14 OTT 2005

Perchè siamo antipatici? Intervista a Luca Ricolfi

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 53 min 29 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Roma, 14 ottobre 2005 - Un malato d'eccezione: la sinistra italiana.

Una malattia subdola: l'antipatia.

Una cura possibile: prenderne coscienza e correre ai ripari.

In Perchè siamo antipatici? La sinistra e il complesso dei migliori (Longanesi) Luca Ricolfi evidenzia come la sinistra sia antipatica non solo alla destra, ma anche ai non schierati, al vasto arcipelago degli elettori che non si sentono né di destra né di sinistra.

Quattro sono le sue malattie: il linguaggio codificato (io sì che la so lunga), il politicamente corretto (tu non devi parlare come vuoi), gli schemi secondari (tu non
puoi capire) e la supponenza morale (noi parliamo alla parte migliore del paese).

Luca Ricolfi insegna Metodologia della ricerca psicosociale all'Università di Torino, dirige l'Osservatorio del Nord Ovest e una rivista di analisi elettorale.

Ecco cosa ci ha detto nel dibattito organizzato con Radio Radicale.

Nel confronto sono intervenuti lo storico Nicola Tranfaglia, il politologo Gianfranco Pasquino, il giornalisti e scrittori Antonio Carioti e Marco Travaglio.

Ecco cosa ci hanno detto.

leggi tutto

riduci