06 OTT 2004

CSM - Plenum del 6 ottobre 2004, seduta pomeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 2 ore 16 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

All'ordine del giorno: 1) Pratiche urgenti 2) Incontri di studio: criteri di valutazione degli oratori 3) Caso Cordova: incompatibilità funzionale 4) Pratiche di Quinta Commissione 5) Pratiche di Sesta Commissione 6) Pratiche di Quarta Commissione 7) Idoneità alla nomina a magistrato di Cassazione: dr.

Miceli 8) Il CSM nelle agenzie di stampa.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 6 ottobre 2004, seduta pomeridiana", registrato mercoledì 6 ottobre 2004 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 2 ore e 16 minuti.
  • Presidente e poi Lo Voi, relatore

    <em>Invito a resistere</em> <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 15.47</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong><br>Pratica urgente di Terza Commissione <strong>Ricorso al Capo dello Stato</strong> Dr. Santini
    0:00 Durata: 45 sec
  • Primicerio, relatore

    <em>Resistenza in giudizio</em> <br>Pratiche urgenti di Quarta Commissione <strong>Ricorso</strong> Dr. Sapienza
    0:00 Durata: 36 sec
  • Menditto, relatore

    <em>Non accolta</em> <br>Pratiche urgenti di Settima Commissione <strong>Proroga di applicazione</strong>
    0:01 Durata: 29 sec
  • Menditto, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Monitoraggio</strong>
    0:01 Durata: 9 sec
  • Arbasino, relatore

    <em>Approvata</em> <strong>Applicazione extradistrettuale</strong> Dr. Tucci
    0:01 Durata: 31 sec
  • Aghina, relatore

    <em>Approvate in blocco</em> <br>Pratiche urgenti di Ottava Commissione
    0:02 Durata: 30 sec
  • Arbasino, relatore

    <em>Costituzione in giudizio</em> <br>Pratica urgente di Settima Commissione <strong>Ricorso al TAR Sicilia</strong> Sig. Di Blasi
    0:03 Durata: 28 sec
  • Aghina, relatore

    <em>Costituzione in giudizio</em> <br>Pratiche urgenti di Nona Commissione <strong>Ricorso al TAR</strong>
    0:03 Durata: 22 sec
  • Civinini, relatore, poi Aghina e Stabile, quindi Meliadò, Buccico, interrotto brevemente da Stabile, Lo Voi, ancora Stabile sull'ordine dei lavori, Civinini e Buccico

    <em>Rinviata al giorno dopo</em> <strong>Incontri di studio</strong> Criteri di valutazione degli oratori
    0:04 Durata: 22 min 7 sec
  • Presidente e poi Salvi, relatore, quindi Buccico, Primicerio e Lo Voi

    <em>Resistenza in giudizio contro la sospensiva</em> <br>Pratiche urgenti di Prima Commissione<br>Caso Cordova: incompatibilità funzionale <strong>Appello al Consiglio di Stato</strong>
    0:26 Durata: 5 min 13 sec
  • Presidente e poi Buccico; Menditto, relatore, chiede il rinvio; interviene Buccico e il Presidente gli risponde sui tempi; si esprimono Spangher, Tenaglia, Salvi, Berlinguer, Di Federico, Fici e Menditto

    Voto sul rinvio di 15 giorni: <em>rinviata</em> Ordine del giorno ordinario Pratiche di Quinta Commissione <strong>Varie</strong> Posto di Magistrato di Cassazione: Procuratore Nazionale Antimafia
    0:31 Durata: 11 min 16 sec
  • Giorgio Spangher (membro laico(FI)), Presidente della Sesta Commissione, relatore

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Sesta Commissione <strong>Un quesito</strong>
    0:42 Durata: 2 min 35 sec
  • Salvi, Ventura Sarno e Salmè, relatori

    <em>Approvate</em> <br>Pratiche di Quarta Commissione <strong>Idoneità alle funzioni direttive superiori</strong> Dr. Fabrizi; d.ssa Carpinteri, inidonea; dr. Spataro
    0:45 Durata: 3 min 40 sec
  • Salvi, Ventura Sarno, relatori: intervengono sulla seconda pratica Menditto, Lo Voi e Salmè: il relatore dà il suo parere, poi si esprimono Buccico e Salvi

    Voto sul ritorno in Commissione: <em>respinto</em> <strong>Idoneità alla nomina a magistrato di Cassazione</strong> Dr. Sorbo; dr. Miceli;
    0:49 Durata: 18 min 45 sec
  • Buccico, Meliadò, poi Salmè e Lo Voi, Tenaglia, Salmè, Di Federico, Salvi, Berlinguer, Marvulli e ancora Di Federico e quindi Primicerio, Buccico e Mammone

    Seguito della discussione sulla seconda pratica
    1:07 Durata: 33 min 58 sec
  • Arbasino, Di Federico, Meliadò Salmè, Ventura Sarno. Il Presidente espone le varie alternative: intervengono Salmè, Tenaglia, Riello, ancora Salmè, Marini, Stabile e Buccico, alternandosi, poi Marvulli, il Presidente conclude, ma Buccico obietta, Berlinguer, Tenaglia, Aghina, Salmè e Stabile per dichiarazione di voto

    Voto sulla ricerca di un nome di un relatore che rediga la motivazione del provvedimento a seguito della precedente bocciatura: <em>approvata</em><br>Voto sull'incarico dato al Consigliere Salmè: <em>approvato</em><br>La seduta termina <strong>alle 18.04</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> CSM, UFFICI GIUDIZIARI POSSONO ESPRIMERSI SU DISEGNI DI LEGGE<br>PLENUM APPROVA DELIBERA PROPOSTA DA LAICO DI FI Roma, 6 ott. (Adnkronos) - E' ''naturale'' che i magistrati partecipino al dibattito sui temi della giustizia, un confronto che puo' avvenire ''anche attraverso la formulazione da parte di organi giudiziari di pareri su disegni di legge''. E' il principio che il Csm mette nero su bianco in una delibera, approvata oggi dal plenum all'unanimita', di cui e' relatore il consigliere laico di Fi Giorgio Spangher. A sollecitare l'intervento di Palazzo dei Marescialli sulla questione erano stati il presidente del Tribunale per i minori delle Marche Luisanna Del Conte e il capo della Procura presso lo stesso Tribunale Ugo Pastore: e' possibile, avevano chiesto al Csm, che ''i dirigenti di uffici giudiziari formulino ufficialmente osservazioni, suggerimenti e critiche utili all'eventuale miglioramento di un ddl elaborato da un gruppo parlamentare?''. Richiesta che aveva sollecitato loro il presidente della Corte d'Appello dell'Aquila Francesco Plotino. ''La partecipazione della magistratura al dibattito sui temi della giustizia, eventualmente anche attraverso riflessioni su disegni di legge, non incontra ostacoli normativi'', sostiene il Csm. E aggiunge: ''Il coinvolgimento di organi giudiziari da parte di altri organi giudiziari titolari di poteri di vigilanza o di coordinamento dovra' essere assicurato attraverso forme che preservino la sfera di autonomia dei primi e che, in particolare, assicurino a ciascuno di tali organi la possibilita' di assumere responsabilmente e in piena autonomia le proprie determinazioni in ordine al contributo di riflessione sollecitato''. La partecipazione del magistrato al dibattito pubblico ''rappresenta non solo l'esercizio di liberta' fondamentali'', sottolinea ancora il Csm, ma esprime anche il ''contributo essenziale del cittadino allo sviluppo della vita democratica del Paese''. Un principio che e' ''tanto piu' significativo'' se si parla dei temi della giustizia, sui quali ''il contributo dei magistrati riveste particolare valore''. Infatti, la loro ''esperienza'' e ''competenza professionale'' offrono ''elementi di conoscenza e di valutazione'' che danno una ''particolare rilevanza'' alla discussione.''E' dunque possibile e anzi naturale -osserva il Csm- che l'esigenza di partecipazione dei magistrati al dibattito pubblico o la sollecitazione in tal senso maturino nell'ambito degli uffici di appartenenza o con riferimento ad essi, traendo spunto dall'esperienza e dal confronto quotidiano del magistrato con gli operatori dlela giustizia''. D'altra parte, sottolinea Palazzo dei Marescialli, che i magistrati possano partecipare al dibattito ''anche attraverso la formulazione da parte di organi giudiziari di pareri su ddl'' e' confermata anche dall'esperienza maturata durante il varo dei codici: l'adozione del nuovo codice di procedura penale, ad esempio, fu preceduta da un confronto al quale ''parteciparono proficuamente molteplici organi giudiziari''. Segue la discussione
    1:41 Durata: 35 min 9 sec