12 NOV 2003

CSM - Plenum del 12 novembre 2003, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 34 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

All'ordine del giorno: 1) Ordine del giorno speciale 2) Proroga dei componenti del Comitato Scientifico 3) Copertura posti 4) Trasferimenti e dimissioni 5) Incarichi extragiudiziari 6) Idoneità alla nomina a Magistrato di Cassazione 7) Nomine a Magistrato di Corte di Appello 8) Cessazioni e trattenimenti in servizio 9) Incarichi extragiudiziari 10) Nomina del rappresentante italiano al Consiglio Consultivo dei Giudici Europei (CC-JE) 11) Pratiche di Quinta Commissione 12) Pratica dr.

Claudio Vitalone 13) Il CSM nelle agenzie di stampa.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 12 novembre
2003, seduta antimeridiana", registrato mercoledì 12 novembre 2003 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 34 minuti.

leggi tutto

riduci

  • Presidente informa sull'attentato di Nassirya e propone un minuto di silenzio

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 11.18</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong>
    0:00 Durata: 1 min 21 sec
  • Presidente e poi Buccico e Marini

    <em>Approvato</em> meno due delibere <strong>Ordine del giorno speciale, sezione A</strong>
    0:01 Durata: 2 min 32 sec
  • Presidente e poi Mammone, Di Federico, Tenaglia e ancora Mammone, quindi Buccico

    <em>Approvato</em> con variazioni <strong>Ordine del giorno speciale, sezione B</strong>
    0:03 Durata: 4 min 1 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> Ordine del giorno ordinario Pratiche del Comitato di Presidenza <strong>Proroga dei componenti del Comitato Scientifico</strong> D.ri Criscuolo e Accardo
    0:07 Durata: 35 sec
  • Maria Giuliana Civinini (MD), relatore

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Terza Commissione <strong>Copertura posti</strong> D.ssa Mullig a Belluno
    0:08 Durata: 1 min 11 sec
  • Mariella Ventura Sarno (membro laico(Lega)), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Castaldo a Tivoli
    0:09 Durata: 57 sec
  • Mariella Ventura Sarno (membro laico(Lega)), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Anzilotti Nitto De' Rossi a Velletri
    0:10 Durata: 52 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), Presidente della Terza Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Minutolo a Napoli
    0:11 Durata: 1 min 17 sec
  • Luigi Riello (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Gamberini a Bologna
    0:12 Durata: 28 sec
  • Mariella Ventura Sarno (membro laico(Lega)), relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Venditto a Frosinone
    0:13 Durata: 28 sec
  • Luigi Riello (Unicost), relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Sbano a Pesaro
    0:13 Durata: 19 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), Presidente della Terza Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Parodi a Genova
    0:14 Durata: 28 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), Presidente della Terza Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> D.ssa Majorano a Napoli
    0:14 Durata: 32 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), Presidente della Terza Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Mastropasqua a Bari
    0:15 Durata: 30 sec
  • Luigi Riello (Unicost), relatore

    <em>Approvate tutte</em> <br>Pratiche varie <strong>Trasferimento su istanza</strong> D.ssa Filippello ad Ascoli Piceno <strong>Richiamo in ruolo</strong> Dr. Maestri a Palermo <strong>Dimissioni</strong> Dr. Pandolfi <strong>Nota per copertura urgente posti vacanti</strong> Dr. Carletti <strong>Rinunzia a ricorso</strong> Dr. Piccialli
    0:15 Durata: 2 min 29 sec
  • Maria Giuliana Civinini (MD), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Destinazione alla Corte di Cassazione</strong> Dr. Trecapelli
    0:18 Durata: 1 min 4 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC)), relatore

    <em>Approvata</em><br>La seduta, segretata <strong>alle 11.38</strong>, torna pubblica <strong>alle 11.50</strong> <strong>Collocamento fuori ruolo</strong> Dr. D'Ambruoso
    0:19 Durata: 1 min 30 sec
  • Antonio Marotta (membro laico(UDC)), Presidente della Quarta Commissione, relatore, poi Di Federico e Salmè: il relatore replica

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Quarta Commissione <strong>Incarichi extragiudiziari</strong> Dr. Grasso
    0:20 Durata: 5 min 7 sec
  • Giovanni Salvi (MD), relatore, poi Buccico

    <em>Approvata dopo una doppia votazione</em> <strong>Idoneità alla nomina a Magistrato di Cassazione</strong> D.ssa Grasso
    0:25 Durata: 3 min 25 sec
  • Giovanni Salvi (MD), relatore, poi Buccico, Di Federico e Menditto: Salvi replica, interviene Aghina

    <em>Approvata</em> <strong>Nomine a Magistrato di Corte di Appello</strong> Dr. Paci: la banda della Uno bianca
    0:29 Durata: 10 min 27 sec
  • Marotta, relatore

    <em>Approvate tutte</em><br>La seduta, segretata <strong>alle 12.09</strong>, torna pubblica <strong>alle 12.21</strong> <strong>Cessazioni e trattenimenti in servizio</strong>
    0:39 Durata: 2 min 30 sec
  • Dr. Antonio Marotta (membro laico(UDC)), Presidente della Quarta Commissione, Menditto, Ventura Sarno, Mammone, Salvi e Riello, relatori. Intervengono Di Federico, Marini e Aghina su varie pratiche di incarico

    <em>Approvate tutte</em> meno l'ultima che <em>torna in Commissione</em> <strong>Incarichi extragiudiziari</strong>
    0:42 Durata: 14 min 28 sec
  • Giovanni Berlinguer (membro laico(DS)), Presidente della Sesta Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Sesta Commissione <strong>Nomina del rappresentante italiano al Consiglio Consultivo dei Giudici Europei (CC-JE)</strong> Dr. Sabato
    0:56 Durata: 1 min 46 sec
  • Presidente e poi Buccico e Menditto, relatori

    <em>Approvate</em> <br>Pratiche di Quinta Commissione <strong>Copertura posti semidirettivi</strong> Dr. Arcuri a Catanzaro; dr. Gentili a Tivoli
    0:58 Durata: 2 min 24 sec
  • Nicola Buccico (membro laico(AN)), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Ricorso al TAR Lazio</strong> Dr. Cardella
    1:00 Durata: 50 sec
  • Leonida Primicerio (Unicost), Presidente della Quinta Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Copertura urgente di un posto di Magistrato di Appello</strong>
    1:01 Durata: 35 sec
  • Gianfranco Schietroma (membro laico(SDI)), relatore, poi Di Federico, Menditto, Primicerio, Buccico e Salmè

    <br>Pratiche varie <strong>Ricorso</strong> Dr. Claudio Vitalone<br>Discussione
    1:02 Durata: 26 min 2 sec
  • Primicerio, Di Federico e il relatore Schietroma: intervengono il Presidente e il Presidente della Commissione

    Voto sul ritorno della pratica in Commissione: <em>respinto</em><br>Voto sul merito: <em>impugnazione davanti al Consiglio di Stato</em><br>La seduta termina <strong>alle 13.14</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> IRAQ: AL CSM UN MINUTO DI SILENZIO PER CARABINIERI<br> IN APERTURA PLENUM ROGNONI HA ESPRESSO DOLORE PER VITTIME Roma, 12 nov. (Adnkronos) - Il Csm ha ricordato con un minuto di silenzio i carabinieri rimasti uccisi nell'attentato a Nassirya, in Iraq. In apertura della seduta del plenum, il vicepresidente Virginio Rognoni ha informato l'Assemblea di quanto e' accaduto, esprimendo dolore e proponendo di osservare un minuto di silenzio in memoria delle vittime italiane. CSM: PARENTELE GIUDICI-AVVOCATI, ARRIVANO NORME PIU' SEVERE <br>PIU' FACILE TRASFERIMENTO UFFICIO CON CIRCOLARE COMMISSIONE (ANSA) - ROMA, 11 NOV - Sara' piu' facile il trasferimento d'ufficio per incompatibilita' di sede dei magistrati legati da vincoli di parentela o affinita' con altri giudici o avvocati. Il Csm si appresta infatti a varare norme piu' severe di quelle che attualmente disciplinano la materia, introducendo nuovi casi di incompatibilita'. E a introdurre controlli piu' stringenti, anche attraverso un censimento. Il tutto in nome dell'esigenza di tutelare l'immagine di imparzialita' della funzione giurisdizionale. Le nuove situazioni che potranno determinare l'allontanamento di un magistrato dalla sede in cui opera sono state messe nero su bianco in una circolare approvata oggi all'unanimita' dalla Prima Commissione di Palazzo dei marescialli. Si tratta in sostanza di un aggiornamento e di una puntualizzazione dei criteri per la valutazione dell'incompatibilita' di sede.Un intervento necessario,spiegano al Csm, sia perche' le leggi che regolano la materia risalgono a un'epoca in cui non vi era la presenza della donna in magistratura, sia in considerazione dei cambiamenti intervenuti nelle modalita' di svolgimento dell'attivita' forense, sia alla luce dell'evoluzione della stessa concezione di imparzialita'. Ecco le novita' principali. PARENTELA O AFFINITA' CON AVVOCATI. Le norme che gia' ora prevedono che i magistrati debbano lasciare il loro ufficio se nella stessa sede operano come avvocati parenti sino al secondo grado o affini sino al primo, si applicheranno anche al caso che l'avvocato sia il coniuge o il convivente del magistrato. E anche altri rapporti di parentela e affinita' potranno portare a situazioni di incompatibilita' in precise ipotesi, se si determineranno ''intralci al buon funzionamento del servizio''. In generale perche' vi sia incompatibilita' occorrera' che in concreto sussista ''una lesione all'immagine di corretto e imparziale esercizio della funzione giurisdizionale da parte del magistrato''. E bisognera' tener conto della rilevanza della professione forense svolta dal congiunto avanti all'ufficio di appartenenza del magistrato, della dimensione dell'ufficio, della materia trattata sia dal magistrato che dal professionista e del ruolo ricoperto dal magistrato all'interno dell'ufficio.Se pero' il parente avvocato fa parte di una societa' ,che opera negli stessi settori del magistrato, l'incompatibilita' scattera' indipendentemente dalle materie trattate dal congiunto. Ad essere penalizzati dalle nuove norme saranno soprattutto i magistrati che operano nei tribunali di piccole dimensioni, organizzati in un'unica sezione che tratta sia gli affari penali, sia quelli civili: in presenza di un parente avvocato per loro scattera' l'obbligo di andare via, a meno che non si occupino solo di civile o solo di penale. Analoga sorte per i colleghi che lavorano nelle corrispondenti procure: anche loro dovranno lasciare l'ufficio, se il parente avvocato si occupa di penale. Norme stringenti pure per i capi degli uffici giudicanti: dovranno in ogni caso trasferirsi se un parente o un affine esercita la professione forense presso l'ufficio da loro diretto, tranne, in precise ipotesi, se si tratta di un tribunale di grandi dimensioni. Mentre per i procuratori l'incompatibilita' potra' essere esclusa se il congiunto esercita attivita' solo nel settore civile o del lavoro. PARENTELA O AFFINITA' CON MAGISTRATI In questo caso la novita' principale e' che l'incompatibilita' potra' scattare anche se i due magistrati parenti, o affini, o coniugi o conviventi operano in due uffici diversi della stessa sede giudiziaria, interessati da relazioni funzionali: e' il caso per esempio di un pm che sia legato da vincoli affettivi o di parentela con un giudice. CONTROLLI PIU' STRINGENTI Si parte innanzitutto da un censimento, realizzato con un nuovo sistema informatico, che permettera' in ogni momento di verificare la posizione di ciascun magistrato, evitando che qualcuno, cosi' come accade oggi possa sfuggire ai controlli. Al di la' del censimento resta l'obbligo per ciascun magistrato e per i capi degli uffici di dare comunicazione al Csm delle situazioni che possono dar luogo a incompatibilita'. CSM: SOLIDARIETA' ATENEO PISA AD ALESSANDRO PIZZORUSSO (ANSA) - PISA, 11 NOV - Solidarieta' dal senato accademico dell' universita' di Pisa al professor Alessandro Pizzorusso autore, nei giorni scorsi, di due interventi che hanno suscitato vivaci polemiche. Il costituzionalista, afferma la mozione approvata all' unanimita', ''e' stato sottoposto in questi giorni a gravi attacchi strumentali che hanno avuto per pretesto una lezione tenuta agli uditori giudiziari, ma che hanno fatto riferimento ai contenuti di una relazione tenuta all'Accademia dei Lincei, trasmessa al Consiglio Superiore della Magistratura fin dall' 1 settembre 2003, e per iniziativa dello stesso CSM stampata e distribuita''. ''Le critiche - prosegue la mozione - hanno finito dunque per appuntarsi su considerazioni svolte dal professore in altro contesto e davanti ad altro uditorio e il senato accademico rileva, prescindendo da ogni giudizio sui contenuti dell'intervento del professore, che tali attacchi sono arrivati a mettere in discussione la personalita' scientifica, la responsabilita' intellettuale e l'indipendenza di giudizio dello stesso Pizzorusso''. ''Pertanto - prosegue la mozione - il senato accademico esprime solidarieta' al collega Alessandro Pizzorusso, docente insigne dell'ateneo pisano, figura eminente fra gli studiosi di diritto pubblico di rilievo internazionale, massimo esperto dell'ordinamento giudiziario italiano, esempio di impegno civile e di rigore morale. Riafferma inoltre l' intangibilita' dei principi costituzionali che tutelano la liberta' di ricerca, di insegnamento e di manifestazione del pensiero ed auspica un rinnovato impegno da parte di tutte le istituzioni della Repubblica per la tutela di questi principi''. Repliche
    1:28 Durata: 6 min 17 sec