17 MAR 2004

CSM - Plenum del 17 marzo 2004, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 53 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

All'ordine del giorno: 1) Ordine del giorno speciale 2) Copertura posti 3) Destinazione di un magistrato alla Segreteria del CSM e un magistrato all'Ufficio studi e documentazione del CSM 4) Pubblicazione ordinaria delle sedi di I° e II° grado del marzo 2004 5) Ricorso del dr.

Cordova 6) Determinazione delle nuove piante organiche e copertura posti: liberazione di posti 7) Il CSM nelle agenzie di stampa.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 17 marzo 2004, seduta antimeridiana", registrato mercoledì 17 marzo 2004 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 53
minuti.

leggi tutto

riduci

  • Presidente sul premio consegnato il giorno prima a Rognoni

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 9.47</strong><br>Presidenza del Consigliere <strong>Nicola Buccico</strong>
    0:00 Durata: 1 min 3 sec
  • Presidente e poi Marotta, Di Federico e Salvi, quindi il Presidente e Berlinguer, alternandosi, poi Di Federico

    <em>Approvato</em> <strong>Ordine del giorno speciale, sezione A</strong>
    0:01 Durata: 3 min 4 sec
  • Presidente e poi Berlinguer

    <em>Approvato</em> <strong>Ordine del giorno speciale, sezione B</strong>
    0:04 Durata: 55 sec
  • Presidente per una comunicazione di servizio, poi apre il dibattito sulla pratica: Tenaglia propone un emendamento: intervengono Salvi e di nuovo Tenaglia

    <em>Posposta</em> Ordine del giorno ordinario Pratiche del Comitato di Presidenza <strong>Destinazione di un magistrato alla Segreteria del CSM</strong>
    0:05 Durata: 8 min 54 sec
  • Salvi, relatore

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Prima Commissione <strong>Un esposto</strong> Dr. Cuccuru e sig.ra Demontis
    0:13 Durata: 1 min 38 sec
  • Paolo Arbasino (Movimento per la giustizia), relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Esposto del dr. Fulco contro il dr. Setola</strong>
    0:15 Durata: 32 sec
  • Lanfranco Maria Tenaglia (Unicost), relatore

    <em>Negato il trasferimento d'ufficio</em> <strong>Esposto del Sen. Andreotti contro il dr. Muscato della Corte di Appello di Perugia</strong> Deposito della motivazione della sentenza solo dopo averlo divulgata alla stampa
    0:16 Durata: 1 min 46 sec
  • Presidente sull'emendamento Di Federico sulla pratica posposta precedentemente

    0:17 Durata: 9 sec
  • Presidente

    <em>Rinviata al pomeriggio</em> <br>Pratiche di Terza Commissione<br>Pratica rinviata dal 4 marzo <strong>Copertura posti</strong> Magistrati di appello destinati alla Corte di Cassazione: d.ssa Vivaldi, d.ssa San Giorgio, dr. Parziale, dr. Virgilio, d.ssa Vessichelli
    0:18 Durata: 33 sec
  • Presidente e poi Fici, relatore, sulla trattazione preventiva di alcune pratiche

    Voto sull'inversione dell'ordine del giorno: <em>approvato</em> <br>Pratica rinviata dalla seduta dell'11 marzo 2004 <strong>Pubblicazione ordinaria delle sedi di I° e II° grado del marzo 2004</strong> Emendamenti di Marotta, Civinini e Riello
    0:18 Durata: 1 min 37 sec
  • Lo voi, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Copertura posti</strong> D.ssa Ciccarella come giudice del Tribunale di Salerno
    0:20 Durata: 31 sec
  • Lo Voi, relatore

    <em>Approvato</em> Dr Mozzillo come sostituto procuratore della Repubblica preso il Tribunale di Benevento
    0:20 Durata: 44 sec
  • Interviene Fici, poi il Presidente

    <br>Pratica urgente <strong>Collocamento fuori ruolo a funzioni non giudiziarie del dr. Novelli</strong>
    0:21 Durata: 1 min 38 sec
  • Maria Giuliana Civinini (MD), relatore

    <em>Approvata</em>
    0:23 Durata: 1 min
  • Presidente e poi Di Federico per due emendamenti, poi Aghina, Civinini

    Voto sul primo emendamento: <em>respinto</em><br>Voto sul secondo emendamento: <em>respinto</em><br>Voto sulla proposta: <em>approvata</em> <br>Pratiche del Comitato di Presidenza <strong>Destinazione di un magistrato alla Segreteria del CSM</strong>
    0:24 Durata: 6 min 51 sec
  • Presidente

    <em>Approvata</em> <strong>Procedura per la destinazione di un magistrato all'Ufficio studi e documentazione del CSM</strong> D.ssa Tricomi
    0:31 Durata: 43 sec
  • Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), Presidente della Terza Commissione, relatore, per un emendamento, poi Riello e Civinini sulla normativa sull'esercizio delle funzioni elettorali

    <br>Si riprende la pratica posposta<br>Pratica rinviata dalla seduta dell'11 marzo 2004 <strong>Pubblicazione ordinaria delle sedi di I° e II° grado del marzo 2004</strong> Discussione
    0:32 Durata: 14 min 5 sec
  • Aghina, Riello, Lo Voi e Menditto

    0:46 Durata: 8 min 31 sec
  • Meliadò, Salmè, Stabile, Marini e Tenaglia

    0:54 Durata: 19 min 27 sec
  • Civinini, Marini e Fici, relatore

    Repliche
    1:14 Durata: 18 min 57 sec
  • Presidente sugli ultimi aggiornamenti sugli emendamenti, poi votazioni in ordine cronologico di presentazione degli emendamenti

    Voto sull'emendamento di Riello per Napoli: <em>approvato</em><br>Voto sull'emendamento di Riello per Lecce: <em>approvato</em><br>Voto sull'emendamento di Marotta per Genova: <em>approvato</em><br>Voto sull'emendamento di Civinini per Messina: <em>respinto</em><br>Voto sugli emendamenti di Fici: <em>approvati tutti</em><br>Voto sull'emendamento di Aghina per Milano<br>Ripetuta per un errore la votazione per Milano: <em>approvato</em><br>Voto sull'emendamento di Aghina per 3 posti Roma: <em>approvato</em><br>Voto sull'emendamento di Aghina per giudice del lavoro a Roma: <em>respinto</em> Procedura di voto
    1:33 Durata: 8 min 22 sec
  • Fici per posporre i termini della pratica, poi Salmè e Marini per dichiarazione di voto

    <em>Approvata</em> Procedura di voto
    1:41 Durata: 3 min 46 sec
  • Lo Voi, relatore, sulla mancata costituzione in giudizio del Ministro

    <em>Approvata la costituzione in giudizio del CSM contro Cordova</em> <strong>Ricorso</strong> Dr. Cordova
    1:45 Durata: 58 sec
  • Riello, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Varie: risposte ad un quesito su tirocinio</strong> D.ssa Colli
    1:46 Durata: 1 min 2 sec
  • Civinini, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Destinazione non giudiziaria</strong> Dr. Amorosi
    1:47 Durata: 23 sec
  • Fici, relatore

    <em>Approvata</em><br>Si passa alla trattazione delle pratiche urgenti<br>La seduta, segretata <strong>alle 11.37</strong>, torna pubblica <strong>alle 11.39</strong> <strong>Ricorso al TAR</strong> D.ssa Colli
    1:47 Durata: 52 sec
  • Fici, relatore, poi Tenaglia: il relatore replica

    <em>Rinviata</em> dopo una verifica del numero legale<br>La seduta termina <strong>alle 11.44</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM: LEPORE SUCCEDERA' A CORDOVA COME PROCURATORE NAPOLI<br>COMMISSIONE LO HA PROPOSTO ALL'UNANIMITA' (ANSA) - ROMA, 17 MAR - Giovandomenico Lepore, avvocato generale a Napoli, sara' il nuovo procuratore del capoluogo campano. La sua nomina e' stata proposta all'unanimita' dalla Commissione per gli incarichi direttivi del Csm. Il voto e' giunto proprio all'indomani della decisione del ministro della Giustizia Roberto Castelli di concedere all'attuale titolare, Agostino Cordova, trasferito d'ufficio dal Csm, di restare ancora sei mesi sulla poltrona di procuratore. La scelta di ieri del ministro di prorogare Cordova per consentirgli di proseguire importanti indagini, potrebbe aver accelerato la decisione della Commissione, che ha anticipato ad oggi la discussione fissata in un primo momento per domani. A favore di Lepore, che ha 68 anni, e' di Napoli e in magistratura dal '81, si sono dunque espressi in modo compatto i sei consiglieri che la compongono:il presidente Leonida Primicerio (Unicost), Gianfranco Schietroma (Sdi), Nicola Buccico (An), Nello Stabile (Unicost), Ernesto Aghina (Movimento per la Giustizia) e Francesco Menditto (Magistratura democratica). Ora dovra' essere Castelli ad esprimersi sulla proposta della Commissione e se lo facesse in tempi medi, e cioe' nell'arco di un mese, si potrebbe arrivare alla nomina di Lepore prima della scadenza dei sei mesi di proroga concessi da Castelli a Cordova. ''L'orologio e i tempi di gestione sono nelle mani del ministro'', spiegano a Palazzo dei marescialli. La Commissione ha anche discusso del provvedimento assunto da Castelli e sta studiando il modo di far conoscere il proprio punto di vista al Guardasigilli. ''Personalmente ho qualche perplessita' sull'applicabilita' della norma che consente di differire il trasferimento di un magistrato ai casi in cui, come quello di Cordova, e' disposto d'ufficio per incompatibilita' -dice Aghina- e in Commissione non sono il solo. Un caso del genere non e' mai capitato in passato. Ora in Commissione stiamo studiando la possibilita' di interloquire con il ministro, visto che con questa iniziativa viene paralizzata una decisione del Csm, gia' convalidata dal Tar del Lazio''. ''MINISTRO DIMOSTRA DISPREZZO PER CSM, DECISIONE GRAVE'' Roma, 17 mar. - (Adnkronos) - Sul caso Cordova si consuma ''l'ennesimo strappo istituzionale'' da parte del ministro della Giustizia. La proroga di sei mesi concessa al procuratore di Napoli per ''esigenze di servizio'' dimostra infatti il ''suo disprezzo per il Csm che ha disposto il trasferimento d'ufficio di Agostino Cordova per incompatibilita' funzionale e ambientale, con decisione gia' confermata dalla giustizia amministrativa''. Il segretario di Magistratura democratica Claudio Castelli denuncia l'intervento del Guardasigilli. La decisione, avverte il leader della corrente di sinistra delle toghe, e' ''ancora piu' grave in quanto mai in passato il ministro aveva differito il trasferimento di un magistrato allontanato dal suo ufficio proprio per ridare credibilita' alla funzione giudiziaria''. E il provvedimento firmato da Castelli ''e' ancora piu' preoccupante perche' interviene quando il Consiglio, al termine dell'istruttoria, si accinge a nominare il nuovo procuratore''. ''Il ministro -protesta ancora il segretario di Md- dimostra anche il suo disinteresse per il funzionamento della Procura di Napoli. Mantenere alla sua direzione un magistrato ritenuto incompatibile crea problemi di funzionalita' ed organizzazione. La mancanza di 'leale collaborazione' del ministro con il Csm nelle materie di competenza concorrente e' plateale e clamorosa -afferma ancora Claudio Castelli- ed evidenzia la perdurante situazione di crisi istituzionale. Occorre difendere il Csm e le sue prerogative. Occorre difendere la Procura di Napoli e la sua buona organizzazione''. ''MINISTRO ESERCITI FACOLTA' IN LEALE COLLABORAZIONE CON CSM'' Roma, 17 mar. (Adnkronos) - L'Associazione nazionale magistrati esprime ''profonda preoccupazione'' per la decisione del ministro della Giustizia di posticipare per sei mesi l'esecuzione del trasferimento del procuratore di Napoli, Agostino Cordova, alla Corte di Cassazione. Una scelta ''tanto piu' sconcertante'', sostiene la giunta del 'sindacato delle toghe', visto che il trasferimento di Cordova e' stato deciso dal Csm per ''ragioni di incompatibilita' ambientale''. ''L'ordinamento giudiziario del 1941 -ricorda l'Anm- attribuiva al ministro la possibilita' di anticipare o posticipare la esecuzione dei provvedimenti di trasferimento dei magistrati; questa facolta' rimasta al ministro, anche dopo l'entrata in vigore della Costituzione che ha attribuito al Csm la competenza esclusiva sulle assegnazioni e trasferimenti dei magistrati, deve essere esercitata -ammonisce la giunta- nell'interesse esclusivo del buon andamento del servizio e, come ha affermato la Corte Costituzionale con riferimento all'istituto del 'concerto', in spirito di leale collaborazione con il Csm''. L'Anm considera quindi ''necessario, per ripristinare negli uffici giudiziari di Napoli un clima di serenita', attuare il trasferimento del procuratore alla nuova funzione ed insediare con la massima celerita' il nuovo procuratore, all'esito della procedura di nomina oggi avviata dal Csm con una proposta alla unanimita'''. A ROGNONI MEDAGLIA D'ORO DI GIUSEPPE CHIARELLI (AGI) - Roma, 16 mar. - La Fondazione Nuove Proposte Culturali, in occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Giuseppe Chiarelli, gia' Presidente della Corte Costituzionale, nel corso di un convegno organizzato in Martina Franca con l'alto patronato del Presidente della Repubblica, conferira' la medaglia d'oro del centenario di Giuseppe Chiarelli al Prof. Virginio Rognoni, vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, il quale terra' una relazione sul tema "Diritto processuale e ordinamento giudiziario". Consegnera' la medaglia d'oro ed illustrera' le motivazioni del premio il dott. Riccardo Chieppa, presidente emerito della Corte Costituzionale. <br> OGGI IN PUGLIA (2)<br>(ANSA) - BARI, 16 MAR - Convegno sul tema 'Diritto processuale e ordinamento giudiziario', organizzato dal Comune e dalla Fondazione 'Nuove proposte culturali'. Previsto l' intervento, fra gli altri, del vicepresidente del Csm, Virginio Rognoni. GIUSTIZIA: ROGNONI, SU RIFORMA CI VUOLE MOMENTO RIFLESSIONE (ANSA) - MARTINA FRANCA (TARANTO), 16 MAR - Un ''momento di riflessione'' per il potere politico e per quello giudiziario sui temi della riforma della giustizia, e' stato auspicato dal vicepresidente del consiglio superiore della magistratura, Virginio Rognoni che e' oggi a Martina Franca per partecipare ad un convegno sul centenario della nascita del giurista martinese Giuseppe Chiarelli, che fu anche presidente della Corte costituzionale. ''E' importante - ha detto - perche' siamo di fronte a progetti di legge squisitamente istituzionali che richiedono il consenso di larghe maggioranze''. ''Naturalmente questo non vuol dire che ciascuna parte debba abbandonare le proprie posizioni. Occorre pero' - ha proseguito - che queste posizioni non siano pregiudiziali e negative per un dialogo, perche' solo col confronto parlamentare si possono raggiungere certi obiettivi''. Rognoni ha poi parlato dell'autonomia della magistratura: ''Osservo sempre - ha detto - che e' necessario mettersi in mente una cosa: l' autogoverno comincia nel singolo magistrato, nel suo saper discernere. L' autogoverno sta li' e in questa prospettiva si muove il Csm. Bisogna puntare in particolare sulla formazione del giudice. Un giudice professionalmente attrezzato e' un giudice libero da qualsivoglia influenza''. Per Rognoni, infine, tra i compiti principali del Csm vi e' quello di velocizzare le proprie procedure: ''Cosi' come c' e' lentezza nel procedimento giudiziario, cosi' c' e' nelle procedure del Csm - ha detto - cerchiamo di superare questo difetto, questo male oscuro dell' autogoverno della magistratura''. <strong>Determinazione delle nuove piante organiche e copertura posti: liberazione di posti</strong>
    1:48 Durata: 5 min 4 sec