04 MAR 2002

Seguito dell'esame del teste Giuseppe Ciuro, maresciallo della Dia

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 30 min 20 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Seguito dell'esame del teste Giuseppe Ciuro, maresciallo della Dia", registrato lunedì 4 marzo 2002 alle 00:00.

La registrazione video ha una durata di 30 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Presidente apre l'udienza: sono presenti gli avvocati Di Peri e Federico per Dell'Utri; presenti anche i PM Ingroia e Gozzo, l'avv. Tinaglia per la parte civile e l'avv. d'ufficio Macaluso, per Cinà

    0:00 Durata: 1 min 51 sec
  • Esame del teste da parte del PM Ingroia, dell'avv. Federico e del PM Gozzo

    La registrazione dell'udienza disponibile termina <strong>alle 10.40</strong>: ci scusiamo per i problemi tecnici che impediscono di fruire del seguito dell'audio/video di questa udienza <strong>Il processo Dell'Utri nelle agenzie di stampa</strong> DELL' UTRI: DIA,NIPOTE BUSCETTA SOCIO CANALE 5 IN TV SICILIA (ANSA) - PALERMO, 26 FEB - Il nipote del pentito Tommaso Buscetta, Antonio Inzaranto, sarebbe stato per cinque anni socio di Canale 5 in un'emittente locale siciliana. Lo ha detto in aula il maresciallo della Dia Giuseppe Ciuro, deponendo nel processo al senatore di Forza Italia, Marcello Dell' Utri, accusato a Palermo di concorso in associazione mafiosa. Il sottufficiale sta rispondendo alle domande del pm Antonio Ingroia sulle emittenti televisive palermitane che vennero acquisite dal gruppo Fininvest. Secondo il maresciallo Ciuro, Inzaranto avrebbe avuto quote societarie della tv Retesicilia che nel novembre dell' 80 era gia' stata acquisita dal gruppo Fininvest; del consiglio di amministrazione facevano parte Adriano Galliani e Luigi Lacchini, il primo nel '97 amministratore delegato Mediaset, il secondo procuratore generale di RTI. Inzaranto sarebbe stato presidente del consiglio di amministrazione di Retesicilia per otto anni. Avrebbe poi ceduto le sue quote a Canale 5, che ne e' poi rimasto socio unico, il 2 dicembre dell' 85. All' udienza di oggi sono presenti oltre ai difensori del parlamentare di Forza Italia anche numerosi consulenti ed esperti di finanza ed economia dell' universita' Bocconi di Milano chiamati dalla difesa. MAFIA: DELL'UTRI,QUESTE UDIENZE RIGUARDANO UNA TERZA PERSONA (ANSA) - PALERMO, 26 FEB - Il senatore di Fi, Marcello Dell' Utri ha inviato oggi al presidente della seconda sezione del tribunale, Leonardo Guarnotta, una lettera in cui spiega la sua assenza in aula per impegni parlamentari e sottolinea che il dibattimento puo' proseguire in sua assenza perche' queste udienze riguardano ''una terza persona''. Per questo motivo oggi non erano in aula i difensori di Dell' Utri, gli avvocati Roberto Tricoli ed Enzo Trantino, ma erano presenti solo i sostituti processuali e consulenti finanziari che si occuperanno delle vicende che riguardano le holding della Fininvest. Dell' Utri, in base al calendario delle udienze che prevedono la deposizione del maresciallo della Dia e poi del funzionario della Banca d' Italia sui flussi finanziari che riguardano le societa' che fanno capo alla famiglia Berlusconi, si e' tirato fuori ed ha annunciato la sua assenza perche' ''disinteressato'' a questi fatti. Intanto gli avvocati Pietro Federico e Giuseppe Di Peri, presenti oggi come sostituti processuali, sottolineano che Antonio Inzaranto, socio negli anni Ottanta di Rete Sicilia, poi confluita in Canale 5, e' il cognato della nipote del pentito Tommaso Buscetta. I difensori precisano, inoltre, che il maresciallo Ciuro ha deposto su filoni di indagini che riguardano presunti finanziamenti illeciti di emittenti televisive della Fininvest, ''gia' archiviati fin dal 25 novembre 1998 su richiesta della stessa procura della Repubblica di Palermo nell' ambito di un altro procedimento''. DELL'UTRI: SENTITO TESTE SU PASSAGGI TV SICILIA A FININVEST (AGI) - Palermo, 26 feb. - L'acquisizione da parte del gruppo Finivest di alcune emittenti televisive siciliane e' stato al centro dell'udienza del processo a carico del senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri, accusato di concorso in associazione mafiosa. Oggi ha deposto il maresciallo della Dia Giuseppe Ciuro che ha illustrato i passaggi per l'acquizione delle emittenti. Socio di una di queste era Antonio Inzaranto, parente di Tommaso Buscetta. Inzaranto aveva una partecipazione in Rete Sicilia, acquisita negli anni '80 da Canale 5. Lui, secondo quanto ha riferito Ciuro, sarebbe rimasto in societa' anche quando la rete era gia' stata acquisita dal gruppo. Ciuro ha anche riferito dell'acquisizione di altre due emittenti, Sicilia Televisiva e Rete Trinacria. All'udienza di oggi ha partecipato anche il professor Paolo Iovenitti, docente di finanza aziendale all'Universita' Bocconi di Milano. Iovenitti e' stato nominato consulente della difesa e avra' il compito di compilare una relazione sui movimenti della Finvest e delle sue holding in base agli atti che sono stati depositati dall'accusa. Il processo e' stato rinviato al prossimo 4 marzo, giorno in cui continuera' a deporre il maresciallo Giuseppe Ciuro. Seguito della testimonianza del Maresciallo della DIA di Palermo Giuseppe Ciuro
    0:01 Durata: 28 min 29 sec