02 APR 2004

Procedimento contro il dr. Olindo Canali

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 24 min 29 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

IndiceL'udienza ha inizio alle 9.40Presidenza del vicepresidente Virginio Rognoni.

Registrazione audio di "Procedimento contro il dr. Olindo Canali", registrato venerdì 2 aprile 2004 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 24 minuti.
  • Presidente sulla pubblicità dell'udienza

    0:00 Durata: 24 sec
  • Magistrato Segretario legge il capo d'incolpazione: una falsa accusa di concussione a un collega

    0:00 Durata: 1 min 53 sec
  • Carmine Stabile (Unicost), relatore

    Relazione
    0:02 Durata: 10 min 21 sec
  • Presidente

    L'udienza, sospesa <strong>alle 9.56</strong>, riprende <strong>alle 10.14</strong> Interrogatorio dell'incolpato
    0:12 Durata: 29 sec
  • Presidente ammette la testimonianza del procuratore della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto come richiesta e chiede all'avvocato di comunicare la pregiudiziale annunciata; il dr. Amendolìa la spiega

    0:13 Durata: 8 min 58 sec
  • Parere del Procuratore Generale dr. Martusciello che chiede di procedere nel dibattimento

    La sezione si ritira <strong>10.25</strong> e rientra <strong>alle 10.30</strong>
    0:22 Durata: 1 min 47 sec
  • Presidente legge l'ordinanza di rigetto dell'eccezione preliminare sollevata dalla difesa; si rinvia al 15 ottobre 2004

    L'udienza termina <strong>alle 10.30</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM: SOTTOSCRISSERO APPELLO VOTO PRC, PROSCIOLTI GIUDICI<br>A PROMUOVERE AZIONE DISCIPLINARE ERA STATO MINISTRO CASTELLI (ANSA) - ROMA, 2 APR - In occasione delle elezioni politiche del 2001 avevano sottoscritto l'appello al voto di Rifondazione comunista. Per questo erano stati accusati di avere ''gravemente violato i doveri di riserbo, correttezza nei confronti del Governo in carica, imparzialita' e riservatezza'' e di avere in questo modo compromesso il prestigio dell'ordine giudiziario. Ma la sezione disciplinare del Csm li ha prosciolti in istruttoria, accogliendo la richiesta del procuratore generale della Cassazione. Quattro i protagonisti della vicenda: i giudici del tribunale di Napoli Gaetano Assante e Vincenzo Maria Albano, e i consiglieri della Corte d'Appello di Roma, Giuseppe Bronzini, e di Firenze, Fabrizio Amato. A promuovere l'azione disciplinare nei loro confronti era stato il ministro della Giustizia Roberto Castelli, che aveva accusato i quattro di essersi fatti ''portatori di una critica di esclusiva valenza politica al Governo in carica'' e di avere reso ''manifesta una propria personale opzione politica e partitica, vulnerando l'immagine di imparzialita', indipendenza di giudizio ed estraneita' a condizionamenti cui ciascun magistrato deve uniformare la propria condotta di vita anche privata''.
    0:25 Durata: 37 sec