24 LUG 2003

CSM - Plenum del 24 luglio 2003, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 13 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seduta pomeridiana All'ordine del giorno: 1) Problematiche connesse al diritto di precedenza assoluta nei trasferimenti dopo un quinquennio di permanenza in sede disagiata 2) Pubblicazione posti vacanti 3) Conferimento uffici direttivi 4) Applicazione extradistrettuale 5) Formazione delle tabelle di organizzazione, per il biennio 2002-2003, della Corte di Cassazione 6) Programma organizzativo, per il biennio 2002-2003, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Voghera 7) Formazione delle tabelle di organizzazione, per il biennio 2002-2003, del Tribunale di Monza 8) Programma organizzativo, per il biennio 2002-2003, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Monza 9) Programma organizzativo, per il biennio 2002-2003, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lodi 10) Concorso 11) Pratiche di carattere generale: Rete Europea di Formazione Giudiziaria 12) Scadenza dei termini per la presentazione delle domande relative alla pubblicazione dei posti per i Magistrati distrettuali.

leggi tutto

riduci

  • Giovanni Mammone (MI), Presidente della Quarta Commissione

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 16.47</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong><br><br>Pratiche varie di Terza Commissione provenienti dai lavori del mattino <strong>Problematiche connesse al diritto di precedenza assoluta nei trasferimenti dopo un quinquennio di permanenza in sede disagiata</strong> Due proposte: Marini e Fici
    0:00 Durata: 4 min 24 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), relatore di maggioranza

    Repliche dei relatori
    0:04 Durata: 13 min 34 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore di minoranza

    0:17 Durata: 10 min 11 sec
  • Presidente sugli emendamenti Marini, che interviene

    Voto per ballottaggio sulle due proposte: <em>parità</em><br>Nella seconda votazione per ballottaggio: <em>approvata la proposta A, Fici</em> Procedura di voto
    0:28 Durata: 10 min 16 sec
  • Carmine Stabile (Unicost), Presidente della Terza Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Pubblicazione posti vacanti</strong>
    0:38 Durata: 2 min 33 sec
  • Presidente e poi Buccico, relatore

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Quinta Commissione <strong>Conferimento uffici direttivi</strong>
    0:41 Durata: 22 sec
  • Luigi Marini (MD), Presidente della Settima Commissione, relatore

    <br>Pratiche di Settima Commissione <strong>Applicazione extradistrettuale</strong> Dr. Frasso<br>Relazione
    0:41 Durata: 6 min 1 sec
  • Dr. Francesco Favara, Procuratore Generale della Corte di Cassazione, e poi Buccico

    Discussione
    0:47 Durata: 6 min 8 sec
  • Luigi Marini (MD), Presidente della Settima Commissione, quindi il Presidente e poi Buccico e il relatore; intervengono Di Federico e Nicola Marvulli, primo Presidente della Corte di Cassazione. Per dichiarazione di voto, Buccico

    Voto sul ritorno in Commissione: <em>respinto</em><br>Voto sul merito: <em>approvata</em> Replica del relatore
    0:53 Durata: 7 min 27 sec
  • Giuseppe Di Federico (membro laico(FI)), relatore

    <strong>Formazione delle tabelle di organizzazione, per il biennio 2002-2003, della Corte di Cassazione</strong> Relazione
    1:01 Durata: 21 min
  • Nicola Marvulli, primo Presidente della Corte di Cassazione

    Discussione
    1:22 Durata: 16 min 15 sec
  • Presidente e poi Marini, Tenaglia e Salmè

    <br>Presidenza del Consigliere <strong>Nicola Buccico</strong>
    1:38 Durata: 16 min 58 sec
  • Nicola Marvulli e Favara si assentano

    1:55 Durata: 31 sec
  • Giovanni Mammone (MI)

    1:56 Durata: 7 min 17 sec
  • Giuseppe Di Federico (membro laico(FI))

    <em>Approvata</em> Replica del relatore
    2:03 Durata: 3 min 47 sec
  • Presidente e poi Schietroma, relatore

    <em>Approvate tutte e 4</em> <strong>Programma organizzativo, per il biennio 2002-2003, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Voghera</strong> <strong>Formazione delle tabelle di organizzazione, per il biennio 2002-2003, del Tribunale di Monza</strong> <strong>Programma organizzativo, per il biennio 2002-2003, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Monza</strong> <strong>Programma organizzativo, per il biennio 2002-2003, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lodi</strong>
    2:07 Durata: 56 sec
  • Presidente

    <em>Approvata la presa d'atto</em> <br>3 pratiche precedentemente accantonate<br>Pratiche urgenti di Nona Commissione <strong>Concorso</strong>
    2:08 Durata: 39 sec
  • Presidente e poi Marotta

    <em>Approvata</em> <strong>Pratiche di carattere generale: Rete Europea di Formazione Giudiziaria</strong>
    2:08 Durata: 1 min
  • Carmine Stabile (Unicost), Presidente della Terza Commissione, relatore

    <em>Approvata con una correzione</em> <strong>Scadenza dei termini per la presentazione delle domande relative alla pubblicazione dei posti per i Magistrati distrettuali</strong>
    2:09 Durata: 1 min 8 sec
  • Presidente sulla possibile mancanza del numero legale: interviene Marotta, poi il Presidente e quindi Civinini, relatore per le pratiche di Nona Commissione, quindi Tenaglia

    <em>Approvate in blocco le pratiche residue di Ottava</em><br><em>Approvate in blocco le pratiche residue di Nona Commissione, con le correzioni suggerite da Civinini e Tenaglia</em><br>La seduta termina <strong>alle 18.59</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM/ 9520, PLENUM: IL DOCUMENTO APPROVATO SU ISPEZIONE A MILANO <br>Ottemperato da pm "obbligo leale collaborazione" con ispettori Roma, 24 lug. (Ap.Biscom) - "(...) I magistrati della Procura di Milano hanno fornito un'analitica cronistoria dei 'movimenti' del fascicolo processuale di cui si tratta (il 9520, ndr) e hanno indicato le ragioni della persistente iscrizione del fascicolo stesso nel registro mod.21 e del mancato stralcio al momento della definizione dell'ultima iscrizione relativa ad imputati noti ottemperando in tal modo all'obbligo di leale collaborazione". E' quanto si legge nella risoluzione approvata oggi a maggioranza dal plenum del Csm (17 voti a favore, contrari tre consiglieri della Cdl) che si è pronunciato sulla legittimità del segreto investigativo opposto agli ispettori ministeriali dai pm di Milano, Ilda Boccassini e Gherardo colombo, sul fasciolo 9520 (quello da cui hanno tratto origine i processi Imi-Sir e Sme). 'CASO' MILANO: La parte più contestata dai consiglieri laici della Cdl non è stata alla fine modificata ma è stata inclusa nella parte 'motiva' del documento, cioè nella lunga premessa, dopo che il plenum ha accolto gli emendamenti proposti dal consigliere laico dei Ds, Luigi Berlinguer. "Nel caso di specie - si legge sempre nella parte 'motiva' l'opposizione del segreto investigativo" da parte dei pm "è stata giustificata con la pendenza di un procedimento a carico di ignoti per i reati di cui agli art.326,490,476,482c.p. e per l'identificazione di eventuali ulteriori concorrenti nei reati di corruzione originariamente contestati" e "quindi con la necessità di evitare un pregiudizio per il positivo sviluppo delle indagini". "Tale motivazione - si legge nella risoluzione rientra tra quelle che alla stregua degli atti consiliari legittimano l'opposizione del segreto di indagine". "Esula quindi dai poteri del Consiglio - prosegue la risoluzione - sindacare nel merito le motivazioni indicate, rientrando nell'esclusiva responsabilità dei magistrati della Procura di Milano la decisione sulla derogabilità o meno del segreto investigativo nela vicenda concreta: decisione la cui fondatezza è sottoposta alle ordinarie verifiche nelle sedi competenti". La parte della risoluzione votata anche dai consiglieri della Cdl è il dispositivo finale che contiene principi di carattere più generale sul rapporto tra ispezioni ministeriali e segreto investigativo. DISPOSITIVO FINALE: Cinque i punti del dispositivo finale della risoluzione, in tutto uhna decina di righe, nelle quali si legge: "le questioni attinenti alla interpretazione delle norme processuali appartengono alla giurisdizione; l'opposizione del segreto, in pendenza delle indagini preliminari, può essere motivata soltanto dalla necessità di evitare un pregiudizio per il positivo sviluppo delle indagini: i pm possono, nella loro autonomia e indipendenza, opporre il segreto investigativo spiegando le ragioni della propria scelta processuale; esula dai poteri del Consiglio sindacare questa scelta e le ragioni che l'hanno indotta, che potranno essere ovvaiemnet sottoposte a controllo nelle sedi comeptenti e nei tempi processuali dovuti". <strong>INCHIESTA MEDIASET: MACCANICO, LEGGE NON BLOCCA ROGATORIE <br>BENE HANNO FATTO PM A SEGNALARE VICENDA A CSM</strong> (ANSA) - ROMA, 24 LUG - ''Si tratta di un' iniziativa arbitraria perche' la legge approvata non autorizza che siano impedite le indagini preliminari''. Questo il commento di Antonio Maccanico della Margherita, alla notizia del blocco della richiesta di rogatorie nell'ambito dell'inchiesta Mediaset. ''Bene, quindi hanno fatto i pubblici ministeri - ha concluso Maccanico - a segnalare la vicenda al Csm''. <br>(AGI) - Milano, 24 lug.- La Procura rispedisce al mittente le carte sulla rogatoria Usa "bloccata" nell'ambito dell'inchiesta Mediaset che vede Silvio Berlusconi iscritto nel registro degli indagati. Per questo la Procura ha scritto al ministero, informando anche il Csm, che "ritiene irricevibili gli acclusi atti relativi relativi alle richieste rogatoriali cui codesto Ministero aveva gia' provveduto a dare corso. Tale irricevibilita' - si legge nella lettera - e' determinata dalla abnormita' della procedura seguita in palese violazione della legge". Nella missiva i magistrati chiedono di restiuire all'autorita' diplomatica statunitense la rogatoria a cui era gia' stato dato corso. La richiesta della rogatoria quando ormai era gia' in mani Usa, violerebbe l'articolo 727 del codice di procedura penale e il principio dell'obbligatorieta' dell'azione penale "cosi' indebitamente interferendo nello svolgimento della funzione giudiziaria". (AGI)
    2:10 Durata: 3 min 10 sec