08 SET 2004

CSM - Plenum dell'8 settembre 2004, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 48 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

All'ordine del giorno: 1) Ordine del giorno speciale 2) Pratiche del Comitato di Presidenza 3) Pratiche di Prima Commissione 4) Pratiche di Terza Commissione 5) Il CSM nelle agenzie di stampa.

Registrazione audio di "CSM - Plenum dell'8 settembre 2004, seduta antimeridiana", registrato mercoledì 8 settembre 2004 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 48 minuti.
  • Presidente commemora Dante Schietroma

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 9.56</strong><br>Presidenza del Consigliere <strong>Nicola Buccico</strong>
    0:00 Durata: 1 min 57 sec
  • Presidente e poi Di Federico, Buccico, Di Federico, Aghina e altri

    <em>Approvati</em> <strong>Ordine del giorno speciale, sezioni A e B</strong>
    0:01 Durata: 3 min 34 sec
  • Presidente

    <em>Rinviata</em> Pratiche del Comitato di Presidenza Integrazione della buonuscita
    0:05 Durata: 50 sec
  • Tenaglia, relatore, poi Fici, Marotta, Salvi, Aghina, Spangher, Salmè, Arbasino e Lo Voi, quindi il Presidente, Salmè: conclude il relatore

    <em>Rinviata</em> Pratiche di Prima Commissione Nota del dr. Sammartino<br>Relazione
    0:06 Durata: 27 min 58 sec
  • Salvi, relatore

    <em>Presa d'atto</em> D.ssa Renna
    0:34 Durata: 29 sec
  • Spangher, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Incompatibilità</strong> Dr. Forte
    0:34 Durata: 34 sec
  • Salvi, relatore

    <em>Approvata</em> Dr. Nordio: dichiarazione alla stampa
    0:35 Durata: 2 min 49 sec
  • Salvi, relatore

    <em>Tutela a i giudici</em> Il petrolchimico di Marghera
    0:38 Durata: 3 min 9 sec
  • Berlinguer, relatore, poi Lo Voi su una pratica precedente, quindi Aghina

    <em>Approvata</em> Tutela del dr. Cantone
    0:41 Durata: 4 min 1 sec
  • Presidente e poi Salvi sulla pratica richiamata da Lo Voi

    <em>Riapprovata</em>
    0:45 Durata: 1 min 34 sec
  • Giovanni Berlinguer (membro laico(DS)), relatore, poi Aghina

    <em>Approvata</em> Incompatibilità Dr. Costa, d.ssa Lo Moro, dr. De Grazia
    0:46 Durata: 4 min 3 sec
  • Meliadò, relatore

    <em>Approvata</em> Pratiche di Terza Commissione La seduta, segretata alle <strong>10.47</strong>, torna pubblica alle <strong>10.49</strong> D.ri D'Ambrosio e Borrelli
    0:50 Durata: 54 sec
  • Meliadò, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Concorsi</strong> Dr. Nobile
    0:51 Durata: 58 sec
  • Lo Voi, Ventura Sarno, relatori e ancora Lo Voi

    <em>Approvate tutte</em> <strong>Copertura posti</strong>
    0:52 Durata: 2 min 51 sec
  • Lo Voi, Civinini, Marotta e Riello, relatori, poi Lo Voi; quindi Ventura Sarno, Lo Voi, relatori, quindi Primicerio cui replica Lo Voi, poi Buccico e Lo Voi

    <em>Approvate tutte meno una che torna in Commissione e una al pomeriggio</em> <strong>Altre coperture di posti</strong>
    0:55 Durata: 8 min 4 sec
  • Lo Voi, Riello, relatori, quindi Meliadò e Salmè

    <em>Approvate</em> <strong>Altre coperture di posti</strong>
    1:03 Durata: 4 min 47 sec
  • Fici, relatore

    <em>Approvate</em> <strong>Ricorsi</strong>
    1:08 Durata: 2 min 3 sec
  • Marotta, relatore, poi Fici, Marini e il relatore

    <em>Rinviata</em><br>La seduta, segretata alle <strong>11.10</strong>, torna pubblica alle <strong>11.15</strong> <strong>Richiesta del Ministro della Giustizia per una proroga di incarico</strong>
    1:10 Durata: 2 min 56 sec
  • Ventura Sarno, relatore, poi Salvi, Salmè, De Nunzio, Marini, Meliadò e Aghina

    Voto sul ritorno in Commissione per appello nominale: <em>mancanza del numero legale</em><br>La seduta termina <strong>alle 11.45</strong> <strong> Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM: UFFICIO STUDI, CARNEVALE NON PUO' TORNARE IN SERVIZIO <br>SI' A RICORSO A CONSULTA, DISCUSSIONE AGGIORNATA A GIOVEDI' (ANSA) - ROMA, 7 SET - Corrado Carnevale, l'ex magistrato che ribattezzato dalla stampa ''il giudice ammazzasentenze'' quando presiedeva la prima sezione penale della Cassazione, non puo' tornare a indossare la toga. Questa l'opinione dell'Ufficio studi del Csm, contenuta nel parere consegnato oggi alla Quarta Commissione di Palazzo dei marescialli. E' dal marzo scorso che Carnevale ha chiesto al Csm di rientrare in magistratura, avvalendosi della legge che ha stabilito il diritto al reintegro dei pubblici dipendenti sospesi dal servizio per procedimenti penali che si sono poi conclusi con l'assoluzione. E di essere nominato presidente aggiunto della Suprema Corte, cioe' di vedersi attribuire le funzioni immediatamente superiori a quelle che ricopriva quando venne sospeso dal servizio. Una richiesta rafforzata da una diffida che Carnevale ha fatto notificare nell'agosto scorso al Consiglio perche' provveda alla sua riammissione in ruolo. Secondo indiscrezioni l'Ufficio studi di Palazzo dei marescialli sosterrebbe che la nuova normativa non si puo' applicare a Carnevale perche' questi lascio' la magistratura quando aveva gia' raggiunto la prima eta' pensionabile prevista per i magistrati, cioe' i 70 anni, rinunciando di fatto alla proroga di due anni che in astratto il Csm gli avrebbe potuto concedere. L'Ufficio studi era stato investito anche della questione se il Csm possa sollevare conflitto di attribuzioni davanti alla Corte costituzionale e nei confronti del Parlamento quando ritenga che una legge violi le proprie competenze stabilite dalla Costituzione: in questo caso il responso e' positivo. Non solo: secondo l'ufficio studi non c'e' un termine di tempo entro il quale il Consiglio debba necessariamente sollevare il conflitto, pena la decadenza della facolta'. La Commissione - che ha sul tavolo anche altre richieste di reintegro oltre a quella di Carnevale- tornera' a discutere del caso giovedi' prossimo. A riferire sara' il relatore Antonio Marotta, laico dell'Udc, che sinora sul caso Carnevale era giunto a conclusioni opposte a quelle dell'ufficio studi. CSM: DI FEDERICO (FI) SCRIVE A CIAMPI, ROGNONI MI DISCRIMINA <br>DECISIONI ILLEGITTIME E ARBITRARIE SU RINNOVO COMMISSIONI (ANSA) - ROMA, 8 SET - Il consigliere del Csm Giuseppe Di Federico (Forza Italia) in una lettera al capo dello Stato accusa il vice presidente di Palazzo dei marescialli Virginio Rognoni di averlo discriminato nel rinnovo della composizione delle Commissioni del Consiglio superiore e definisce le decisioni prese da questi ''illegittime'' e ''arbitrarie'', perche' assunte ''in violazione del regolamento'' dell'organo di autogoverno. Nella lunga missiva- sei pagine in tutto- il laico della Cdl contesta la sua esclusione da due commissioni di cui aveva chiesto di far parte, e in particolare da quella che si occupa della riforma giudiziaria e dell'amministrazione della giustizia, rivendicando la propria specifica competenza tecnica (''di quelle materie mi sono occupato per oltre 40 anni non solo a livello teorico ma anche applicativo: per molti anni sono stato l'unico professore di ordinamento giudiziario in Italia e ho a lungo diretto , dopo averli fondati, gli unici due centri di ricerca italiani sull'amministrazione della giustizia''). Per questo il consigliere di Forza Italia definisce la decisione di Rognoni ''inspiegabile'' e ''illegittima'', anche perche' presa ''in chiara violazione della lettera e dello spirito dell'articolo 32 del regolamento del Csm'' che prevede che annualmente i componenti delle Commissioni siano rinnovati per almeno un terzo, cosa che non e' avvenuta per la Sesta Commissione. Di Federico ricorda di aver gia' segnalato a Ciampi come la Commissione in questione nell'ultimo anno ''abbia travalicato i limiti delle sue competenze'', facendo riferimento esplicito alla candidatura del laico dei Ds Luigi Berlinguer alla presidenza del cosiddetto Csm europeo, ''decisa in piena autonomia e senza il successivo, necessario, vaglio del plenum''. Un comportamento ''avallato'' da Rognoni, che oltretutto ''in varie forme ha manifestato la sua forte irritazione nei miei confronti- scrive Di federico- per il mio dissenso''. Alla luce di tutto questo il consigliere ritiene ''del tutto plausibile il sospetto che la decisione del vice presidente'' di escluderlo dalle due commissioni richieste ''si configuri come un atto di ingiustificata ritorsione, di inaccettabile discriminazione o volto ad evitare che io possa esercitare un'influenza a lui non gradita in queste commissioni.Questi gravi quanto plausibili dubbi verrebbero ovviamente fugati solo se le decisioni assunte dal vice presidente saranno adeguatamente ed esaurientemente motivate'', conclude il consigliere che chiede a Ciampi di sollecitare Rognoni ''a motivare le ragioni delle sue decisioni''. <strong>Conferimento funzioni direttive superiori</strong> Un Magistrato che è stato massone
    1:13 Durata: 35 min 28 sec