06 NOV 2003

CSM - Plenum del 6 novembre 2003

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 16 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

All'ordine del giorno: 1) Cessazione 2) Proroghe di giudici onorari aggregati 3) Revoca di GOA 4) Ricorsi 5) Pratiche urgenti di Nona Commissione 6) Pratiche di Magistratura onoraria 7) Incontri di studio 8) Formazione decentrata 9) Nomina dei referenti distrettuali per la formazione: riapertura termini 10) Il CSM nelle agenzie di stampa.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 6 novembre 2003", registrato giovedì 6 novembre 2003 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 16 minuti.
  • Presidente e poi Menditto, relatore

    <em>Collocamento a riposo</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 9.56</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong><br>Pratiche urgenti di Quarta Commissione <strong>Cessazione</strong>
    0:00 Durata: 30 sec
  • Ernesto Aghina (Movimento per la giustizia), relatore

    <em>Approvate tutte meno tre</em> <br>Pratiche urgenti di Ottava Commissione <strong>Proroghe di giudici onorari aggregati</strong>
    0:00 Durata: 53 sec
  • Mariella Ventura Sarno (membro laico(Lega)), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Revoca di GOA</strong> Dr. Marnili
    0:01 Durata: 2 min 27 sec
  • Wladimiro De Nunzio (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Sanzione disciplinare</strong> Dr. Capacci
    0:03 Durata: 1 min 51 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore

    <em>Resistenza in giudizio</em> <strong>Ricorso</strong> Dr. Sommonte
    0:05 Durata: 1 min 3 sec
  • Maria Giuliana Civinini (MD), relatore

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche urgenti di Nona Commissione <strong>Concorsi</strong> Integrazione dei componenti di una Commissione
    0:06 Durata: 1 min
  • Giovanni Mammone (MI), relatore

    <em>Approvate tutte</em><br>La seduta, segretata <strong>alle 10.04</strong>, torna pubblica <strong>alle 10.16</strong> <strong>Altri ricorsi</strong>
    0:07 Durata: 52 sec
  • Ernesto Aghina (Movimento per la giustizia), relatore

    <em>Approvate tutte meno la 18, dr. Gubitosi</em> Ordine del giorno ordinario Pratiche di Ottava Commissione <strong>Pratiche di Magistratura onoraria</strong>
    0:08 Durata: 1 min 2 sec
  • Luigi Marini (MD), relatore

    <em>Revoca</em> Dr. Gubitosi, Giudice di pace a Napoli, mancato tirocinio penale<br>Relazione
    0:09 Durata: 3 min 34 sec
  • Ernesto Aghina (Movimento per la giustizia), relatore

    <br>Pratiche di Nona Commissione <strong>Incontri di studio</strong> Provvedimenti giurisdizionali per il minore<br>Relazione
    0:13 Durata: 1 min 42 sec
  • Nicola Buccico (membro laico(AN)) sull'intervista del Prof. Pizzorusso al Corriere: interviene Salvi sull'intervista di Di Federico al Giornale, quindi il relatore replica. Intervengono Civinini, Buccico e Di Federico, quindi Meliadò, Civinini e Salmè

    Discussione sulle varie interviste rilasciate e sul merito della pratica
    0:14 Durata: 31 min
  • Leonida Primicerio (Unicost), Mammone, Spangher, Schietroma e Stabile

    Seguito della discussione
    0:45 Durata: 15 min 6 sec
  • Presidente e poi Stabile, di nuovo il Presidente e Di Federico

    <em>Approvata all'unanimità</em>
    1:01 Durata: 9 min 21 sec
  • Giovanni Mammone (MI), relatore, poi Buccico

    <em>Approvata</em> <strong>Altro incontro di studio</strong> Le riforme relative al dibattimento
    1:10 Durata: 2 min 4 sec
  • Mammone, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Formazione decentrata</strong> Dr. Catalano
    1:12 Durata: 23 sec
  • Mammone, relatore

    <em>Approvate</em> <strong>Nomina dei referenti distrettuali per la formazione: riapertura termini</strong> Due pratiche
    1:12 Durata: 1 min 28 sec
  • Maria Giuliana Civinini (MD), Di Federico, Mammone, Meliadò e Aghina, relatori; poi il Presidente preannuncia la visita della delegazione della Magistratura argentina

    <em>Approvate</em><br>La seduta termina <strong>alle 11.25</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM: PIZZORUSSO, NON LAVORERO' PIU' PER LORO<br>HO DETTO COSE PACIFICHE, NON HO RAPPORTI CON ALCUN PARTITO Roma, 6 nov. (Adnkronos) - ''Un'altra volta che il Csm mi invitera' a parlare non ci andro'''. Il costituzionalista Alessandro Pizzorusso, lo afferma al 'Corriere della sera', commentando le polemiche suscitate nel Consiglio superiore della magistratura che si sono placate ieri con l'intervento del capo dello Stato. E, a proposito delle dispense che ha distribuito agli uditori giudiziari, Pizzorusso spiega che il presidente del Consiglio viene descritto come ''una persona che accetta di essere assolta per prescrizione, invece di chiedere di essere assolta nel merito. O accetta che venga condannato suo fratello o altri collaboratori, dicendo che lui non sa nulla di cose che riguardano invece il suo patrimonio. Ma pensavo -aggiunge- che queste fossero cose ormai pacifiche''. L'ex membro laico del Csm e accademico dei Lincei afferma poi di non avere nessun rapporto con ''nessun movimento politico'' e di essere ''molto amico di molti magistrati di Magistratura Democratica, ma anche di Unicost e dei cosiddetti Verdi''. ''Abbiamo un presidente del Consiglio che dice che la magistratura è un cancro che va eliminato. Ogni giorno ce n'e' una'', aggiunge poi Pizzorusso, precisando che, comunque, ''quelle cose non le ho nemmeno dette, ci deve essere la registrazione audio''. Ancora, a proposito delle dispense distribuite agli uditori, Pizzorusso spiega: ''non sapevo neanche che quella relazione gli sarebbe stata consegnata -dice- L'avevo mandata solo perché era tra le ultime cose che avevo scritto e non mi andava di prepararne una apposta. Ma comunque era una relazione che avevo tenuto per un convegno sulla Costituzione all'Accademia dei Lincei con illustri relatori, da Elia a Fisichella''. ''L'incidente è stato opera del Csm -dice infine- Io ho detto cose pertinenti allo stato della Costituzione. Esattamente non me le ricordo perché confondo gli interventi. Comunque quella relazione lì l'avevo tenuta a luglio e ne aveva parlato anche un quotidiano. Loro hanno avuto il testo. Ne hanno fatto quello che hanno voluto. Se non andava bene potevano dirmelo. Mi dispiace che dell'Accademia dei Lincei si parli per una cosa di questo genere e non in altre occasioni''. CSM: DI FEDERICO, ORA PIU' ATTENZIONE A CHI FORMA LE TOGHE Roma, 6 nov. (Adnkronos) - E' venuto a conoscenza ''per caso'' dei contenuti politici delle dispense del professor Pizzorusso, ''un mio collaboratore del Cnr -dice- era stato invitato e aveva preso il materiale'', ma ora, dopo l'intervento del Capo dello Stato e' ''completamente'' soddisfatto. Giuseppe Di Federico, consigliere laico di Fi al Csm, in un'intervista a 'Il Giornale' all'indomani della chiusura del 'caso', afferma che gia' in precedenza aveva ''denunciato le incrostazioni da eliminare, il settarismo, la superficialita' e la mancanza di garanzia attinenti alla qualita' dell'insegnamento di questi corsi del Csm. Questa -sottolinea- e' solo una conferma''. Rientrate cosi' le dimissioni, Di Federico aggiunge che insieme ai colleghi laici del Polo riprendera' ''con la pienezza delle funzioni le attivita' consiliari'', osservando che per la formazione ''bisogna selezionare con attenzione gli insegnanti, invitando persone che mostrino di aver studiato davvero le materie oggetto di insegnamento. Bisogna insomma -conclude- verificare le competenze''. GIUSTIZIA: 12/1 INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO IN CASSAZIONE <br>IL 17/1 LE CERIMONIE NELLE CORTI D'APPELLO (ANSA) - ROMA, 6 NOV - Il 12 gennaio prossimo in Cassazione ci sara' la tradizionale cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario, che sara' replicata cinque giorni dopo, il 17, in tutte le Corti d'appello. A stabilire le date e' stato il Consiglio superiore della magistratura. In Cassazione la relazione sullo stato della giustizia sara' tenuta dal procuratore generale Francesco Favara. Nelle sedi i protagonisti saranno invece i procuratori generali presso le Corti d'appello, ma si terranno anche interventi dei rappresentanti del Consiglio dell'ordine degli avvocati, del Csm e del ministero della Giustizia, e, su richiesta, dell'Anm, delle associazioni dei giudici di pace, delle Universita', di altre organizzazioni degli avvocati e degli enti locali Il Csm invita a far si' che queste cerimonie costituiscano ''autentico momento di riflessione sui complessi temi della giustizia e di pacato confronto tra magistrati, avvocati, operatori del diritto, amministratori locali, cittadini, al fine di programmare piu' consapevolmente l'attivita' giudiziaria per il nuovo anno giudiziario''. E proprio in questa prospettiva raccomanda di tracciare, in quella sede, un primo bilancio sugli effetti e lo stato di attuazione delle piu' recenti riforme ordinamentali e processuali''. CSM: NUOVO PROCURATORE ROMA, COMINCIATO ESAME CANDIDATURE <br>TORRI, ORMANNI, ABBATE E FERRARA TRA I POSSIBILI FAVORITI (ANSA) - ROMA, 6 NOV - Proprio nel giorno dell'insediamento di Salvatore Vecchione al vertice della procura generale di Roma, al Csm entra nel vivo la procedura per la nomina del suo successore sulla poltrona di procuratore presso il tribunale della capitale. Oggi alla Commissione per gli incarichi direttivi il relatore Leonida Primicerio (Unicost) ha riferito sulle candidature. Nella prossima settimana comincera' il dibattito che dovra' innanzitutto sciogliere il nodo se ascoltare o no i candidati che ad un primo esame appaiono piu' titolati. Sono 22 in tutto i magistrati che concorrono per l'incarico, da sempre considerato tra i piu' prestigiosi. Un esercito costituito prevalentemente da pubblici ministeri. Dopo la rinuncia a ''correre'' del capo della procura nazionale antimafia Piero Luigi Vigna, una volta accertato che non aveva maturato il periodo minimo di permanenza in quell'ufficio per poter chiedere altri incarichi, il tam-tam di voci a Palazzo dei marescialli indica quattro possibili favoriti: il procuratore aggiunto Ettore Torri, che da oggi come reggente gestisce il periodo di vacatio a piazzale Clodio e che e' il candidato con maggiore anzianita' professionale e il suo collega Italo Ormanni; l'ex presidente dell'Anm Nino Abbate, sostituto procuratore generale in Cassazione e il capo dei gip della capitale Giovanni Ferrara, che in passato e' stato il responsabile dell'Ispettorato del ministero della Giustizia. Tra i concorrenti ci sono anche Francesco Plotino, presidente della Corte d'appello di Ancona e che a Roma ha presieduto il processo di appello per l'omicidio di Marta Russo; Claudio Vitalone, presidente di sezione in Cassazione; Francesco Calbi, procuratore a Lanciano; Giancarlo Armati, procuratore di Viterbo; Gianfranco Tarquini, procuratore di Brescia e Agostino Cordova, il procuratore di Napoli trasferito d'ufficio per incompatibilita' dal Csm. <strong>Concorsi</strong> 6 pratiche di richiesta rilascio copie documenti
    1:14 Durata: 2 min 22 sec