16 FEB 2005

CSM - Plenum del 16 febbraio 2005, seduta antimeridiana

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 11 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione audio di "CSM - Plenum del 16 febbraio 2005, seduta antimeridiana", registrato mercoledì 16 febbraio 2005 alle 00:00.

La registrazione audio ha una durata di 1 ora e 11 minuti.
  • Presidente sui 45 presentati, poi,sul discorso del Presidente in commemorazione di Bachelet, Buccico, Berlinguer, De Nunzio, Mammone, Salmè e Aghina: il

    <strong>Indice</strong><br>La seduta ha inizio <strong>alle 9.59</strong><br>Presidenza del vicepresidente <strong>Virginio Rognoni</strong>
    0:00 Durata: 6 min 44 sec
  • Presidente, poi Lo Voi, Meliadò e Buccico, poi Salmè, Stabile e ancora Buccico

    <em>Approvati</em> Ordine del giorno ordinario <strong>Ordine del giorno Speciale, sezione A e B</strong>
    0:06 Durata: 3 min 41 sec
  • Presidente

    La seduta, segretata alle <strong>10.10</strong>, torna pubblica alle <strong>10.16</strong> <br>Pratiche del Comitato di Presidenza <strong>Concessione di intervento assistenziale</strong>
    0:10 Durata: 1 min 11 sec
  • Meliadò, relatore, poi Buccico, ancora Meliadò, dialogando con Buccico e il Presidente; intervengono Civinini, Di Federico, Stabile, Marini, Salmè, Mammone, Aghina, Stabile e il relatore; dichiarazione di voto di Buccico

    <em>Approvata</em> <strong>Richieste del Comitato Scientifico e della Nona Commissione</strong>
    0:12 Durata: 25 min 26 sec
  • Aghina, relatore, poi Buccico e il relatore in replica

    <em>Approvata</em> <br>Pratiche di Prima Commissione <strong></strong> D.ssa Scarsella<br>Suicidio del Sindaco di Roccaraso
    0:37 Durata: 5 min 56 sec
  • Salvi, relatore, poi Aghina, il relatore, Buccico e il Presidente

    <em>Approvate tutte</em> meno la 4R <strong>Incompatibilità</strong> Dr. Lignola: mancata astensione; altre pratiche
    0:43 Durata: 5 min 43 sec
  • Lo Voi, Schietroma, Marotta, relatori: interviene Fici

    <em>Approvate tutte</em> <br>Pratiche di Terza Commissione <strong>Trasferimenti e copertura posti</strong>
    0:49 Durata: 3 min 20 sec
  • Lo, voi

    <em>Approvata</em> <strong>Conferimento funzioni</strong>
    0:52 Durata: 20 sec
  • Primicerio, Marotta, Salmè, Ventura Sarno, Primicerio, Marotta, Primicerio, Salmè, Stabile, Marotta, Primicerio, relatori

    <em>Approvate tutte</em> <br>Pratiche di Quarta Commissione <strong>Nomine</strong>
    0:52 Durata: 6 min 19 sec
  • Salmè, Ventura Sarno, relatori

    <em>Approvate tutte</em><br>La seduta, segretata alle <strong>11.05</strong>, torna pubblica alle <strong>11.12</strong> <strong>Cessazioni</strong>
    0:59 Durata: 1 min 53 sec
  • Spangher, relatore, poi Buccico

    <em>Approvata</em> Pratica 4 R di Prima Commissione, tralasciata<br>Dr. Rossi
    1:01 Durata: 1 min 58 sec
  • Presidente e poi Lo Voi, Salvi, Fici, ancora Salvi e il Presidente

    <em>Approvate tutte</em><br>La seduta termina <strong>alle 11.29</strong> <strong>Il CSM nelle agenzie di stampa</strong> COMMISSIONE SI DIVIDE SU NOMINE A VERTICI CASSAZIONE<br>SOLO TRE CANDIDATI PROPOSTI ALL'UNANIMITA', PER VITALONE POCHE CHANCES Roma, 15 feb. (Adnkronos) - Si divide il Csm sulle nomine ai vertici della Cassazione. Compresa quella di Claudio Vitalone: in 'corsa' per una delle poltrone di presidente di sezione, l'attuale consigliere del 'Palazzaccio' sembra avere però poche chanche di vittoria, visto che la sua candidatura è sostenuta da un solo voto, quello del laico della Cdl Buccico. La commissione Incarichi Direttivi doveva decidere in tutto l'assegnazione di 9 posti alla guida di altrettante sezioni della Suprema Corte. Ma sulla proposta da far arrivare in plenum l'accordo è limitato. Soltanto su tre candidati, infatti, si è raggiunta l'unanimità e la nomina appare scontata: si tratta dell'attuale consigliere di Cassazione Alessandro Criscuolo, ex presidente dell'Anm ed ex consigliere al Csm; e dei colleghi Giovanni Antonio Paolini e Michele De Luca. Per gli altri sei posti invece ci sono più candidati e la scelta viene rimessa all'assemblea plenaria. Tra gli 'aspiranti', anche due ex direttori generali del ministero della Giustizia: Giorgio Lattanzi, che è rimasto alla guida degli Affari Penali di via Arenula fino al 2001; ed Ernesto Lupo, responsabile dell'Organizzazione giudiziaria ai tempi in cui era ministro Giovanni Maria Flick. TOGATI MD: 'EX CIRIELLI' VANIFICHEREBBE LAVORO<br> 'DA MINISTERO NESSUNA ANALISI, SOLO ORA AVVIATA RILEVAZIONE PARZIALE' Roma, 15 feb. (Adnkronos) - Con l'applicazione delle norme sulla prescrizione proposte dalla 'ex Cirielli' ''non solo risulterebbe vanificato gran parte del lavoro che gli uffici giudiziari hanno compiuto negli ultimi anni, ma si creerebbero i presupposti per una distorsione futura degli istituti processuali e per l'aumento delle difficolta' di gestione dei singoli processi e della organizzazione degli stessi uffici giudiziari''. Ad evidenziare i rischi legati al provvedimento approvato dalla Camera e ora all'esame del Senato sono i cinque consiglieri togati che al Csm rappresentano la corrente di Magistratura democratica. Già ieri la commissione Riforma del Csm ha approvato a maggioranza, con l'unico 'no' del consigliere di Fi, una risoluzione che giovedì arriverà in plenum: sull'amministrazione della giustizia, si avverte nel documento, gli effetti delle nuove norme saranno ''devastanti'' e i reati prescritti potrebbero quadruplicare. Proprio per esprimere un parere sulla riforma proposta, la Commissione di Palazzo dei Marescialli aveva chiesto più volte al ministero della Giustizia di poter avere ''dati statistici ed elaborazioni sulle ricadute'' del provvedimento. ''Tentativi inutili -riferiscono però i consiglieri Giuliana Civinini, Luigi Marini, Francesco Menditto, Giuseppe Salmè e Giovanni Salvi- La proposta parlamentare e il successivo dibattito non hanno avuto il supporto di alcuna analisi d'impatto, e il ministero ha solo adesso in corso una rilevazione parziale''. ''In questo contesto -sottolineano ancora i cinque consiglieri di Md- il Consiglio ha inteso sottolineare le pesanti ricadute sull'organizzazione e sulla gestione dell'intero settore penale, richiamando un'analisi statistica compiuta dal magistrato referente per l'informatica di un distretto e le preoccupazioni espresse dalla stessa Corte di Cassazione''. Si tratta di dati, è scritto nel documento che la Commissione ha proposto al plenum, secondo i quali ''quasi tutti i processi per reati puniti con la pena della reclusione compresa nel massimo tra i cinque e i sei anni e la grande maggioranza di quelli per reati puniti con la pena della reclusione massima di otto anni sono destinati a sicura prescrizione''. <br>Pratiche urgenti di Terza e Quarta Commissione
    1:03 Durata: 8 min 51 sec