30 SET 1998

CSM - Plenum del 30 settembre 1998, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 53 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

La seduta ha inizio alle 16.26 e termina alle 18.19 Presidenza del vicepresidente Giovanni Verde Il CSM nelle agenzie di stampa CASO PG CASSAZIONE: NOTA DEL CSM SU ARCHIVIAZIONE PRATICA (AGI) - Roma, 30 set.

- Dopo l'archiviazione della pratica votata in mattinata all'unanimita', il Consiglio superiore della magistratura, in una nota diffusa nel primo pomeriggio, e' tornato ancora sulla vicenda dei presunti contatti telefonici tra il boss della banda della Magliana Danilo Abbruciati ed il Pg di Cassazione, Ferdinando Zucconi Galli Fonseca, per ribadire che "sulla scorta di una perizia
calligrafica e di un rappoorto del Ministero degli Interni, il plenum ha accertato l'assoluta infondatezza dell'assunto".

"Il numero telefonico chiamato dall'Abbruciati - si legge - non corrisponde a quello dell'abitazione dell'alto magistrato bensi' a quello della famiglia della convivente dell'Abbruciati medesimo.

Il Consiglio, pertanto, ha ribadito la ferma necessita' di esercitare, in virtu' delle univoche risultanze dei fatti, la propria funzione di organo di tutela del prestigio dei magistrati 'ingiustamente attaccati, aggrediti o vilipesi' (delibera consiliare del primo dicembre del '94) e quindi anche nei confronti del dottor Zucconi Galli Fonseca, nuovamente fatto oggetto, ancora di recente nella stampa, di infondate illazioni".

Il Csm, "accertata la assoluta correttezza del comportamento tenuto dal Pg presso la Cassazione nell'esercizio dell'azione disciplinare a carico del dottor Lupacchini, che ha fatto seguito alle vicende prima richiamate, ha deliberato all'unanimita' l'archiviazione della pratica non essendovi provvedimenti di competenza consiliare da adottare".

GIUSTIZIA:ABBRUCIATI FLICK RICORRE CONTRO CSM PER LUPACCHINI (ANSA) - ROMA, 30 SET - IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA GIOVANNI MARIA FLICK HA PRESENTATO RICORSO IN CASSAZIONE CONTRO LA SENTENZA DELLA SEZIONE DISCIPLINARE DEL CSM CHE HA ASSOLTO IL PM ROMANO OTELLO LUPACCHINI PER LA VICENDA LEGATA A ZUCCONI GALLI FONSECA.

LO HA RESO NOTO LO STESSO GUARDASIGILLI RISPONDENDO ALLA CAMERA AD ALCUNE INTERROGAZIONI PARLAMENTARI PROPRIO SULLA VICENDA DEL PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CORTE DI CASSAZIONE.

FLICK HA RICORDATO DI AVER PROMOSSO, IL 7 AGOSTO 1997, AZIONE DISCIPLINARE NEI CONFRONTI DI LUPACCHINI ''PER AVER DIMOSTRATO LEGGEREZZA, SUPERFICIALITA' ED APPROSSIMAZIONE''.

MA IL 22 MAGGIO 1998 LA SEZIONE DISCIPLINARE DELL' ORGANO DI AUTOGOVERNO DELLA MAGISTRATURA AVEVA ASSOLTO LUPACCHINI.

''IL GIUDICE ISTRUTTORE LUPACCHINI - HA DETTO OGGI FLICK - ISTRUENDO UN PROCEDIMENTO RELATIVO AD UNA ASSOCIAZIONE CRIMINALE DELLA PERICOLOSITA' DELLA 'BANDA DELLA MAGLIANA', DI FRONTE ALL' IPOTESI CHE UNO DEI SUOI COMPONENTI AVESSE UN COLLEGAMENTO CON UN MAGISTRATO, DIVENUTO NEL FRATTEMPO PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CASSAZIONE, (SECONDO LA POLIZIA IL BOSS ABBRUCIATI AVREBBE TELEFONATO AD UN NUMERO PRIVATO DI GALLI FONSECA) DOVEVA CONDURRE IL MASSIMO DI APPROFONDIMENTO POSSIBILE, PER COMPRENDERE CHE COSA SIGNIFICASSE''.

''INVECE - SOTTOLINEA FLICK - NON RISULTA NEANCHE EFFETTUATO UN ACCERTAMENTO SULLA CORRISPONDENZA AL VERO DEL NUMERO DI TELEFONO RIPORTATO DALLA NOTA DELLA POLIZIA GIUDIZIARIA, CHE AVREBBE MESSO IN RILIEVO CHE LA SCHEDA DEL MOTEL (DA CUI ERA STATO COMPOSTO IL NUMERO) ERA ILLEGGIBILE.

ANCHE LA SEZIONE DISCIPLINARE DEL CSM HA AFFERMATO CHE LA SCHEDA ERA PERFETTAMENTE LEGGIBILE.

LA SEMPLICE OSSERVAZIONE DELLA SCHEDA INVECE MOSTRA CHE DI ESTREMA CHIAREZZA NON PUO' PROPRIO PARLARSI.

MA IL PUNTO CENTRALE DI CRITICA ALLA SENTENZA IMPUGNATA E ALLA CONDOTTA DI LUPACCHINI CONSISTE NELLA MANCANZA DI ACCERTAMENTI ISTRUTTORI CHE ERANO E SONO ESSENZIALI''.

ANCHE PERCHE', RILEVA ANCORA FLICK, DA UNA PERIZIA GRAFICA EFFETTUATA SU RICHIESTA DI ZUCCONI GALLI FONSECA, EMERGE LA POSSIBILITA' CHE IL NUMERO SIA QUELLO DEL PADRE DELLA DONNA CON CUI QUEL GIORNO ABBRUCIATI DIVIDEVA LA STANZA DEL MOTEL.

INSOMMA, CONCLUDE IL GURDASIGILLI, LUPACCHINI DOVEVA INDAGARE E COMPIERE UNA SERIE DI ACCERTAMENTI ''MENTRE CERTO E' STATO INVECE IL GRAVISSIMO DANNO PER ZUCCONI GALLI FONSECA''.

CSM: VERDE SU REGOLE E PRASSI TRASFERIMENTI MAGISTRATI Roma, 30 set.

(Adnkronos)- ''Regole e prassi relative ai trasferimenti dei magistrati sono rimaste immutate''.

E' quanto ''sente la necessita' di precisare'' il vicepresidente del Csm Verde a proposito di ''notizie e interviste ieri diffuse dai mezzi di informazione''.

''Il Csm -si legge nella nota di Verde- valutera' le domande degli aspiranti con la dovuta serenita' e obiettivita' senza condizionamenti di sorta e senza rinunziare ad alcuna delle prerogative proprie dell'organo di autogoverno''.

GIUSTIZIA: BORRELLI CONSIGLIERI CSM, MANI PULITE NON FINISCE (ANSA) - ROMA, 30 SET - SE BORRELLI VENISSE NOMINATO PROCURATORE GENERALE DI MILANO SAREBBE LA FINE PER MANI PULITE? ALL'INTERROGATIVO INTORNO AL QUALE DA IERI SI E' APERTO IL DIBATTITO RISPONDONO DI NO DUE CONSIGLIERI ''LAICI'' DEL CSM DI OPPOSTI ORIENTAMENTI POLITICI.

''IL CAMBIO DI FUNZIONI NON DOVREBBE INFLUIRE SUL DESTINO DEI PROCESSI - DICE RAFFAELE VALENSISE, INDICATO DA ALLEANZA NAZIONALE -.

CON L'USCITA DI BORRELLI DAL POOL NON PUO' FINIRE INFATTI UNA STAGIONE NATA DALL'ESIGENZA DI VERIFICARE LA REGOLARITA' DI CERTI COMPORTAMENTI POLITICI.

SAREBBE RIDUTTIVO PENSARE CHE LA GIUSTIZIA VENISSE INCARNATA DA UN SINGOLO''.

L'ABBANDONO DI BORRELLI SEGNERA' IL TRAMONTO DI MANI PULITE? ''PENSO E MI AUGURO DI NO - RISPONDE A SUA VOLTA GRAZIELLA TOSSI BRUTTI, ''LAICA'' DI AREA DS - PERCHE' IN QUELLA PROCURA RESTANO COMUNQUE PERSONE VALIDE''.

VALENSISE ESCLUDE ANCHE CHE UN'EVENTUALE NOMINA DI BORRELLI A PG DI MILANO PONGA UN PROBLEMA DI OPPORTUNITA', VISTO CHE NELLA NUOVA VESTE IL PROCURATORE DOVREBBE ESPRIMERE PARERI SULLE PROMOZIONI ANCHE DEI MAGISTRATI CHE HANNO GIUDICATO I PROCESSI DA LUI ISTRUITI.

''LE PROMOZIONI DIPENDONO DAL CSM E SOPRATTUTTO DAI MERITI DEI MAGISTRATI.

IL GIUDIZIO DI UN PG PUO' PESARE, MA NON E' DECISIVO''.

leggi tutto

riduci