18 SET 2003

CSM - Plenum del 18 settembre 2003, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 15 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Seduta antimeridiana All'ordine del giorno: 1) Programma informatico di gestione delle domande di nomina e conferma dei Magistrati onorari a Milano 2) Mancato tirocinio civile )3 Pratica Cordova 4) Il CSM nelle agenzie di stampa.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 18 settembre 2003, seduta antimeridiana", registrato giovedì 18 settembre 2003 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 3 ore e 15 minuti.
  • Presidente e poi Stabile, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 9.49</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong><br>Pratiche ex art. 45 di Ottava Commissione <strong>Programma informatico di gestione delle domande di nomina e conferma dei Magistrati onorari a Milano</strong>
    0:00 Durata: 1 min 5 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore

    <em>Approvata l'archiviazione dell'azione disciplinare</em> <strong>Mancato tirocinio civile</strong> D.ssa Poma
    0:01 Durata: 3 min 4 sec
  • Presidente riassume il corso del procedimento: intervengono Salvi, relatore, e poi Buccico sulla richiesta del dr. Nordio di ulteriore intervento

    <br>Procedura ex art. 42 <strong>Pratica Cordova</strong>
    0:04 Durata: 4 min 59 sec
  • Dr. Carlo Nordio, assistente in questo procedimento del dr. Cordova

    0:09 Durata: 51 min
  • Giovanni Salvi (MD), Presidente della Prima Commissione, relatore, per alcune precisazioni cui ribatte Nordio

    1:00 Durata: 3 min 27 sec
  • Leonida Primicerio (Unicost), Presidente della Quinta Commissione, interrotto brevemente da Buccico dopo circa 20 minuti di intervento

    Lettura della memoria
    1:03 Durata: 35 min 42 sec
  • Presidente, brevemente, e poi Paolo Arbasino (Movimento per la giustizia)

    La seduta, sospesa <strong>alle 10.53</strong>, viene ripresa <strong>alle 12.03</strong>
    1:39 Durata: 25 min 15 sec
  • Presidente legge i nomi dei successivi interventi

    La seduta, sospesa <strong>alle 12.04</strong>, viene ripresa <strong>alle 12.13</strong>
    2:04 Durata: 38 sec
  • Luigi Riello (Unicost)

    Seguito della discussione
    2:05 Durata: 29 min 57 sec
  • Giuseppe Di Federico (membro laico(FI)), Presidente della Nona Commissione

    La seduta termina <strong>alle 13.16</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM: CORDOVA; NORDIO, CONSIGLIO STA SMENTENDO SE STESSO (ANSA) - ROMA, 18 SET - Sul caso Cordova il Csm sta smentendo se stesso, visto che in ''decine'' di documenti lo ha definito in passato ''il procuratore piu' bravo''. E' il tasto su cui ha insistito davanti al Csm il pm veneziano Carlo Nordio, nella sua difesa del procuratore di Napoli Agostino Cordova, su cui pende una richiesta di trasferimento d'ufficio per incompatibilita' ambientale e funzionale. ''Cordova ha alle spalle 40 anni di carriera piu' che onorata'', ha detto Nordio, ricordando ''le decine di pareri'' lusinghieri per il procuratore di Napoli espressi dal consiglio giudiziario di Napoli, ma soprattutto dal Csm. Una valutazione positiva condivisa anche dagli ispettori del ministro della Giustizia, la cui ultima relazione ''ha dato atto dell'autorevolezza del procuratore di Napoli''. ''Che cosa e' successo allora - ha chiesto polemicamente Nordio - perche' oggi Cordova venga ritenuto incompatibile non solo con Napoli, ma anche con le sue funzioni?'' Per conto del suo assistito Nordio ha presentato oggi una nuova memoria, in cui lamenta il mancato accoglimento da parte del Csm della maggior parte delle richieste istruttorie da lui avanzate e l'assenza di argomenti favorevoli alla difesa nella relazione di accusa del togato Giovanni Salvi. Dopo la sua arringa e' cominciato il dibattito , che andra' avanti per tutto il pomeriggio, e nel corso del quale il laico di Fi Giuseppe Di Federico ha annunciato che non partecipera' al voto finale:''Cordova e' diventato improvvisamente un magistrato cattivo. Vedo una connotazione politica - ha spiegato - dietro tutto questo''. Al voto comunque si andra' solo la prossima settimana, probabilmente il 24. RIFORME: NORME SU CSM NON PIACCIONO A TOGATI <br>MAROTTA (UDC), BENE MA SI INTERVENGA ANCHE SU DISCIPLINARE (ANSA) - ROMA, 17 SET - Dividono il Csm le nuove norme sul Consiglio superiore della magistratura contenute nelle riforme istituzionali licenziate ieri dal Consiglio dei ministri. I togati temono un indebolimento del sistema di autogoverno della magistratura, mentre dal fronte dei laici della Cdl arriva un sostanziale si' alle novita' che il governo intende introdurre e un invito ad andare oltre, magari intervenendo sul settore disciplinare. A far discutere i togati e' soprattutto la norma che prevede sia il capo dello Stato a designare il vice presidente del Csm, che oggi e' nominato invece dall'assemblea dei consiglieri. ''Mi sembra una scelta singolare e inopportuna, di cui non capisco le motivazioni - dice Ernesto Aghina del Movimento per la Giustizia- Non vedo perche' infatti rafforzare il legame diretto tra il vice presidente e il capo dello Stato e sottrarre cosi' al Consiglio quella che oggi e' una sua competenza''. Un processo che ha un risultato chiaro: ''i meccanismi democratici interni al Csm vengono compressi''. Con questa innovazione ''si indebolisce l'autogoverno della magistratura- denuncia a sua volta Giuseppe Meliado' di Unicost- Il sistema attuale di nomina del vice presidente, affidata allo stesso Consiglio superiore, e' coerente con il disegno costituzionale che esalta l'autogoverno. Con le norme proposte dal governo si va invece in direzione opposta''. Opposta l'opinione dei laici della Cdl. ''Sono riforme da valutare con grande interesse'' dice Nino Marotta dell'Udc, che invita il governo a spingersi piu' in la', intervenendo anche sulla sezione disciplinare del Csm. ''Il Csm ha infatti sicuramente bisogno di un assetto diverso dall'attuale, anche sul piano disciplinare'' ,sottolinea Marotta, che ricorda la recente ''apertura'' sul tema da parte del presidente dei deputati Ds Luciano Violante.
    2:35 Durata: 40 min 38 sec