03 LUG 2003

CSM - Plenum del 3 luglio 2003, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 14 min 14 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seduta pomeridiana All'ordine del giorno: 1) Nomina dei referenti distrettuali per il biennio 2002/04 alla Corte di Appello di Potenza 2) Incontri di studio: durata ragionevole e processo penale 3) Lineamenti sulla programmazione degli incontri di studio per l'anno 2004 4) Copertura posti .

Registrazione di "CSM - Plenum del 3 luglio 2003, seduta pomeridiana", registrato giovedì 3 luglio 2003 alle 00:00.

La registrazione ha una durata di 14 minuti.
  • Presidente e poi Marotta, relatore, quindi Arbasino per un'informazione

    <em>Rinviata in Commissione</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 15.40</strong><br>Presidenza del Consigliere <strong>Nicola Buccico</strong><br>Pratiche di Nona Commissione <strong>Nomina dei referenti distrettuali per il biennio 2002/04 alla Corte di Appello di Potenza </strong> Dr. Sètola o dr. Basentini
    0:00 Durata: 3 min 22 sec
  • Giuseppe Meliadò (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Incontri di studio: durata ragionevole e processo penale</strong> Corsi di aggiornamento professionale per Magistrati per l'anno 2003
    0:03 Durata: 33 sec
  • Presidente sull'assenza del relatore Civinini

    <em>Rinviata alla settimana dopo</em> <strong>Lineamenti sulla programmazione degli incontri di studio per l'anno 2004</strong>
    0:03 Durata: 1 min 5 sec
  • Presidente e poi Fici, relatore

    <em>Approvata</em> Ordine del giorno aggiunto Pratiche di Terza Commissione <strong>Copertura posti</strong> D.ssa Panzano a Catania
    0:05 Durata: 1 min 13 sec
  • Giuseppe Meliadò (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. De Matteis a Genova
    0:06 Durata: 27 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Morosini
    0:06 Durata: 45 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC)), relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Tornesi a Lucca
    0:07 Durata: 43 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Rossato a Monza
    0:08 Durata: 52 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC)), relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Di Paolantonio a Pescara
    0:09 Durata: 29 sec
  • Carmine Stabile (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Viscito ad Ancona
    0:09 Durata: 40 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Bianchini a Milano
    0:10 Durata: 38 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC)), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. D'Amico a Messina
    0:10 Durata: 25 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Giannella a Bari
    0:11 Durata: 29 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC)), relatore, poi Tenaglia sulla prima pratica

    <em>Approvate</em> Dr. Luberto a Catanzaro; dr. Nastasi a Messina
    0:11 Durata: 1 min 27 sec
  • Carmine Stabile (Unicost), Presidente della Terza Commissione

    <em>Approvate</em><br>La seduta termina <strong>alle 15.55</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> MAFIA: GRASSO, NESSUNA 'RIVOLTA' IN PROCURA PALERMO (ANSA) - PALERMO, 4 LUG - ''Non ci sono spaccature o divergenze da sanare, ne' tanto meno rivolte da sedare alla procura di Palermo in seguito all' inchiesta sui rapporti tra mafia e politica. Non c' e' stata nessuna riunione in Dda con toni accesi, ma la piena concordia tra i responsabili dell' indagine e gli altri colleghi''. Lo afferma il procuratore di Palermo, Pietro Grasso che smentisce le voci su ''una procura spaccata'' riportate stamane da alcuni quotidiani nazionali. Secondo queste voci, i malumori sarebbero esplosi per una insufficiente circolazione delle notizie all' interno della Dda di Palermo. ''Le decisioni sull' inchiesta che ha coinvolto anche il presidente della Regione Salvatore Cuffaro - precisa il capo della Dda di Palermo - sono state comunicate ai procuratori aggiunti per garantire la circolazione dell' informazione in ufficio e i dati raccolti in questa indagine sono stati depositati anche in altri processi, come in quello a Marcello Dell' Utri''. Sulla richiesta avanzata da 12 pm che sollecitano la convocazione di una riunione per discutere dell' indagine su Cuffaro, Grasso dice: ''Non ci vedo nulla di strano, l' ufficio di Palermo e' un posto dove tutti possono discutere di tutto, e in cui basta la richiesta di una sola persona per inserire un argomento all' ordine del giorno delle riunioni''. ''Lunedi' scorso - sottolinea Grasso - nessuno dei presenti alla riunione della Dda ha chiesto di discutere dell' argomento del giorno, che era l' avviso di garanzia a Cuffaro, ed e' evidente che queste esigenze sono nate successivamente. Spero che la decisione presa ieri dal Csm, di dare il via libera al concorso per quattro nuovi posti in Dda che esclude due procuratori aggiunti, non abbia avuto influenza su quanto e' emerso oggi sui giornali''. Per il procuratore di Palermo ''non si puo' pensare alla Dda come ad un' assemblea permanente in cui tutti sono informati di tutto in tempo reale. E' un problema - prosegue - gia' affrontato e risolto nei mesi scorsi dal Csm quando si e' occupato del caso Giuffre'''. I presunti conflitti in procura sono finiti sui giornali e Grasso ha qualcosa da dire sui giornalisti. ''So che si tratta di giornalisti di alta professionalita' - dice il capo dei pm palermitani - e quindi dovrebbero conoscere i pericoli a cui si va incontro, dando fiato a veleni di corridoio che finiscono per delegittimare tutti''. <strong>Varie: un ricorso</strong> D.ssa Capasso; dr. Petteruti
    0:13 Durata: 1 min 6 sec