16 LUG 1998

CSM - Plenum del 16 luglio 1998

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 34 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

La seduta ha inizio alle 10.19 e termina alle 12.54 Presidenza del vicepresidente Carlo Federico Grosso Il CSM nelle agenzie di stampa CSM: CARDELLA E' IL NUOVO PROCURATORE DI TORTONA Roma, 16 lug.

- (Adnkronos) - Fausto Cardella lascia la Procura di Perugia e va a dirigere quella di Tortona.

La sua nomina e' stata decisa all'unanimita' dal plenum del Csm.

Cardella subentra ad Aldo Cuva, che proprio la scorsa settimana ha chiesto di patteggiare la pena per le irregolarita' che gli vengono contestate nella conduzione dell'inchiesta sulla morte di Maria Letizia Berdini.

Cuva, i cui guai giudiziari
lo obbligarono a chiedere il trasferimento in Corte d'Appello a Genova, qualche giorno fa ha annunciato che abbandonera' la toga.

Cardella ha 48 anni ed e' in magistratura dal '77.

All'inizio della sua carriera, e' stato in Procura a Marsala.

Poi, e' passato al Tribunale di Spoleto, come giudice.

Dall'87 e' sostituto procuratore a Perugia, dove per due anni -dal settembre del '95 al luglio del '97- ha di fatto svolto funzioni di procuratore capo, in assenza del titolare ufficiale.

Per poco piu' di anno e' stato applicato alla Procura di Caltanissetta, dove assieme ad altri colleghi ha condotto le indagini preliminari per gli omicidi dei colleghi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e degli agenti delle loro scorte, collaborando anche a redigere le richieste di misure cautelari e di rinvio a giudizio degli imputati.

Durante quel periodo si e' occupato anche delle indagini sull'attentato al giudice Carlo Palermo e sulla strage in cui perse la vita Rocco Chinnici.

A Perugia, Cardella si e' occupato dei processi per i sequestri di persona di Augusto De Megni e Anna Rita Bartolucci, che si sono conclusi entrambi con la liberazione degli ostaggi senza pagamento del riscatto e la definitiva condanna dei responsabili.

Pubblico ministero nel procedimento per l'omicidio di Mino Pecorelli, tutt'ora in corso e che vede tra gli imputati Giulio Andreotti, negli ultimi tempi Cardella e' stato impegnato nell'inchiesta sulle cosiddette 'toghe sporche' romane.

CSM: NON SONO VERE RILEVAZIONI STATISTICHE SETTORE GIUSTIZIA (AGI) - Roma, 16 lug.

- Non sono attendibili le attuali rilevazioni statistiche che riguardano il settore giustizia.

L'elaborazione, la diffusione e l'archiviazione dei dati concernenti ad esempio il numero dei magistrati in servizio, il flusso dei procedimenti in corso e dei processi gia' celebrati, quasi mai sono corrispondenti al vero.

La denuncia viene dal Consiglio Superiore della magistratura che ieri con una delibera ha approvato una ricerca del Claudio Castelli, togato di Md, componente della settima Commissione, quella che tra le sue competenze annovera proprio l'esame dei prospetti statistici semestrali relativi al flusso di lavoro degli uffici giudiziari.

Secondo Castelli le rilevazioni che istituzionalmente vengono svolte dall'Istat e le altre che per prassi confluiscono al Ministero di Grazia e Giustizia e al Csm presentano spesso clamorose distorsioni.

"Ad un elevatissimo numero di rilevazioni che vengono chieste agli uffici giudiziari - spiega il consigliere di Magistratura democratica - corrisponde una generale inaffidabilita' dei dati acquisiti.

Gli uffici giudiziari vengono sollecitati a fornire in tutto ben 38 statistiche (di cui alcune annuali, altre semestrali, altre trimestrali) cui vanno aggiunte le richieste straordinarie derivanti da qualche emergenza (ad esempio ultimamente sul numero di processi conclusi in esito a prescrizione dei reati).

Questo porta gli uffici giudiziari a non percepire l'utilita' della statistica e, quindi, la compilazione dei modelli costituisce unicamente un pesante onere, ritenuto peraltro superfluo se paragonato alle altre incombenze dell'ufficio".

GIUSTIZIA: MAGISTRATI CATANZARO SCRIVONO A FLICK E CSM (AGI) - Catanzaro, 16 lug.

- Sette Magistrati, tutti in servizio nella Procura presso il Tribunale di Catanzaro e nella Procura presso la Pretura Circondariale di Catanzaro, hanno inviato un documento al Ministro di Grazia e Giustizia Flick, al vice presidente del Csm, al presidente dell'associazione nazionale Magistrati, ed al procuratore generale della Corte d'Appello.

I Magistrati denunciano "la gravissima crisi del funzionamento della Giustizia nel distretto di Catanzaro" ed in particolare negli uffici dove espletano le loro funzioni.

In particolare, nel documento si denuncia la situazione della Procura presso la Pretura Circondariale di Catanzaro, nella quale il Procuratore della Repubblica ha ottenuto l'anticipato possesso nella funzione di Avvocato Generale presso la Corte d'Appello di Catanzaro, e dove sono in servizio solo due Magistrati, uno dei quali in partenza a settembre.

Da quella data rimarra' in servizio, un solo Magistrato, che peraltro riveste la qualifica di Uditore con funzioni.

Critica anche la situazione della Procura Ordinaria presso il Tribunale di Catanzaro, "dove nel giro di un paio di mesi - denuncia il documento - lasceranno l'ufficio i colleghi Sgro', Chiodo e de Magistris, in tal modo avviandosi il funzionamento della Procura verso una paralisi che appare annunciata, anche in vista dell'unificazione degli uffici requirenti".

I Magistrati catanzaresi invitano le autorita' competenti a farsi carico di quanto da loro denunciato "preso atto dell'insoddisfacente attenzione che viene prestata verso l'amministrazione della Giustiza in Calabria, come gia' denunciato, anche pubblicamente, dai colleghi Boemi e Pennisi dalla Procura presso il Tribunale di Reggio Calabria".

Nel documento si denuncia anche che "troppo spesso il Ministero concede, nell'ambito dei trasferimenti, anticipati possessi che appaiono, prima facie, non tenere in alcun conto la drammatica situazione degli uffici giudiziari del distretto".

PARLAMENTO: ELEZIONI CSM, 'FUMATA NERA', MANCA NUMERO LEGALE (ANSA) - ROMA, 16 LUG - NUOVA ''FUMATA NERA'' DEL PARLAMENTO PER L' ELEZIONE DI DIECI COMPONENTI ''LAICI'' DEL CSM: E' MANCATO PER LA SECONDA VOLTA IL NUMERO LEGALE.

LA VOTAZIONE SARA' REPLICATA GIOVEDI' 23 LUGLIO ALLE 9.

SARANNO ANCORA NECESSARI I TRE QUINTI DEI COMPONENTI L' INTERA ASSEMBLEA.

leggi tutto

riduci