24 GIU 2005

Procedimento contro la d.ssa Irma Musella

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 34 min 46 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Il CSM nelle agenzie di stampa GIUSTIZIA: MENDITTO (CSM), NORMA BOBBIO RITARDERA' CONCORSI PROVVEDIMENTO E' UNA ULTERIORE INVASIONE ATTRIBUZIONI DEL CSM (ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il Csm ha risposto tempestivamente all'invito del presidente Ciampi di accelerale i tempi di nomina dei dirigenti degli uffici giudiziari ma il senato ha approvato un emendamento al disegno di legge sull'ordinamento giudiziario che produrra' l'effetto contrario oltreche' a rappresentare ''una ulteriore oggettiva invasione delle attribuzioni Costituzionali del Csm''.

Lo afferma Francesco Menditto, presidente della
commissione incarichi direttivi del Csm, riferendosi all'emendamento Bobbio.

Il provvedimento, secondo Mendito, ''riducendo l'eta' massima degli aspiranti agli incarichi direttivi anche per 'le procedure in corso', ritardera' il completamento dei concorsi gia' banditi, imporra' di valutare le conseguenze derivanti dal mutamento delle regole nel corso del procedimento, fa sorgere il rischio di un elevato contenzioso da parte degli interessati''.

Il Csm, ricorda l'esponente del Csm, proprio in questi giorni ha approvato all'unanimita' ''numerosi interventi organizzativi che renderanno piu' rapide le nomine''.

In base al provvedimento dell' esponente di An, invece, ''numerosi uffici direttivi rimarranno scoperti ancora per tempi lunghi, con gravi ripercussioni sull' efficienza della giustizia''.

Menditto illustra i dati: 14 magistrati su 24 gia' proposti per un incarico direttivo non potranno piu' ottenerlo e dovra' procedersi, comunque, ad una rivalutazione ex novo dei candidati; il 40 % circa degli aspiranti (il 60% per i posti di legittimita') ai concorsi in atto non potranno piu' partecipare, e le relative procedure, alcune delle quali in fase avanzata di ultimazione (ivi compresa quella per Procuratore Nazionale Antimafia), saranno, comunque, 'azzerate'.

La norma in questione, spiega il presidente della Commissione incarichi direttivi, ''non prevedendo alcuna gradualita', impedira', a circa 600 magistrati di non partecipare ai concorsi per incarichi direttivi dal giorno successivo alla pubblicazione della legge sull' ordinamento giudiziario.

Una legge, cui gia' erano stati avanzati numerosi rilievi di costituzionalita' anche dal CSM, alcuni tali da comportare il rinvio alle camere da parte del Presidente della Repubblica, che viene ulteriormente 'arricchita', con un emendamento introdotto all'ultimo minuto che, oltre ad incidere negativamente sull'efficienza della giustizia, appare una ulteriore oggettiva invasione delle attribuzioni costituzionali del Csm''.

leggi tutto

riduci

  • Presidente sulla pubblicità dell'udienza, quindi Stabile relaziona e poi il difensore, dr. Albano, chiede di proseguire l'udienza

    La seduta, sospesa <strong>alle 11.47</strong>, riprende <strong>alle 12.00</strong> <strong>Indice</strong><br>L'udienza ha inizio <strong>alle 11.41</strong><br>Presidenza del Consigliere <strong>Antonio Marotta</strong>
    0:00 Durata: 5 min 49 sec
  • Presidente e la d.ssa Musella, che non aggiunge nulla; poi domande al teste Giampaolo Cariello, Presidente del Tribunale del riesame di Napoli, da parte del Presidente, di Stabile e del difensore

    Escussione testi
    0:05 Durata: 11 min 48 sec
  • Domande alla d.ssa Maddalena Salvati da parte del Presidente e di Stabile

    0:18 Durata: 5 min 14 sec
  • P.G. dr. Uccella

    Conclusioni
    0:23 Durata: 2 min 44 sec
  • Dr. Albano, difensore dell'incolpata

    Arringa
    0:26 Durata: 7 min 34 sec
  • Dichiarazioni della d.ssa Musella

    La Corte si ritira per decidere <strong>alle 12.28</strong> e rientra <strong>alle 12.51</strong>
    0:33 Durata: 1 min 16 sec
  • Lettura della sentenza di assoluzione

    L'udienza termina <strong>alle 12.52</strong>
    0:35 Durata: 21 sec