18 DIC 2002

CSM - Plenum del 18 dicembre 2002, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 53 min 3 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seduta pomeridiana All'ordine del giorno: 1) Nomina a Magistrato di Corte di Appello 2) Accettazione dimissioni 3) Collocamento fuori ruolo per nomina a Giudice Costituzionale 4) Concorsi 5) Ricorsi 6) Relazione al Parlamento sullo stato della giustizia per l'anno 2003 7) Approvazione del testo concordato tra una delegazione del CSM e il Consiglio della Magistratura Argentina 8) Inserimento atti 9) Incarichi extragiudiziari.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 18 dicembre 2002, seduta pomeridiana", registrato mercoledì 18 dicembre 2002 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di
53 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Presidente e poi Riello, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 14.38</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong><br>Pratiche urgenti di Quarta Commissione <strong>Nomina a Magistrato di Corte di Appello</strong> Dr. De Simone
    0:00 Durata: 2 min 52 sec
  • Francesco Menditto (MD)

    <em>Approvata</em> <strong>Accettazione dimissioni</strong> D.ssa Ionata
    0:02 Durata: 42 sec
  • Giovanni Mammone (MI), Presidente della Quarta Commissione

    <em>Approvata</em> <strong>Collocamento fuori ruolo per nomina a Giudice Costituzionale</strong> Presidente Finocchiaro
    0:03 Durata: 16 sec
  • Giuseppe Meliadò (Unicost), relatore, poi il Presidente

    <em>Approvati in blocco</em> <br>Pratiche urgenti di Nona Commissione <strong>Concorsi<br>Ricorsi</strong>
    0:03 Durata: 2 min 41 sec
  • Presidente

    <em>Accantonate</em> <br>Pratiche urgenti di Ottava Commissione
    0:06 Durata: 49 sec
  • Presidente e poi Wladimiro De Nunzio (Unicost), relatore

    Ordine del giorno ordinario Pratiche di Sesta Commissione <strong>Relazione al Parlamento sullo stato della giustizia per l'anno 2003</strong> Relazioni
    0:07 Durata: 5 min 34 sec
  • Giovanni Berlinguer (membro laico(DS)), relatore

    0:13 Durata: 11 min 49 sec
  • Leonida Primicerio (Unicost)

    Discussione
    0:25 Durata: 5 min 55 sec
  • Giovanni Mammone (MI), Presidente della Quarta Commissione

    0:30 Durata: 1 min 54 sec
  • Buccico e poi Berlinguer, relatore, in replica; quindi il Presidente

    <em>Approvata</em>
    0:32 Durata: 6 min 24 sec
  • Francesco Lo Voi (MI), relatore

    <strong>Approvazione del testo concordato tra una delegazione del CSM e il Consiglio della Magistratura Argentina</strong> Relazione sull'accordo di cooperazione
    0:39 Durata: 2 min 5 sec
  • Giuseppe Di Federico (membro laico(FI))

    <em>Approvata</em> Discussione
    0:41 Durata: 1 min 24 sec
  • Giovanni Mammone (MI), Presidente della Quarta Commissione, relatore

    <em>Ritorno in Commissione</em> <br>Pratiche di Quarta Commissione <strong>Inserimento atti</strong> Dr. Ferrucci
    0:42 Durata: 46 sec
  • Nicola Buccico (membro laico(AN)), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Incarichi extragiudiziari</strong> Dr. Fiore
    0:43 Durata: 50 sec
  • Nicola Buccico (membro laico(AN)), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Bortone
    0:44 Durata: 33 sec
  • Leonida Primicerio (Unicost), relatore, e poi Aghina: il relatore chiarisce

    <em>Approvata</em> Dr. Petruzziello
    0:44 Durata: 1 min 53 sec
  • Leonida Primicerio (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Cananzi
    0:46 Durata: 42 sec
  • Luigi Riello (Unicost), relatore, e poi Di Federico: Riello replica, Menditto interviene, Meliadò si esprime

    <em>Rinviata in Commissione</em> Dr. Costanzo
    0:47 Durata: 2 min 24 sec
  • Giovanni Mammone (MI), Presidente della Quarta Commissione

    <em>Ritorno in Commissione</em> Dr. Matassa alla Commissione sul dossier Mitrokhin
    0:49 Durata: 36 sec
  • Presidente, poi Buccico sulle pratiche urgenti appena arrivate; intervengono Schietroma, che spiega il ritardo nell'arrivo delle pratiche di Ottava Commissione. Tenaglia per una rettifica di errore materiale

    <em>Rinviate</em><br>La seduta termina <strong>alle 15.34</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> GIUSTIZIA/ CASTELLI:INUTILI NUOVE RISORSE IN SISTEMA INEFFICIENTE <br>Va prima reso efficiente il sistema Roma, 18 dic. (Ap.Biscom) - E' inutile "iniettare" risorse in un sistema inefficiente. "Va prima reso efficiente il sistema". E' quanto ha detto il ministro della giustizia, Roberto Castelli, intervenuto oggi al plenum straordinario del Consiglio Superiore della Magistratura. L'intervento di Castelli e il dibattito che ne è seguito in plenum è stato incentrato sui temi della efficienza e della organizzazione della giustizia. "Il sistema così come lo abbiamo trovato, ha aggiunto Castelli, non riesce nemmeno a spendere i fondi stanziati". Nel 2001 anche per effetto del cambio di governo, i fondi non spesi - ha sottolineato il ministro - sono saliti a 3.200 miliardi di lire. "E' semplicistico dire che ci vogliono adeguate risorse", ha replicato Castelli ai quesiti posti da alcuni componenti del Csm. "Rispetto a che cosa occorrono adeguate risorse?". Castelli ha sottolineato che le risorse finanziarie (12.000 miliardi) stanziate per la Giustizia in Italia sono pari a quelle stanziate da paesi come Francia e Germania e sono addirittura superiori a quelle della Gran Bretagna. Il problema, resta quello della efficienza. Su questo punto, il ministro ha ricordato che in Italia ci sono 1,36 magistrati togati ogni 10mila abitanti. In Francia, invece, c'è 1 magistrato per 10mila abitanti. Eppure, ha aggiunto il responsabile del dicastero di via Arenula, l'efficienza è inferiore. GIUSTIZIA: ROGNONI - APPELLO AL GOVERNO, VOLTIAMO PAGINA<br> CI SI CONCENTRI SU DDL ALL'ESAME AL SENATO Roma, 18 dic. (Adnkronos)- Sulla giustizia ''voltiamo pagina''. E' l'appello che il vicepresidente del Csm, Virgilio Rognoni, rivolge, in una intervista con il Sole 24 Ore, al governo e al parlamento, ma anche alle toghe, per superare i conflitti, le resistenze e i timori che finora hanno ostacolato una riforma, legislativa e organizzativa, del settore nel segno dell'efficienza. Un appello quello del numero due di Palazzo dei Marescialli che giunge nel giorno del plenum straordinario convocato dal Consiglio Superiore della Magistratura, al quale e' stato invitato il ministro Roberto Castelli proprio per ''arrivare a un confronto franco e leale'' sulle priorita' da mettere all'ordine del giorno. ''La situazione e' di estrema difficolta' e richiede interventi incisivi'', dice Rognoni chiedendo al Parlamento di mettere invece da parte interventi settoriali, come quelli approvati finora e di concentrarsi invece sulla riforma dell'ordinamento giudiziario ferma al Senato da quattro mesi, prima a causa della Cirami poi della Finanziaria nonostante il clima di dialogo registrato sul ddl fin dall'inizio.Sul ddl all'esame del Senato, tiene a sottolineare Rognoni, ''il precedente Csm aveva gia' espresso un parere, critico su molti punti, ma positivo su altri; l'Anm ha fatto aperture interessanti e cosi' pure il ministro. Continuiamo -aggiunge- su questa strada di dialogo, e' importante. Tra l'altro -osserva- sarebbe opportuno che il ministro, se intendesse introdurre nel ddl delle novita' con emendamenti corposi, ci chiedesse parere, tanto piu' che questo consiglio, in carica da due mesi, non si e' mai pronunciato su questo argomento''. Quanto alla sperimentazione sulla produttivita' degli uffici giudiziari, non piu' partita in settembre, Rognoni dice: ''Credo che ci sia una problema di carenza di fondi. Il bilancio della giustizia e' quello che e'. Noi siamo pronti ne parleremo al ministro dal quale ci aspettiamo una risposta''. GIUSTIZIA: CIAMPI, GARANTIRE INDIPENDENZA MAGISTRATURA<br>''PROBLEMA CENTRALE LA DURATA ECCESSIVA DEI PROCESSI''<br> Roma, 18 dic. - (Adnkronos) - ''Seguo i lavori del Csm con doverosa attenzione: so bene quanto importanti, difficili e delicati siano i compiti di quest'organo di rilevanza costituzionale nell'esercizio sia della funzione di assicurare il governo autonomo della magistratura, sia dell'altra, da questa inscindibile, garantirne l'autonomia, l'indipendenza e il prestigio''. Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi -ricevendo al Quirinale le alte cariche dello Stato e del governo per il tradizionale scambio di auguri- ricorda fra gli eventi importanti dell'anno oramai agli sgoccioli l'elezione del riformato Consiglio superiore della magistratura. Ciampi rivolge ''alla magistratura italiana, nelle due funzioni giudicante e requirente in cui si articola la sua competenza'' il suo augurio che vuole essere anche ''una esortazione a perseverare con tenacia rinnovata nell'intento di risolvere il problema centrale della nostra giustizia che -sottolinea Ciampi- e' e rimane quello della durata eccessiva dei processi''. Per il presidente Ciampi ''la strada da percorrere e' ancora lunga e passa per diverse stazioni''. Il capo dello Stato ne ricorda alcune: l'accelerazione delle procedure concorsuali per il reclutamento dei giudici, l'applicazione delle innovazioni tecnologiche al processo dell'organizzazione degli uffici giudiziari, la depenalizzazione e i riti alternativi. Ma sul tema della giustizia, Ciampi invita anche a fare ''una attenta riflessione sullo stato delle carceri. Il governo ha presentato e il Parlamento ha approvato un piano per la ristrutturazione e l'ammodernamento degli istituti esistenti e per la costruzione di nuovi stabilimenti -ricorda Ciampi- la realizzazione del piano costituira' un notevole passo avanti verso la soluzione dei problemi di sovraffollamento e di carenza di spazi di lavoro e di rieducazione, che gravano severamente su gran parte del nostro sistema carcerario. Ma ci vorra' del tempo per poter avere risultati rilevanti e incisivi -avverte- questa consapevolezza, tra l'altro, sta alla base della domanda di misure di clemenza che sale da piu' parti della societa' civile''. La seduta. segretata <strong>alle 15.29</strong>, torna pubblica <strong>alle 15.31</strong>
    0:50 Durata: 2 min 54 sec