11 LUG 2002

CSM - Plenum dell'11 luglio 2002

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 40 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

All'ordine del giorno: 1) Ricorsi 2) Copertura posti 3) Conferimento ufficio direttivo di Presidente del Tribunale di Catania 4) Incarichi extragiudiziari 5) Ricorso al TAR Calabria 6) Assenze dal lavoro 7) Cessazioni 8) Audizione dr.

Alocchi, Presidente del Tribunale di Camerino per l'esposto dell'avv.

Gaeta, Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Camerino e apertura di procedimento ex art.

2 Il CSM nelle agenzie di stampa OK PLENUM A INTESA CON MINISTERO PER 'VALUTARE' PRODUTTIVITA' TOGHE Roma, 11 lug.

(Adnkronos) - Accordo fatto tra Csm e ministro della Giustizia sulle pagelle per i
magistrati.

A stilare la classifica dei ''piu' bravi'' non saranno piu' solo applicazione e professionalita', ma una serie di dati funzionali come la complessita' del processo, le fasi, i diversi mestieri del giudice e i ruoli che incidono sul procedimento come quelli di avvocati, cancellieri, polizia giudiziaria.

Accanto a queste anche una serie di funzioni strutturali, come la presenza in ufficio di toghe e personale amministrativo e le dotazioni tecnologiche.

Il progetto di lavoro e' stato approvato ieri dal plenum del Csm e messo a punto dalla commissione mista ministero-Csm appuntandosi su alcuni indicatori scelti, come il rapporto tra sentenze riformate e sentenze emesse.

La valutazione avverra' sulla base di una serie di indicatori che permetteranno di elaborare dati statistici sui flussi giudiziari, in grado di ''radiografare'' l'attivita' reale di ciascun magistrato e di ciascun ufficio.

Con questi dati in mano Csm e ministero potranno decidere se impiegare meglio o in modo piu' razionale i magistrati e gli impiegati degli uffici, ma anche valutare le toghe in funzione degli scatti di carriera.

Sistemi che, per il Csm, si possono applicare solo se verranno fatti investimenti per la diffusione di tecnologie informatiche, informatizzazione delle cancellerie, messa a punto di software per una rilevazione dei dati piu' immediata e semplice e la costituzione di quadri di sintesi in alcune realta' chiamate a fare da modello per le altre.

CSM: GIACHETTI, HO INIZIATO LO SCIOPERO DELLA SETE CHIEDO CHE SI VADA ALLA SEDUTA AD OLTRANZA (ANSA) - ROMA, 11 LUG - ''Non avendo avuto ieri sera nessuna notizia riguardo la possibilita' che il Parlamento giunga rapidamente al voto utile per l'elezione dei membri del CSM, ho iniziato, dalla mezzanotte di ieri, lo sciopero della sete, cosi' come avevo preannunciato''.

A dichiararlo e' l'on.

Roberto Giachetti della Margherita.

''Il mio obiettivo e' molto chiaro: che sia consentito al presidente del Parlamento in seduta comune di agire, e che esso agisca, con la medesima saggezza e determinazione con la quale ha ineccepibilmente agito come presidente della Camera.

Chiedo cioe' - prosegue Giachetti- qualora anche il voto di oggi sul Csm non producesse l'elezione dei membri laici, che il presidente convochi il Parlamento in modo continuato fino al raggiungimento del voto utile, esattamente come accaduto in occasione dell'elezione dei membri della Consulta.

Mi pare una richiesta ragionevole e credo - conclude Giachetti- che meriterebbe una risposta ugualmente ragionevole''.

+++CSM: ACCORDO TRA MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE SUI NOMI+++ (ANSA) - ROMA, 11 LUG - Un accordo tra maggioranza e opposizione sarebbe stato raggiunto sui componenti laici del Csm di nomina parlamentare.

Secondo quanto si e' appreso i nomi che potrebbero uscire dal voto del pomeriggio sono: Paola Severino che potrebbe puntare poi alla vicepresidenza, Giuseppe Di Federico, Giovanni Tranchina, Francesco Caroleo Grimaldi, Mariella Ventura Sarno, Virginio Rognoni, Luigi Berlinguer, Pietro Schietroma.

PREMIER A COLLOQUIO CON MINISTRI LEGA IN SALA GOVERNO Roma, 11 lug.

- (Adnkronos) - Dopo aver tenuto una conferenza stampa a palazzo Chigi sui problemi dello sport con il presidente della Figc, Franco Carraro, Silvio Berlusconi si e' recato a Montecitorio dove sono in corso le votazioni per i giudici del Csm.

Arrivato alla Camera, il premier si e' riunito nella sala del governo con il leader della Lega, Umberto Bossi e il ministro della Giustizia, Roberto Castelli.

L'incontro e' durato circa un quarto d'ora.

Prima di lasciare la sala stampa della presidenza del Consiglio, Berlusconi si e' congedato dai cronisti cosi':''Vado alla Camera dove sono atteso per una importante votazione''.

CSM: COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA' A CAMERE, ELEGGETE DONNE PRESIDENTE, E' UN ATTO DOVUTO E CI AVVINA AD EUROPA (ANSA) - ROMA, 11 LUG - La Commissione per le pari opportunita' scende in campo per chiedere alle forze politiche, impegnate nelle votazioni per i nuovi laici del Csm, di sostenere l'elezione di una o piu' donne.

Si tratterebbe di ''un segnale di maturita' e crescita culturale del Paese, oltre che di un atto dovuto per il riequilibrio della rappresentanza nei luoghi decisionali''.

''Scegliere una donna- sottolinea la presidente Marina Piazza- permetterebbe all'Italia di avvicinarci agli altri Paesi europei, dove le donne al contrario che da noi, ricoprono cariche istituzionali importanti ed in generale sono presenti nei luoghi decisionali della politica, con percentuali ben maggiori del nostro misero 10%''.

Oltretutto ''oggi il ruolo e la presenza delle donne nella magistratura quasi 'impongono' che l'organo di autogoverno sappia riflettere e rappresentare in pieno questa realta''' CSM: CASTELLI, VOTO DEI TOGATI E' STATO CONTRO IL GOVERNO LA NOSTRA E' STATA UNA BUONA RIFORMA (ANSA) - ROMA, 11 LUG - ''La riforma del Csm non c'entra niente.

Il voto dei magistrati che ha portato ad avere una maggioranza di centrosinistra e' stato un voto contro il governo''.

Lo ha detto il ministro della Giustizia Roberto Castelli rispondendo alla domanda se non fosse stata la nuova riforma dell'organo di autogoverno della magistratura ad avere determinato per la prima volta una maggioranza di centrosinistra a Palazzo dei Marescialli.

''E questo conferma - ha aggiunto - che la stragrande maggioranza della magistratura e' contro le riforme perche' e' chiaro che quando ci si mette dalla parte dei cittadini, come abbiamo fatto noi, si scontenta chi invece eroga i servizi ai cittadini come appunto i magistrati''.

''Siccome abbiamo messo mano ad una riforma che era del '41 - conclude il ministro - e' chiaro che si abbiamo questo tipo di reazione...''.

+++CSM: FUMATA NERA IN PARLAMENTO+++ (ANSA) - ROMA, 11 LUG - La terza votazione per l'elezione di otto componenti del Csm da parte del Parlamento in seduta comune avverra' martedi' prossimo alle 13,30.

Lo ha annunciato il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini.

CSM: PANNELLA, PERCHE' CASINI NON PREANNUNCIA VOTI UTILI? (AGI) - Roma, 11 lug.

- "A questo punto voglio sapere: da chi Casini e' impedito a preannunciare "voti utili"?".

Marco Pannella commenta cosi' - a caldo, ai microfoni di Radio Radicale, la fumata nera del Parlamento in seduta comune per l'elezione dei membri laici del CSM.

"Perche' il Presidente del Parlamento ha convocato la prossima seduta di martedi', senza dire quali e quanti altri voti ci saranno? E' una saga di irresponsabilita', di imprudenza, che si verifica mentre - in questo momento - il deputato Giachetti sta facendo lo sciopero della sete".

"Noi - ha proseguito Pannella - abbiamo chiesto al Presidente Casini di usare della nostra azione, della forza che gli offrivamo.

Cosa sara' a questo punto che impedisce il voto utile? Non voglio credere che siano le forze oscure di cui parla Cossiga.

Quando io mi permettevo di esprimere dubbi, mi si tranquillizzava.

E ora? Dove sono quelli che predicavano ottimismo?".

CSM: FASSINO, FUMATA NERA LARGAMENTE PREVEDIBILE (ANSA) - FIRENZE, 11 LUG - ''La fumata nera alla prima votazione per l'elezione dei membri laici del Csm era largamente prevedibile dato il quorum molto alto dei due terzi dell'assemblea''.

Lo ha detto il segretario dei Ds Piero Fassino, rilevando che in questo primo risultato ''non c'e' niente di straordinario e che la stessa cosa e' accaduta anche in passato''.

''Io spero che martedi' - ha proseguito Fassino - quando si passera' alla seconda votazione con un quorum piu' basso, si possa arrivare all'elezione dei membri laici del Csm''.

Nel contesto della votazione odierna Fassino ha sottolineato ''con soddisfazione che Luigi Berlinguer e' stato il candidato che ha avuto il miglior risultato''.

''E' questo segno - ha osservato - che la sua candidatura e' stata riconosciuta come forte, autorevole e di prestigio''.

CSM: PANNELLA, AGIRO' DI CONSEGUENZA...

VOGLIONO CHE IO SCOMPAIA, VOGLIONO I NOSTRI CORPI (ANSA) - ROMA, 11 LUG - Marco Pannella fa sapere che dopo la fumata nera di oggi alla Camera sul Csm agira' ''di conseguenza'' e lancia il suo 'j'accuse' contro un Parlamento che rischia di essere ''un po' osceno''.

''Vi chiedo scusa e vi ringrazio - ha risposto il leader radicale ai giornalisti che a Montecitorio gli chiedevano cosa intendesse fare - ma preoccuparsi di uno, mentre e' la Repubblica, la legge, il Parlamento che rischia di essere un po' osceno...

Agiro' di conseguenza, come credo mi si riconosca capace di fare da Radicale italiano e transnazionale, da non violento e da cittadino democratico e fedele alle leggi, una eccezione che vogliono che scompaia''.''Abbiamo letteralmente da due anni, e alla fine per tre mesi, supplicato con la parola ma con i nostri corpi, e ripeto e' stata una laica supplica, fino a qualche ora fa perche' un barlume di prudenza, di virtu' e non di calcolo - ha detto Marco Pannella - illuminasse il cammino del Parlamento, della legalita' e della Repubblica.

Risultato, una gestione pre-vista, pre-detta, obbligata, tale che un buon padre di famiglia, avendola adottata, avrebbe meritato solo un immediato ricovero per incapacita' di intendere e di volere''.

''Se fosse stato preannunciato il 'voto utile' se non avessero creduto, da impotenti, che il loro imbrigliarsi fosse riuscito e potente, ci avrebbero ascoltato e avrebbero trattenuto i parlamentari almeno per un'altra votazione, nel caso da noi previsto di fumata nera.

Adesso i parlamentari se ne sono andati a casa e non e' restato al solito che riconvocarli nello stesso modo in cui si usa da anni, martedi'.

Intanto Giachetti e' in sciopero della sete.

Diventa lecito il dubbio che vogliano, come hanno voluto come quello di Aldo Moro e di Marco Biagi, anche il mio e i nostri corpi.

E' la disperazione in luogo della prudenza e della saggezza: il potere come e' noto molto spesso nella storia rende pazzi e stolti''.

IN CDL E ULIVO PREVALE OTTIMISMO, CON NUOVO QUORUM TUTTI ELETTI Roma, 11 lug.

- (Adnkronos) - Qualcuno, ieri, l'aveva prevista la seconda fumata nera per eleggere gli 8 membri laici del Csm.

Quorum troppo alto.

Poi, oggi, si e' deciso di premere sull'acceleratore: l'accordo sembra chiuso in mattinata, grazie alla trama tessuta dal presidente della Camera Pier Ferdinando Casini con le diplomazie di maggioranza e opposizione, dirette dal sottosegretario Gianni Letta e dal capogruppo diessino Luciano Violante.

Ma alla fine la previsione dei piu' pessimisti, o dei piu' realisti, si e' avverata.

La nuova seduta in Parlamento, a Camere riunite, e' per martedi' prossimo: in quell'occasione il quorum sara' piu' basso, i 3/5 dei votanti (non piu' degli aventi diritto al voto).

Con i numeri usciti oggi dalle urne gli 8 candidati sarebbero stati tutti eletti.

Ma il condizionale resta d'obbligo.

Il dubbio e' se l'accordo reggera' per quattro giorni.

L'ottimismo prevale nella Cdl: nessuno dei candidati ha raggiunto il quorum, l'accordo ''non si liquefa, tiene'', e' la convinzione di ampi settori della maggioranza.

Mentre il vicepresidente dei senatori della Margherita Roberto Manzione rinvia ad altri la domanda: ''C'era chi oggi aveva forzato per chiudere la vicenda e non c'e' riuscito.

Bisognerebbe chiedere a loro...''.

Il 'nodo' vero comunque resta ancora la vicepresidenza dell'organo di autogoverno della magistratura.

Una poltrona che vede ancora in pole position l'avvocato penalista romana Paola Severino, in quota Udc ma considerata un candidato sufficientemente bipartisan.

Certo, nulla e' scontato, visto che l'elezione del 'numero due' tocchera' al nuovo plenum e li' saranno determinanti i voti dei togati, soprattutto dei 6 moderati di Unicost e dei 2 di Mi, 'corteggiati' da entrambi gli schieramenti in questi giorni di frenetiche trattative.

Ma la scelta della Severino creerebbe difficolta' a Virginio Rognoni, messo in pista dalla Margherita proprio con la speranza di conquistare la vicepresidenza.

Per questo nella maggioranza, dove pure c'e' chi non ha ancora digerito del tutto l'indicazione della Severino, non si esclude che le defezioni maggiori siano potute arrivare proprio dalle file della Margherita.

Il centrosinistra e' apparso compatto sui propri candidati, si ragiona nella Cdl, non altrettanto su quelli della maggioranza.E che la Severino sia stata vittima di qualche 'imboscata' sia dal centro-destra che dal centrosinistra lo dimostra anche il fatto che ha preso meno voti di tutti gli altri candidati: 471 contro i 537 di Luigi Berlinguer (Ds), i 532 di Giuseppe Di Federico (Fi), i 530 di Francesco Caroleo Grimaldi (An), i 529 di Giovanni Tranchina (Fi), i 525 di Virginio Rognoni (Margherita), i 516 di Mariella Ventura Sarno (Lega) e i 500 di Gianfranco Schietroma (socialista del gruppo misto).

Cosi', sulla tenuta dell'accordo c'e' qualche incognita in piu'.

I piu' pessimisti sono convinti che ''tutto si azzeri'', ma bisogna capire anche se la Severino continuera' a restare in 'corsa'.

leggi tutto

riduci

  • Presidente e poi Parziale che relaziona sulle varie pratiche

    <em>Resistenza in giudizio</em> e <em>appello contro la sospensiva</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 10.35</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Giovanni Verde</strong><br>Pratiche urgenti di Ottava Commissione <strong>Ricorsi</strong> Dr. Rubino; dr. Mordente; dr. Talisimo; dr. Pinto; d.ssa Bergamaschi;
    0:00 Durata: 6 min 24 sec
  • Presidente e poi Spataro

    <em>Approvate tutte</em> <br>Pratiche dell'ordine del giorno aggiunto <br>Pratiche di Terza Commissione <strong>Copertura posti</strong> Dr. Falvo a Catanzaro; dr. Pedone a Grosseto; d.ssa Barracchia a Melfi; dottori Palumbo e Policastro a Napoli; dottori Cirillo e Barruffo a Napoli; d.ssa Mazzini a Perugia; dr. Battarino a Varese; dr. Gesumunno a Verona
    0:06 Durata: 5 min 23 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Quinta Commissione <strong>Conferimento ufficio direttivo di Presidente del Tribunale di Catania</strong> Dr. Cardaci
    0:11 Durata: 34 sec
  • Presidente e poi Iacopino Cavallari, Favara e Gallo

    <br>Pratiche dell'ordine del giorno precedente, rinviate ad oggi<br>Pratiche di Seconda Commissione <strong>Incarichi extragiudiziari</strong> Dr. Raimondi<br>Discussione
    0:12 Durata: 8 min 26 sec
  • Presidente e poi, per dichiarazione di voto, Pastore Alinante, Ferrara, Gallo e Ronco; dopo il voto intervengono Iacopino Cavallari e Gallo

    <em>Non approvata</em>; ritorna quindi in Commissione Procedura di votazione
    0:20 Durata: 6 min 26 sec
  • Presidente

    <em>Impugnazione</em> <br>Proposta urgente di Nona Commissione <strong>Ricorso al TAR Calabria</strong> Dr. Siciliano
    0:27 Durata: 49 sec
  • Presidente e poi Natoli e Pastore Alinante

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Quarta Commissione dal giorno avanti <strong>Assenze dal lavoro</strong> Dr. Adornato
    0:29 Durata: 6 min 3 sec
  • Presidente e poi Pastore Alinante, Consolo, Iacopino Cavallari, Viazzi e Di Cagno

    <strong>Cessazioni</strong> Istanza del dr. Cerra<br>Due proposte<br>Discussione
    0:35 Durata: 23 min 16 sec
  • Consolo, Pastore Alinante, Gallo, Iacopino Cavallari e Spataro

    Voto sulla proposta di Pastore Alinante: <em>respinta</em><br>Voto sulla proposta Consolo: <em>approvata</em><br>La seduta, segretata <strong>alle 11.47</strong>, torna pubblica <strong>alle 12.04</strong> Repliche
    0:58 Durata: 13 min 8 sec
  • Presidente e poi Viazzi, relatore per il trasferimento d'ufficio

    <br>Pratica di Prima Commissione<br>Pratica ex art. 2 n. 293/RR/1998 <strong>Audizione dr. Alocchi</strong> Relazioni per l'archiviazione o per il trasferimento d'ufficio
    1:11 Durata: 5 min 49 sec
  • Gioacchino Natoli (Movimenti Riuniti), relatore per l'archiviazione: chiede l'allontanamento dell'attuale dirigente del Tribunale di Camerino

    1:17 Durata: 15 min 15 sec
  • Presidente e poi dr. Alocchi

    <br>Pratica di Prima Commissione <strong>Audizione dr. Alocchi, Presidente del Tribunale di Camerino per l'esposto dell'avv. Gaeta, Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Camerino e apertura di procedimento ex art. 2</strong> Due relazioni: per l'archiviazione o per il trasferimento d'ufficio
    1:32 Durata: 4 min 36 sec
  • Difensore del dr. Alocchi

    1:37 Durata: 23 min 31 sec
  • Giovanni Di Cagno (membro laico(DS)), Presidente della Decima Commissione

    Discussione
    2:00 Durata: 18 min 11 sec
  • Sergio Visconti (MI)

    2:19 Durata: 3 min 20 sec
  • Gioacchino Natoli (Movimenti Riuniti)

    2:22 Durata: 12 min 13 sec
  • Claudio Viazzi (MD)

    Voto sull'archiviazione: <em>approvata</em>
    2:34 Durata: 7 min
  • Presidente

    La seduta diventa segreta <strong>alle 13.36</strong> Pratiche segretate
    2:41 Durata: 22 sec