02 LUG 1986

CSM - Plenum del 2 luglio 1986, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 53 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

La seduta ha inizio alle 10.25 e termina alle 13.45 Presidenza del vicepresidente Cesare Mirabelli Il CSM nelle agenzie di stampa VICENDA CHINNICI: CSM (ANSA) - ROMA, 2 LUG - PARERI DISCORDI SULL'OPPORTUNITA' DELL'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE COMUNISTA IN MERITO ALLA SENTENZA DELLA CASSAZIONE SUL ''CASO CHINNICI'', MA TUTTI D'ACCORDO SUL FATTO CHE L'INDIPENDENZA DEL GIUDICE NON SI TOCCA.

IN QUESTI DUE ASPETTI PUO' ESSERE RIASSUNTO IL TONO DEGLI INTERVENTI DEI MEMBRI LAICI E TOGATI DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA, CHE STAMANE HANNO COMINCIATO A DISCUTERE SULLE POLEMICHE E SULLE
RELAZIONI PROVOCATE DALLA DECISIONE DELLA SUPREMA CORTE.

PER GIUSEPPE BORRE', ESPONENTE DELLA CORRENTE ''MAGISTRATURA DEMOCRATICA, ''LA GIURISDIZIONE NON PUO' SOTTRARSI ALLA CRITICA, MA LE REAZIONI DELL'OPINIONE PUBBLICA E DELLA STAMPA POSSONO AVER ESERCITATO PESI PSICOLOGICI SULL'INDIPENDENZA DEI GIUDICI''.

ELENA PACIOTTI, ALTRO ''TOGATO'' MD, HA USATO TONI PIU' ESPLICITI.

DOPO AVER DETTO CHE LE DECISIONI DELLA SUPREMA CORTE ''AVREBBERO POTUTO ESSERE DIVERSE SE IL COLLEGIO GIUDICANTE AVESSE SEGUITO ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI DIVERSI'', LA PACIOTTI SI E' CHIESTA SE NON SIA IL CASO CHE, ''COME PER IL TRIBUNALE DELLA LIBERTA', ANCHE I SUPREMI GIUDICI DEBBANO ESSERE SOSTITUITI DI ANNO IN ANNO PER ASSICURARE AL CITTADINO LA CERTEZZA DEL DIRITTO''.

VITO D'AMBROSIO, DI UNICOST, HA SOSTENUTO CHE UNICO COMPITO DEL CSM E' QUELLO DI GARANTIRE CHE IL GIUDICE SVOLGA IL SUO LAVORO CORRETTAMENTE, RISPETTANDO LE REGOLE CODIFICATE, TUTELANDOLO DA CHI CERCA DI INTACCARE LA SUA INDIPENDENZA''.

SECONDO SERGIO LETIZIA, UNICO ESPONENTE DEL SINDACATO MAGISTRATI, L'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE NON GIUSTIFICA UN INTERVENTO DEL CSM, ''CHE HA IL COMPITO DI DIFENDERE LA MAGISTRATURA DALLE INTERFERENZE E DAGLI STRARIPAMENTI DI ALTRI POTERI DELLO STATO E NON DALLE CRITICHE MOSSE VERSO SINGOLI MAGISTRATI''.

VINCENZO GERACI, DI MAGISTRATURA INDIPENDENTE, HA PORTATO NELLA DISCUSSIONE LA VOCE DEI SICILIANI.

''IL DISORIENTAMENTO DELL'OPINIONE PUBBLICA DELLA MIA TERRA - HA DETTO - IN SEGUITO A EPISODI CHE ALLONTANANO LA VERITA', NON DEVE FAR DIMENTICARE IL RISPETTO DI MECCANISMI ISTITUZIONALI ALLA BASE DELL'ORDINAMENTO DEMOCRATICO''.

GERACI HA AGGIUNTO CHE ''IL DIRITTO DI CRITICA DEVE ESSERE CONDOTTO CON COMPOSTEZZA VERSO SOGGETTI INVESTITI DI COMPITI DELICATI''.

QUASI TUTTI CENTRATI SULL'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DEL SENATORE COMUNISTA FLAMIGNI, GLI INTERVENTI DEI MEMBRI LAICI.

PER CARLO SMURAGLIA (PCI), ''IL CSM PUO' OFFRIRE SPUNTI DI RIFLESSIONE SENZA PRETENDERE DI INSEGNARE IL MESTIERE A NESSUNO.

L'INDIPENDENZA DELLA MAGISTRATURA APPARTIENE ALLA COLLETTIVITA' ''.

''NON ESISTE UNA QUESTIONE ISTITUZIONALE - HA DETTO IL DEMOCRISTIANO ERMINIO PENNACCHINI - LA GIUSTIZIA DEVE RESISTERE A CHI VUOLE LIMITARNE L'AUTONOMIA.

L'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SAPEVA PIU' DI CONTROLLO CHE DI CRITICA''.

leggi tutto

riduci