11 MAR 1999

CSM - Plenum dell'11 marzo 1999

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 46 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

La seduta ha inizio alle 10.42 e termina alle 14.25 Presidenza del vicepresidente Giovanni Verde Il CSM nelle agenzie di stampa CSM: BATTAGLIA PRESIDENTE TRIBUNALE MINORI PALERMO (AGI) - 11 mar.

- Adalberto Battaglia e' il nuovo presidente del Tribunale per i minorenni di Palermo.

L'incarico e' stato conferito oggi dal Consiglio Superiore della Magistratura su proposta della quinta commissione referente.

Battaglia ha raccolto l'unanimita' del consensi dell'Assemblea plenaria.

Siciliano, 60 anni il prossimo mese (e' nato a Trapani il 27 aprile del '39), magistrato dal 1965, lascia le funzioni di
presidente di sezione presso il Tribunale della stessa Palermo.

GIUSTIZIA: SHARIFA CONSIGLIERI CSM POLO CRITICANO BOCCASSINI (ANSA) - ROMA, 11 MAR - L'INTERVENTO DEL PM MILANESE ILDA BOCCASSINI SUL CASO SHARIFA, PUBBLICATO IERI DAL CORRIERE DELLA SERA, NON E' PIACIUTO AI CONSIGLIERI DEL CSM ELETTI SU INDICAZIONE DEL POLO, CHE NELLE SCORSE SETTIMANE HANNO CHIESTO L'APERTURA DI UNA PRATICA SUL CASO DA PARTE DELLA PRIMA COMMISSIONE DI PALAZZO DEI MARESCIALLI.

IL CASO NON E' STATO POSTO ANCORA ALL'ORDINE DEL GIORNO DELLA COMMISSIONE, CHE E' COMPETENTE PER I TRASFERIMENTI D'UFFICIO PER INCOMPATIBILITA' AMBIENTALE DEI MAGISTRATI, MA, SOTTOLINEA UNO DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE, MICHELE VIETTI, 'LAICO' DEI CCD, ''DOVRA' ESSERE VALUTATO IN BASE A QUANTO RISULTERA' DAI DOCUMENTI E DALLE EVENTUALI ISTRUTTORIE, NON DI CERTO DALLE AUTODIFESE VIA GIORNALE''.

AUTODIFESE, CHE SECONDO IL CONSIGLIERE, ''RISCHIANO DI APPARIRE UN'OPERAZIONE DI SCARICABARILE'', OLTRETUTTO INUTILE: ''NON E' CHE SE A SBAGLIARE E' STATO PIU' DI UNA PERSONA, QUESTO FA VENIR MENO LA RESPONSABILITA' INDIVIDUALE''.

MARIO SERIO, 'LAICO' DI FORZA ITALIA, PUR ESPRIMENDO ''SOLIDARIETA' '' AL PM MILANESE PER LE MINACCE RICEVUTE, CRITICA LA CONCLUSIONE DELLA LETTERA DELLA BOCCASSINI AL CORRIERE DELLA SERA: ''SCRIVE CHE NELLA SUA FAMIGLIA NON SARANNO GRADITE SCUSE POSTUME IMMAGINO CHE UNA FRASE ANALOGA LA POSSA PRONUNCIARE A MAGGIOR RAGIONE QUESTA CITTADINA SOMALA''.

(Adnkronos) - Tornando al 'caso Boccassini', si registrano anche alcuni commenti dal Csm.

Il consigliere laico Michele Vietti, che sulla questione ha chiesto l'apertura di una pratica in Prima Commissione, osserva: ''La vicenda dovra' essere valutata e apprezzata nelle sedi istituzionali, in base a quanto risultera' dai documenti e dall'eventuale istruttoria.

Non dalle autodifese via giornale -ammonisce riferendosi all'intervento di ieri della Boccassini sul 'Corriere della sera'- che peraltro rischiano di apparire un'operazione di scaricabarile.

Se a sbagliare e' stato piu' di uno, questo -avverte Vietti- non fa venir meno la responsabilita' personale''.

REFERENDUM: PARTITO RADICALE DEPOSITA IN CASSAZIONE 43 QUESITI (AGI) - Roma, 11 mar - Finanziamento pubblico, giustizia, flessibilita' del lavoro, fisco, pensioni: su questi e altri temi il Partito Radicale ha depositato in Cassazione 43 richieste di referendum popolari, che sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

Una vera e propria 'valanga' referendaria, destinata a crescere nei prossimi giorni con il deposito di nuovi quesiti.

Si tratta solo di un 'deposito tecnico', spiegano i radicali: solo alcuni dei quesiti, tra qualche settimana, potrebbero essere scelti per una 'campagna referendaria di primavera' e per la conseguente raccolta delle firme.

I 'titoli' che hanno piu' chances sono quelli su finanziamento pubblico ai partiti, liberalizzazione del lavoro (part-time, interinale e a domicilio), abolizione delle pensioni d'anzianita', giustizia 'giusta' (responsabilita' civile dei magistrati, separazione delle carriere, riforma del Csm).

C'e' poi un quesito (gia' battezzato 'referendum Paciotti-Violante') che mira a negare ai giudici la possibilita' di accedere a cariche politiche.

CSM: E LA SPEZIA PERDE ANCHE ULTIMO 'PROTAGONISTA' INCHIESTA FSDOPO CARDINO, SE NE VA ANCHE FRANZ Roma, 11 mar.

(Adnkronos) - Dopo l'inchiesta sulle Fs, la Procura di La Spezia perde anche i suoi 'protagonisti'.

Il primo ad andarsene era stato il pm Alberto Cardino, che nell'ottobre del '97 aveva scelto di passare in Tribunale, restando pero' a La Spezia.

E, oggi, lo ha seguito anche il suo collega Silvio Franz, che ha chiesto e ottenuto dal Csm il trasferimento in Procura a Genova.

Nel capoluogo ligure Franz, pero', continuera' a fare il sostituto procuratore.

In magistratura dall'86, Franz ha 40 anni.

Cardino e Franz erano i due titolari dell'inchiesta partita dalle intercettazioni del banchiere italo-svizzero Francesco Pacini Battaglia, che aveva portato all'arresto, tra gli altri, dell'ex amministratore delegato delle Fs Lorenzo Necci.

Inchiesta che, successivamente, e' stata smembrata tra le Procure di Milano e Perugia.

leggi tutto

riduci