammarco e all'on.

Previti la lista dei suoi iscritti''.

A sottolinearlo e' il consigliere del Csm del gruppo di Magistratura democratica Nello Rossi.

Rossi replica direttamente all'avvocato del deputato di Forza Italia che ieri aveva detto di non aver capito se la lista dei magistrati aderenti ad Md fosse ''segreta o meno'' e aveva ricordato che nella Costituzione ''e' previsto un solenne divieto per le associazioni segrete che, a mio avviso, sono tali quando non e' possibile conoscere il nome degli associati''.

Il consigliere invita il legale ''a rileggere il primo articolo della legge n.17 del 1982 ( la c.d.

legge Spadolini) che definisce associazioni segrete quelle che nascondono 'la loro esistenza' ovvero tengono segrete congiuntamente 'finalita' ed attivita' sociali' ovvero rendono 'sconosciuti in tutto o in parte ed anche reciprocamente i soci'.

Md non ha mai nascosto ne' la sua esistenza ne' le sue attivit… ( non le si e' sempre rimproverato di essere troppo visibile?) mentre i suoi congressi e gli incontri e convegni che promuove sono sempre pubblici e tali da consentire a chiunque di conoscere gli aderenti al gruppo e le loro opinioni''.

Ma l'obbligo di consegnare le liste dei propri iscritti non c'e': ''l'art.

6 della legge Spadolini ha abrogato la norma ( fascista) dell'art.

209 della legge di pubblica sicurezza del 1931 che consentiva all'autorit… di pubblica sicurezza di ottenere la consegna dell'elenco dei soci da parte dei dirigenti dell'associazione.

Md, dunque, come qualsiasi altra libera associazione del nostro paese , non ha alcun obbligo di pubblicizzare all'esterno l'identit… dei suoi associati''.

Per questo ''se l'avv.

Sammarco vuole conoscere Md ed i suoi aderenti puo' partecipare a tutte le sue iniziative pubbliche rigorosamente autofinanziate, compreso il nostro prossimo congresso''.

PARLAMENTO: CSM; INIZIATE VOTAZIONI PER ELEGGERE OTTO MEMBRI (ANSA) - ROMA, 10 LUG - Sono iniziate in Aula alla Camera le operazioni di voto per l'elezione da parte del Parlamento in seduta comune di otto componenti ''laici'' del Consiglio superiore della Magistratura.

La votazione avviene a scrutinio segreto.

Tecnicamente si tratta della prima votazione perche' lo scorso 25 giugno non e' stato raggiunto il numero legale.

Per essere eletti i candidati, scelti tra i professori ordinari di universita' e tra gli avvocati che esercitano da almeno 15 anni, dovranno ottenere il consenso dei tre quinti i componenti l'assemblea.

leggi tutto

riduci

  • Presidente e poi Viazzi, Mattone e Gallo

    <em>Approvato</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 10.34</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Giovanni Verde</strong> <strong>Ordine del giorno speciale, sezione A</strong>
    0:00 Durata: 3 min 55 sec
  • Presidente

    <em>Approvato</em> <strong>Ordine del giorno speciale, sezione B</strong>
    0:03 Durata: 36 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche urgenti di Terza Commissione <strong>Proroga collocamento fuori ruolo</strong> Dr. Amorosi
    0:04 Durata: 34 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche urgenti di Settima Commissione <strong>Proroghe di applicazioni extradistrettuali</strong> D.ssa Tornesi
    0:05 Durata: 28 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> D.sse Canaia e Nobile
    0:05 Durata: 28 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> Ordine del giorno ordinario Pratiche del Comitato di Presidenza <strong>Proroga dell'incarico quale componente del Comitato Scientifico</strong> D.ssa Caputo
    0:06 Durata: 32 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <strong>Proroga per 6 mesi di un incarico di collaborazione con la Settima Commissione</strong> Dottori Torris, Sabelli, Emili e Parziale
    0:06 Durata: 19 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <strong>Proroga dell'incarico quale componente del Comitato Scientifico fino alla sua sostituzione</strong> Dr. Spangher
    0:06 Durata: 23 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <strong>Criteri per la concessione degli interventi assistenziali di cui all'art. 21, comma terzo</strong> Delibera del Comitato di Presidenza<br>Spese odontoiatriche
    0:07 Durata: 1 min 30 sec
  • Presidente spiega il percorso della pratica

    <br>Pratiche di Settima Commissione <strong>Relazione presentata dal gruppo di lavoro in materia di organici istituiti dal CSM</strong>
    0:08 Durata: 1 min 20 sec
  • Emanuele Smirne (Unicost), Presidente della Settima Commissione, relatore

    Relazione
    0:10 Durata: 6 min 32 sec
  • Gianfranco Gilardi (MD)

    Discussione
    0:16 Durata: 10 min 34 sec
  • Ippolisto Parziale (Movimenti Riuniti), Presidente della Ottava Commissione

    0:27 Durata: 9 min 33 sec
  • Manuela Romei Pasetti (Unicost)

    0:36 Durata: 4 min 50 sec
  • Giovanni Verde, vicepresidente del Csm, informa il CSM sulle intese col Ministro sulla presentazione della pratica successiva

    0:41 Durata: 59 sec
  • Gioacchino Natoli (Movimenti Riuniti)

    0:42 Durata: 12 min 27 sec
  • Sergio Mattone (MD), Gallitto e Ronco

    0:55 Durata: 12 min 16 sec
  • Gilardi e Romei Pasetti

    Repliche
    1:07 Durata: 9 min 7 sec
  • Emanuele Smirne (Unicost), Presidente della Settima Commissione

    <em>Approvata</em> Replica del relatore
    1:16 Durata: 5 min 5 sec
  • Presidente, brevemente, e poi Emanuele Smirne (Unicost), Presidente della Settima Commissione

    <strong>Proposta relativa alla messa a punto di un sistema di monitoraggio dei flussi giudiziari</strong> Commissione mista tra CSM e Ministero<br>Relazioni
    1:21 Durata: 6 min 27 sec
  • Gianfranco Gilardi (MD), relatore

    1:27 Durata: 15 min 57 sec
  • Manuela Romei Pasetti (Unicost) e Caferra: Smirne replica brevemente; il Presidente conclude

    <em>Approvata</em> Discussione
    1:43 Durata: 9 min 59 sec
  • Presidente e poi Riccio per un'istanza preliminare, dialogando col Presidente

    <strong>Nota n. 169 in data 7/8/2001 del P.G. della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli avente ad oggetto: ordine di servizio n. 39 del 2001 e nota n. 498 del 29/7/2001 avente ad oggetto: istituzione dell'ufficio impugnazioni</strong> Presidenza del Consigliere <strong>Gianni Di Cagno</strong>
    1:53 Durata: 7 min 14 sec
  • Emanuele Smirne (Unicost), Presidente della Settima Commissione, relatore

    2:01 Durata: 19 min 59 sec
  • Riccio

    Discussione
    2:21 Durata: 14 min 40 sec
  • Presidente e poi Gilardi

    2:35 Durata: 11 min 43 sec
  • Presidente sull'ordine dei lavori, poi Riccio

    2:47 Durata: 2 min 14 sec
  • Claudio Viazzi (MD); al termine rientra Giovanni Verde, vicepresidente del Csm, e dà notizia dell'appuntamento col Ministro

    La seduta termina <strong>alle 13.48</strong>
    2:49 Durata: 12 min 30 sec