18 MAR 1999

CSM - Plenum del 18 marzo 1999, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 3 ore 31 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

La seduta ha inizio alle 11.28 e termina alle 14.54 Presidenza del vicepresidente Giovanni Verde Il CSM nelle agenzie di stampa CSM: PERSONALE OCCUPA AULA DEL PLENUMPROTESTA PER EMENDAMENTO SU AUTONOMIA DIPENDENTI AMMINISTRATIVI Roma, 18 mar.

(Adnkronos) - Personale del Csm sul piede di guerra.

A protestare sono i 230 dipendenti amministrativi, che stamattina hanno occupato per qualche ora l'aula Bachelet di Palazzo dei Marescialli, impedendo cosi' il regolare svolgimento dell'assemblea plenaria.

La protesta riguarda un subemendamento alla legge sul riordino delle carriere, in particolare
all'articolo relativo all'autonomia del personale amministrativo del Csm: prevede che il 50% dei posti sia assegnato attraverso un concorso interno e l'altro 50% con concorso esterno.

Soltanto l'intervento del vicepresidente Giovanni Verde, in tarda mattinata, ha convinto gli oltre 200 dipendenti a liberare l'Aula plenaria per consentire all'assemblea di riunirsi e discutere l'argomento.

''Ho cercato di convincere il ministro di Grazia e Giustizia -ha riferito Verde- a ritirare l'emendamento.

Lo stesso ministro ha ammesso che la norma non gli piace, ma sostiene che sia la migliore che si puo' ottenere.

Ho chiesto di poter parlare anche con il Capo dello Stato -ha aggiunto Verde- per chiedergli di intervenire e far ritirare l'emendamento al ministro''.(AGI) - Roma, 18 mar.

- Manifestazione sindacale questa mattina all'interno di Palazzo dei Marescialli: il personale del Consiglio Superiore della Magistratura ha "occupato" per alcuni minuti l'aula delle sedute plenarie del Consiglio (ritardano l'avvio della seduta odierna) per protestare contro la presentazione, alla Camera da parte del Governo, di un subemendamento al progetto di legge per l'autonomia del CSM.

Vi si prevede che tutti i posti in organico al Consiglio siano messi a concorso.

Piu' precisamente il 50 per cento viene riservato al personale attualmente in servizio (che deve chiedere di restare, ma facendo il concorso) e il 50 per cento all'esterno (che potra' entrare, ovviamente, con concorso).

CSM: BORRELLI, NESSUNO E' INDISPENSABILE (AGI) - Milano, 18 mar.

- "Non finisce nessuna epoca.

Nessuno e' indispensabile e io lo ero meno di altri.

Il lavoro della Procura della Repubblica come il lavoro di repressione dei reati in generale del Pubblico Ministero continuano".

Cosi' il neo Procuratore Generale di Milano, Francesco Saverio Borrelli, ha commentato il suo addio alla poltrona di Procuratore Capo della Repubblica.

"Certo finisce per me un'epoca dal punto di vista umano, soggettivo - ha continuato Borrelli - perche' naturalmente i legami di amicizia e di affetto che avevo stretto con i miei Sostituti alla Procura della Repubblica in questo momento costituiscono un fattore di malinconia per me che me ne allontano.

Ma non me ne allontano di molto, perche' scendo solo di un piano".

Quindi il neo PG ha spiegato: "Il primo impegno che dovro' assumere e' nel promuovere il modo migliore per realizzare l'unificazione degli uffici di primo grado.

Un impegno assai gravoso con cui mi dovro' confrontare nelle prossime settimane".

Parlando, poi, in termini piu' generali, Borrelli ha definito "ancora ben lontani dalla soluzione" i problemi del sistema giustizia che "dovrebbe essere ripensato dalle fondamenta, in particolar modo il processo penale".

Anche la corruzione, per l'ormai ex Procuratore Capo, e' un "problema che rimane non solo in Italia e in questi giorni ne abbiamo avuto la riprova in sede europea".

leggi tutto

riduci