21 MAG 2003

CSM - Plenum del 21 maggio 2003, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 26 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seduta pomeridiana All'ordine del giorno: 1) Copertura posti 2) Applicazioni extradistrettuali 3) Parere richiesto dal Ministro della Giustizia sull'emendamento presentato in Senato sull'ordinamento giudiziario.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 21 maggio 2003, seduta pomeridiana", registrato mercoledì 21 maggio 2003 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 3 ore e 26 minuti.
  • Presidente e poi Lo Voi

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 15.42</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong><br>Pratiche di Terza Commissione <strong>Copertura posti</strong> Dr. Carvisiglia, proposta A di maggioranza, o dr. Soresina, proposta B di minoranza, come Presidente della sezione per le indagini preliminari del Tribunale di Firenze<br>Seguito delle dichiarazioni di voto
    0:00 Durata: 6 min 3 sec
  • Luigi Marini (MD), poi Buccico

    0:06 Durata: 3 min 50 sec
  • Presidente, poi Fici e Di Federico

    Voto per ballottaggio e per appello nominale: <em>approvato il dr. Carvisiglia, proposta A, di maggioranza</em>
    0:09 Durata: 7 min 4 sec
  • Presidente e poi Arbasino sullo speciale A, per una correzione

    0:16 Durata: 43 sec
  • Presidente sull'ordine dei lavori, poi Buccico

    0:17 Durata: 2 min 26 sec
  • Presidente e poi Stabile, relatore

    <em>Approvate</em> <br>Pratiche urgenti di Settima Commissione <strong>Applicazioni extradistrettuali</strong> Dr. Civardi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento; d.ssa Di Taranto alla Corte di Appello di Palermo
    0:20 Durata: 3 min 34 sec
  • Presidente

    <strong>Parere richiesto dal Ministro della Giustizia sull'emendamento presentato in Senato sull'ordinamento giudiziario</strong> <strong>Parere predisposto dalle Commissioni sullo stesso tema del maxiemendamento</strong> Due proposte
    0:24 Durata: 28 sec
  • Wladimiro De Nunzio (Unicost), relatore di maggioranza, per una richiesta preliminare di non contingentamento dei tempi della discussione

    0:24 Durata: 31 sec
  • Wladimiro De Nunzio (Unicost), relatore di maggioranza sul profilo generale e i concorsi

    Relazioni
    0:25 Durata: 12 min 56 sec
  • Giovanni Berlinguer (membro laico(DS)), relatore di maggioranza per i principi e criteri direttivi in ordine alla dirigenza e sulle scuole

    0:38 Durata: 13 min 9 sec
  • Giuseppe Salmè (MD), relatore di maggioranza sulla Cassazione

    0:51 Durata: 17 min 26 sec
  • Giuliana Civinini (MD), relatore di maggioranza per la formazione

    1:08 Durata: 19 min 32 sec
  • Francesco Lo Voi (MI), relatore di maggioranza sul PM

    1:28 Durata: 16 min 45 sec
  • Presidente e poi Giorgio Spangher (membro laico(FI)), relatore di minoranza

    1:44 Durata: 19 min 25 sec
  • Presidente

    2:04 Durata: 51 sec
  • Giuseppe Di Federico (membro laico(FI))

    Discussione
    2:05 Durata: 31 min 58 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC))

    2:37 Durata: 22 min 45 sec
  • Gianfranco Schietroma (membro laico(SDI))

    2:59 Durata: 3 min 55 sec
  • Presidente sul seguito della discussione: interviene Aghina sull'ordine dei lavori

    3:03 Durata: 2 min 19 sec
  • Lanfranco Tenaglia (Unicost)

    La seduta termina <strong>alle 19.13</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> PDL AN-FI-UDC PER BLOCCARE TRASFERIMENTO GIUDICI NON SCHIERATI (AGI) - Roma, 21 mag. - E' in dirittura d'arrivo una proposta di legge di An, FI e Udc per evitare il trasferimento di magistrati 'non schierati': lo ha annunciato Sergio Cola (AN) che l'ha motivata con la necessita' di "sopprimere la norma sull'incompatibita' ambientale dei magistrati per evitare che siano allontanati dal loro ufficio magistrati che non sono schierati o che non appartengono alle maggioranze che gestiscono l'ANM e condizionano il Csm". Cola (AN), Vitali (FI) e Mazzoni (UDC) affermano in una nota che "le vigenti norme sulla incompatibilita' ambientale di giudici e p.m. consentono, come recenti casi dimostrano, di allontanare dalle sedi in cui esercitano le proprie funzioni, magistrati che non stanno bene a maggioranze "politicizzate" dei giudici". Per por fine "a tale inammissibile prassi che molte volte sottende veri e propri regolamenti di conti ai danni di magistrati realmente autonomi e indipendenti" Cola preannuncia la presentazione di una proposta di legge che avra' ad oggetto la soppressione dell'art. 2 del RDL 31 maggio 1946 n. 511, che prevede appunto la possibilita' di trasferire un magistrato per incompatibilita' ambientale e funzionale anche senza colpa". "Intanto, per mettere in condizione il magistrato oggetto della richiesta di trasferimento per incompatibilita' ambientale, di contrastare tale iniziativa - proseguono i tre parlamentari del Polo - abbiamo deciso di presentare un emendamento ad una legge in fase di approvazione, la n. 2745/Bis, con il quale si da' all'interessato la possibilita' di difendersi in sede giurisdizionale. Se approvata, tale disposizione, secondo la proposta emendativa, avra' efficacia anche nei procedimenti in corso". "In tal modo - concludono Cola, Vitali e Mazzoni - oltre a introdurre opportunamente il sacrosanto principio del contraddittorio in una procedura cosi' delicata, si potra' evitare che magistrati veramente indipendenti e poco graditi alle varie maggioranze 'politiche' che volta per volta si formano nel Csm, subiscano ingiuste rimozioni dal loro ufficio solo perche' colpevoli di non essere schierati dalla parte 'giusta' o di non avere nessuna protezione nell'ANM". GIUSTIZIA: CDL,STOP A INCOMPATIBILITA' AMBIENTALE MAGISTRATI <br>ATTUALE LEGGE SERVE A RIMUOVERE MAGISTRATI SCOMODI (ANSA) - ROMA, 21 MAG - ''Sopprimere la norma sull'incompatibita' ambientale dei magistrati per evitare che siano allontanati dal loro ufficio magistrati che non sono schierati o che non appartengono alle maggioranze che gestiscono l'Anm e condizionano il Csm''. E' quanto chiedono gli Sergio Cola (AN), Luigi Vitali (FI) e Ermina Mazzoni (UDC), che annunciano un'iniziativa legislativa per abrogare questa norma. ''Le vigenti norme sulla incompatibilita' ambientale di giudici e p.m. - affermano i tre esponenti della Cdl - consentono, come recenti casi dimostrano, di allontanare dalle sedi in cui esercitano le proprie funzioni, magistrati che non stanno bene a maggioranze 'politicizzate' dei giudici''. ''Per por fine a tale inammissibile prassi che molte volte sottende veri e propri regolamenti di conti ai danni di magistrati realmente autonomi e indipendenti'', Cola, Vitali e Mazzoni annunciano la presentazione di una proposta di legge che sopprime l'art. 2 del Regio Decreto 31 maggio '46 n. 511, che prevede appunto la possibilita' di trasferire un magistrato per incompatibilita' ambientale e funzionale anche senza colpa. ''Intanto, per mettere in condizione il magistrato oggetto della richiesta di trasferimento per incompatibilita' ambientale, di contrastare tale iniziativa - proseguono i tre parlamentari della Cdl - abbiamo deciso di presentare un emendamento ad una legge in fase di approvazione con il quale si da' all'interessato la possibilita' di difendersi in sede giurisdizionale. Se approvata, tale disposizione, secondo la proposta emendativa, avra' efficacia anche nei procedimenti in corso''. GIUSTIZIA: CAPO ISPETTORI CHIEDE A CSM DI TORNARE IN SERVIZIO (AGI) - Roma, 21 Mag. - Il capo degli ispettori del ministero della Giustizia, Giovanni Schiavon, ha chiesto al CSM di andare a fare il presidente del tribunale di Trieste. Ad istruire la pratica per il conferimento dell'incarico, liberatosi da poco, sara' la quinta commissione referente del Consiglio. Le domande pervenute a Palazzo dei Marescialli sono diverse. A quanto si e' appreso, nella graduatoria Schiavon si collocherebbe al settimo posto. Se, a prescindere dal conferimento di questo incarico, il capo degli ispettori rimanesse fermo nella decisione di tornare ad indossare la toga accettandone anche un altro, dovrebbe essere preliminarmente richiamato in servizio attivo (tecnicamente ricollocato nel ruolo organico della magistratura).
    3:06 Durata: 20 min 38 sec