09 GEN 1986

CSM - Plenum del 9 gennaio 1986, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 31 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seguito della discussione su pratiche della Commissione per il regolamento interno del CSM; il problema della modifica regolamentare e la lettera di Cossiga .

Registrazione di "CSM - Plenum del 9 gennaio 1986, seduta pomeridiana", registrato giovedì 9 gennaio 1986 alle 00:00.

La registrazione ha una durata di 2 ore e 31 minuti.
  • Quadri continua il suo intervento

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 17.10</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Giancarlo De Carolis</strong><br>Seguito della discussione dalla seduta del mattino
    0:00 Durata: 11 min 15 sec
  • Presidente, fuori microfono, e poi Verucci, Guizzi e Frosini

    0:11 Durata: 35 min 35 sec
  • Bessone, Conti, Luberti, Mele e Fumagalli Carulli; quindi una discussione confusa

    La seduta, sospesa <strong>alle 18.50</strong>, è ripresa <strong>alle 19.45</strong>
    0:46 Durata: 51 min 43 sec
  • Valente, brevemente, quindi una discussione confusa; poi Bruti Liberati legge il documento Martone e poi quello Galasso; quindi viene introdotto il documento Mele di Unicost

    1:38 Durata: 6 min 22 sec
  • Zagrebelsky, Martone, Galasso, Carbone e Verucci

    Discussione sui vari documenti presentati
    1:45 Durata: 42 min 40 sec
  • Presidente e alcuni Consiglieri sul rinvio al giorno dopo della discussione

    <em>Rinviata</em><br>La seduta termina <strong>alle 20.39</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM: RIUNIONE ''PLENUM'' (ANSA) - ROMA, 9 GEN -NEL POMERIGGIO LA DISCUSSIONE E' PROSEGUITA: L' ALTRO ESPONENTE SOCIALISTA, IL PROF. GUIZZI HA DETTO: ''E' STATO UN DIBATTITO ELEVATO, CON AMPIO APPROFONDIMENTO DI DOTTRINA, TALVOLTA AL LIMITE DELL' IRRIGUARDOSITA' , PER LA MARCATA IRONIA DI CERTI PASSAGGI NEI CONFRONTI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. QUESTIONI DI OPPORTUNITA' SCONSIGLIANO IN REGIME DI 'PROROGATIO' UNA MODIFICA COSI' RILEVANTE. VALUTAZIONI GIURIDICHE INDUCONO AD ESPRIMERE UN NETTO DISSENSO PERCHE' LA MODIFICA REGOLAMENTARE ALTERA L' ASSETTO COSTITUZIONALE IN QUANTO ESPUNGE DI FATTO IL CAPO DELLO STATO DAL CSM. DIRE NO A QUESTA PROPOSTA SIGNIFICA EVITARE UNO STRAPPO NELLA COSTITUZIONE E SIGNIFICA GARANTIRE LA RILEVANZA COSTITUZIONALE DELL' ORGANO DI AUTOGOVERNO'' . IL PROF. FROSINI, MEMBRO LAICO PER IL PRI, HA DICHIARATO DI CONSIDERARE IMPROPONIBILE LA PROPOSTA AVANZATA DALLA COMMISSIONE REGOLAMENTO SIA SOTTO IL PROFILO GIURIDICO - COSTITUZIONALE SIA SOTTO QUELLO DELL' OPPORTUNITA' POLITICA GENERALE. QUANTO AL PRIMO PUNTO, SECONDO IL CONSIGLIERE ''VIENE PROSPETTATO UN SOVVERTIMENTO DELLA GERARCHIA DELLE FONTI NORMATIVE, GIACCHE' UNA NORMA REGOLAMENTARE COM' E' QUELLA PROPOSTA, VERREBBE A RAPPRESENTARE UN' INTERPRETAZIONE AUTORITARIA, SEPPUR NON CERTO AUTENTICA, DELLA NORMA COSTITUZIONALE VERREBBE INFATTI ATTRIBUITO UN CONTENUTO SPECIFICO DI VALENZA ISTITUZIONALE, CONFIGURANDO LA FIGURA DEL VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COME L' ESPRESSIONE DI UNA VOLONTA' POLITICA INTERNA AL CONSIGLIO STESSO'' . QUANTO AL PROFILO PROPRIAMENTE POLITICO FROSINI HA DETTO DI RITENERE IMPROPONIBILE LA PROPOSTA, ''CHE HA PORTATO IN EVIDENZA LA CONTRARIETA' DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ALLA SUA APPROVAZIONE'' . SECONDO IL PROF. FROSINI NON E' CONVENIENTE NE' OPPORTUNO, PER UN RIGUARDO DOVUTO AL CAPO DELLO STATO INSISTERE NEL PORTARE AVANTI LA PROPOSTA. ED E' QUESTO, IN SOSTANZA, IL SENSO CHE SEMBRA PREVALERE DOPO LA DISCUSSIONE DELL' ASSEMBLEA ALLA QUALE HA PRESENTATO UN NUOVO DOCUMENTO UN GRUPPO DI ESPONENTI DI MAGISTRATURA INDIPENDENTE, DOCUMENTO CHE ANCORA NON SI SA SE, COME QUELLI GIA' PRESENTATI STAMANI, SARA' VOTATO. IL GRUPPO DI MAGISTRATURA INDIPENDENTE HA PROPOSTO DI LIMITARSI A PUBBLICARE SUL NOTIZIARIO DEL CSM I VERBALI DELLE SEDUTE CHE HANNO RIGUARDATO LA PROPOSTA DI RIFORMA. L'INTERA GIORNATA NON E' STATA SUFFICIENTE PERCHE' IL CONSIGLIO CONCLUDESSE I LAVORI E ALLE 20.40, CON 15 VOTI FAVOREVOLI E 10 CONTRARI SI E' DECISO DI RINVIARE A DOMATTINA LA ''FINALE'' CON LE DICHIARAZIONI DI VOTO SUI DOCUMENTI PRESENTATI OGGI. UNO DI QUESTI , PRESENTATO DA MAGISTRATURA DEMOCRATICA, E' STATO IN SOSTANZA FATTO PROPRIO, SEPPUR CON EMENDAMENTI ACCETTATI DA ''MD'' DA UNITA' PER LA COSTITUZIONE; UN ALTRO PRESENTATO DAI RAPPRESENTANTI LAICI DEL PCI HA RIUNITO IN SOSTANZA QUELLO PROPOSTO DA MAGISTRATURA INDIPENDENTE CHE PER EVITARE CHE IL DIBATTITO ABBIA UN SIGNIFICATO POLITICO PROPONE LA SEMPLICE PUBBLICAZIONE SUL NOTIZIARIO DEL CSM DEI VERBALI DELLE SEDUTE E QUELLO DELL'ESPONENTE DI ''UNICOS'', ANTONIO MARTONE CHE HA PROPOSTO LA RESTITUZIONE DEGLI ATTI ALLA COMMISSIONE DEL REGOLAMENTO PER FAR SI CHE IL PROBLEMA VENGA POI AFFRONTATO DAL PROSSIMO CONSIGLIO DI IMMINENTE ELEZIONE. LA DISCUSSIONE DI QUESTA SERA SI E' CONCLUSA CON GLI INTERVENTI DEI CONSIGLIERI ZAGREBELSKY E GALASSO, QUEST'ULTIMO ESPONENTE DEL PCI. ZAGREBELSKY, CHE E' DI ''UNICOS'' HA IN SOSTANZA SOSTENUTO CHE LA PROPOSTA MESSA IN DISCUSSIONE VOLEVA FAR SI CHE VENISSERO ALLA LUCE QUELLE COSE DI CUI SI E' DISCUSSO FINO AD OGGI NEL SEGRETO SOTTOLINEANDO CHE LA SCELTA DEL VICE PRESIDENTE E' RIMESSA DALLA COSTITUZIONE AL CSM E NON AD EQUILIBRI POLITICI. PERCIO' NON SI VEDE PERCHE' NON SI POSSANO INTRODURRE QUELLE MODIFICHE PROPOSTE.
    2:27 Durata: 4 min 2 sec