05 DIC 2001

Israele subito nell'Ue: Capezzone a Vox Populi, rilancia la proposta radicale nel dibattito "Terrorismo in Israele e nel mondo"

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 24 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Al centro del dibattito la proposta dei radicali di far entrare Israele nell'Ue, la credibilità di Arafat, il problema dell'informazione e dei diritti umaniRoma, 5 dicembre 2001 - Nell'odierno dibattito di "Vox Populi" al teatro Flaiano si è discusso il tema "Terrorismo in Israele e nel mondo": ospiti, tra gli altri, Amos Radien, vice ambasciatore israeliano in Italia, e Daniele Capezzone, segretario dei Radicali italiani.Arafat non è più un interlocutore credibileA sostenere questa tesi è stato Amos Radien, che ha accusato Arafat di essere il responsabile del terrorismo che colpisce Israele: "Arafat ha il pieno controllo dei territori, anzi, dirige l'ondata di terrorismo"."Nel luglio 2000 - ha spiegato Radien - Arafat, non solo ha rigettato l'offerta di Barak, che prevedeva il 97 per cento dei territori ai palestinesi e la divisione di Gerusalemme, ma ha rifiutato di intavolare trattative e ha cominciato l'intifada"Secondo il vice ambasciatore, Arafat "non vuole e non può accettare" tre cose: "La fine del conflitto israelo-palestinese anche a nome degli altri stati arabi, la divisione di Gerusalemme e la rinuncia al 'diritto di ritorno'", l'entrata di 4 milioni di palestinesi in Israele, che Radien considera "il progetto palestinese di cancellazione di Israele".Daniele Capezzone ha concordato con Radien nel ritenere nulla la credibilità del leader dell'ANP: "Arafat può avere o meno il controllo dei territori, comunque non è più un interlocutore credibile".

Se non vuole fermare il terrorismo è un criminale con cui non si può trattare, se non può fermarlo non può prendere impegni che non può mantenere.Israele entri subito nell'UeE' Daniele Capezzone a rilanciare nel dibattito la proposta dei radicali: "Israele - ha spiegato - è l'unica democrazia dell'area mediorientale, una testa di ponte delle istituzioni liberaldemocratiche, una realtà che va potenziata e difesa"."La condizione di oasi felice, di isolamento, di Israele - ha aggiunto il segretario dei Radicali italiani - è insostenibile.

L'entrata di Israele nell'Ue costituirebbe un salto politico contro il terrorismo" perché "Onu e Ue si comporterebbero diversamente.

Da sola la violenza militare non basta, l'idealpolitik può essere più efficace e realistica della millantata concretezza delle cancellerie occidentali".I problemi dell'informazione e dei diritti umaniDaniele Capezzone ha anche attaccato duramente la "teleintifada" di Santoro e dell'informazione italiana sul M.O., dicendosi preoccupato per la presenza, in Italia, di una "monocultura antisraeliana, antioccidentale, che crea intere generazioni".Anche Miki Strangler ha parlato di disinformazione, sia di chi, "anche in Rai è, a prescindere, a favore dei palestinesi", sia dei giornalisti che incontrano "problemi tecnici oggettivi" nell'informare sulla crisi israelo-palestinese."Nei territori i cameramen ebrei - ha denunciato Sprangler - vengono minacciati, così i giornalisti possono avvalersi solo di troupe palestinesi"."Quando avvengono degli attentati - ha ricordato - nei territori controllati da Arafat si festeggia ma di questo non si può vedere niente"Secondo Capezzone ciò rientra nel più ampio tema dei "diritti dei palestinesi a casa loro", diritti umani costantemente violati dalla ANP e "non solo, come fa apprire l'informazione, quando Israele attacca""Il problema grave - ha accusato Capezzone - riguarda l'Onu, da dove ormai partono risoluzioni che accusano solo Israele e non Arafat".

"Particolarmente preoccupante - ha affermato - la conferenza di Durban sul razzismo, dove paesi non democratici e senza rispetto per i diritti umani hanno 'democraticamente' messo in minoranza i paesi democratici.

leggi tutto

riduci

  • Arturo Diaconale, introduce il tema e gli ospiti

    <br>Indice degli interventi
    0:00 Durata: 5 min 22 sec
  • Amos Radien, vice ambasciatore israeliano in Italia, "Arafat responsabile del terrorismo"

    0:05 Durata: 13 min 31 sec
  • Daniele Capezzone, segretario Radicali Italiani, "Arafat non più credibile"

    0:18 Durata: 8 min 25 sec
  • Miki Strangler, rappresentante comunità ebraica, sulla disinformazione nei territori

    0:27 Durata: 7 min 53 sec
  • Daniele Capezzone, "I diritti del popolo palestinese"

    0:35 Durata: 3 min 46 sec
  • Amos Radien, su disinformazione e diritti umani

    0:38 Durata: 4 min 11 sec
  • Dimitri Buffa, giornalista, rappresentante Associazione Italia-Israele

    0:43 Durata: 4 min 28 sec
  • Amos Radien

    0:47 Durata: 7 min 5 sec
  • Daniele Capezzone e Amos Radien sulla proposta di entrata di Israele in Ue

    0:54 Durata: 9 min 6 sec
  • Amos Radien, Daniele Capezzone, Miki Strangler

    1:03 Durata: 4 min 56 sec
  • Palazzi, su Islam e questione israelo-palestinese

    1:08 Durata: 15 min 29 sec