08 OTT 2004

Procedimento contro il dr. Nicolò Marino

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 42 min 21 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

IndiceL'udienza ha inizio alle 10.00Presidenza del Consigliere Nicola Buccico.

Registrazione audio di "Procedimento contro il dr. Nicolò Marino", registrato venerdì 8 ottobre 2004 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 42 minuti.
  • Presidente sulla pubblicità dell'udienza, quindi il dr. Marino

    0:00 Durata: 1 min 4 sec
  • Presidente riunisce due procedimenti: interviene poi il relatore Giuseppe Fici (Movimento per la giustizia), interrotto brevemente dopo 8 minuti dal Presidente

    Relazione
    0:01 Durata: 31 min 19 sec
  • Presidente sulla richiesta della difesa di mezzi istruttori sia testimoniali che documentali: il difensore dr. Maddalena enumera le richieste

    0:32 Durata: 6 min 12 sec
  • Parere di non opposizione del P.G. dr. Apice, con richieste aggiuntive. Poi la sezione si ritira per decidere alle 10.41 e rientra alle 11.00 disponendo l'acquisizione degli atti richiesti

    L'udienza termina <strong>alle 11.00</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> GIUSTIZIA: ANM AL CSM, FARE CHIAREZZA SU TRIBUNALE NAPOLI <br>D'ANCONA, LAVORIAMO IN SITUAZIONE CAOS CON GRAVI DANNI A UTENTI (ANSA) - NAPOLI, 8 OTT - L'Associazione Nazionale Magistrati chiede l'intervento del Csm per fare chiarezza sulla gestione del Tribunale di Napoli da parte del presidente Giovanni De Rosa. Un documento sui problemi degli uffici giudiziari partenopei e' stato inviato all'organo di autogoverno dei giudici al termine di una riunione. L'Anm napoletana, in particolare, ha adottato questa iniziativa per denunciare ''un ennesimo episodio di insofferenza da parte del presidente del Tribunale di Napoli verso le regole stabilite dal Csm e dalla legge sull'ordinamento giudiziario'' con la convocazione di un'assemblea di magistrati, alla quale lo stesso De Rosa non avrebbe partecipato e, si denuncia, ''promossa in un orario in cui normalmente si svolgono udienze mettendo i magistrati nelle condizioni di non poter partecipare''. Dagli stessi magistrati arrivano rimostranze sui metodi seguiti da De Rosa che non avrebbe messo a disposizione il modello di organizzazione dell'ufficio per un'opportuna conoscenza prima della loro discussione. Di qui la richiesta al Consiglio superiore della magistratura di occuparsi della questione della scelta del dirigente. Le tabelle del Tribunale di Napoli, che in sostanza rappresentanza la pianta organica dell'ufficio, sono state, si ricorda, bocciate per tre volte. ''Lavoriamo - dice il segretario dell'Anm di Napoli, Linda D'Ancona - in una situazione di caos, con carichi di lavoro sperequati e soprattutto a danno degli utenti del sistema giudiziario con alcune cause che registrano ritardi notevoli e con uffici che cadono a pezzi. Si registra un inspiegabile atteggiamento di ritardo al trasferimento del settore civile al Centro Direzionale. Poi, ci sono tutt'un'altra serie di altri provvedimenti adottati dalla presidenza del Tribunale e bocciati dal consiglio giudiziario e dal Consiglio superiore della maigistratura''. Il documento vuole trasmettere al Csm uno stato di ''irritazione e di scontento da parte dei magistrati''. Si sottolinea che ''la gestione del Tribunale di Napoli e' improntata a criteri di scarsa trasparenza con l'adozione di condotte da parte della dirigenza che non solo dimostrano scarsa considerazione della dignita' e della professionalita' dei magistrati appartenenti all'ufficio ma si risolvono altresi' in una palese violazione delle regole organizzative di natura ordinamentale''.
    0:38 Durata: 3 min 46 sec