04 DIC 2001

Alta Velocità: Cerimonia di abbattimento dell'ultimo diaframma della galleria per la tratta Fi - Bo (con Berlusconi)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 59 min 56 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Abbattuto alle 12.50 l'ultimo diaframma della galleria Raticosa, che congiunge i versanti emiliano e toscano della tratta ad Alta Velocità/Alta Capacità Firenze - Bologna.

E' intervenuto Silvio Berlusconi, Presidente del ConsiglioMonghidoro (BO), 4 dicembre 2001 - Le due squadre di operai impegnate nei lavori, separate dall'ultimo diaframma, si sono così incontrate, alla presenza del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e del ministro per le infrastrutture Pietro Lunardi."Sono qui - ha dichiarato Berlusconi - a celebrare qualcosa di cui non ho meriti.

Spero invece di avere molte altre
occasioni per celebrare cose che sono risolte dalla nostra attività di governo".Berlusconi ha passato il varco alle 12.54, poi, la foto di gruppo con i minatori e il rito del taglio della cravatta, materialmente eseguito dal capo cantiere Gaetano Nicoli, che, ha assicurato, se la porterà a casa.Il completamento della Firenze - Bologna.

I progetti del governo per il sudIl Presidente del Consiglio si è anche soffermato sulle intenzioni del governo per quanto riguarda infrastrutture e opere pubbliche: "Entro il 2006 sarà sicuramente ultimata la tratta Bologna - Firenze dell'alta velocità ferroviaria", opera essenziale per "il collegamento tra nord e sud del paese, che rischia anche oggi in certi momenti di essere interrotto.

C'è quasi una strettoia, un collo di bottiglia che può, a volte, paralizzare il paese"."Le linee ferroviarie, - ha aggiunto il cavaliere - con 180 treni al giorno, sono sature e le autostrade trasportano quotidianamente 150.000 tonnellate di merci"."Questa realizzazione invece, permetterà il passaggio di 400 ulteriori treni al giorno e di far passare su rotaia una quantità enorme di merci, oltre a ridurre enormemente i tempi di percorrenza fino a far pensare alla Bologna - Firenze come ad un'unica, virtuale, unità urbana in ragione della sola mezz'ora di tempo di percorrenza"."Più del 50% delle infrastrutture inserite nel nuovo piano strategico - ha aggiunto Berlusconi - verrà realizzato nel mezzogiorno.

Grazie a queste nuove opere, aziende che operano al sud potranno andare in Europa, inserendosi nei grandi collegamenti est-ovest e verso il nord".La legge obiettivo sulle grandi opere e il 'gap' con il resto d'EuropaNel suo intervento Berlusconi ha difeso la legge obiettivo sulle grandi opere perché "renderà molto più veloci i tempi di una grande infrastruttura che, inserita in finanziaria riceverà la qualifica di 'strategica', e, come tale, potrà essere portata innanzi e nessuno potrà opporsi alla sua realizzazione ritardando i tempi di esecuzione: ci saranno sei mesi dopo l'accordo con le regioni per i progetti di massima e sette mesi per i progetti definitivi".Inoltre, con la nuova legge obiettivo, l'Italia potrà superare il gap e i ritardi nei confronti del resto dei paesi europei: "In Italia gli investimenti per le infrastrutture sono stati 200 mila miliardi di meno rispetto a quanto hanno fatto gli altri paesi"."Ora ci possiamo mettere nelle condizioni per recuperare questo ritardo.

Affrontiamo un nuovo grande sforzo per rendere tutta l'Italia più efficiente, più sicura, più europea".Dati sulla galleria Raticosa e sulla tratta Firenze - BolognaIl tunnel, lungo 10.367 metri, tocca i comuni di Monghidoro (Bo) e Fiorenzuola (Fi), attraversa le aree geologicamente più difficili dell'intero percorso e, innalzandosi fino a 413 metri sopra il livello del mare, raggiunge anche il punto più elevato del tracciato.

La galleria Radicosa è costata 530 degli 8150 miliardi dell'intera linea.Al completamento, mancano ora meno di 3 chilometri di scavo in direzione sud.

Lo stato di avanzamento dei lavori ha superato il 70% e sono state, inoltre, già completate le due "finestre" di accesso laterali.

La fase dei lavori conclusa oggi ha dovuto affrontare 5,5 chilometri di roccia molto varia dal punto di vista geologico.La tipologia del terreno ha richiesto l'impiego di sofisticati macchinari e particolari tecniche basate su continui interventi di consolidamento e rivestimento della sezione di scavo.

Il ritmo di avanzamento è stato di circa un metro e mezzo di galleria al giorno, con punte superiori ai due metri.Il rito del taglio della cravattaHa detto Berlusconi riguardo la cravatta: "Peccato, era una cravatta bellissima, non sapevo che sarebbe successo, tant'è vero che era bellissima, ma me la sarei messa anche se avessi saputo.

Ne ho sempre tante con me, ho molti appuntamenti.

Mi sembrava comunque doveroso piegarmi alle leggi che mi hanno detto essere di Santa Barbara (la patrona dei minatori, ndr), non potevo contraddirle".

leggi tutto

riduci

  • Leonardo Gori, direttore comunicazione RFI, illustra i lavori di scavo della galleria

    <br>Indice degli interventi
    0:00 Durata: 4 min 10 sec
  • Cerimonia abbattimento ultimo diaframma galleria: unione versanti emiliano e toscano

    0:04 Durata: 13 min 48 sec
  • Giancarlo Cimoli, Presidente FFSS

    0:17 Durata: 6 min 51 sec
  • Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio

    0:24 Durata: 14 min 26 sec
  • Leonardo Gori, cerimonia consegna targhe

    0:39 Durata: 2 min 57 sec
  • Leonardo Gori, presentazione conferenza stampa

    0:42 Durata: 50 sec
  • Giancarlo Cimoli, Mauro Moretti, amministratore delegato RFI, Roberto Renon, amministratore delegato TrenItalia

    <br>Risposte alle domande dei giornalisti
    0:43 Durata: 16 min 54 sec