03 GEN 2002

BCE: Conferenza stampa di Duisenberg su andamento dell'Euro e prospettive di ripresa economica (con Solbes, Rato, Noyer)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 54 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "BCE: Conferenza stampa di Duisenberg su andamento dell'Euro e prospettive di ripresa economica (con Solbes, Rato, Noyer)", registrato giovedì 3 gennaio 2002 alle 00:00.

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Europa.

La registrazione video ha una durata di 1 ora e 54 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Willem F. Duisenberg, Presidente BCE, introduce

    <br>Indice degli interventi
    0:00 Durata: 1 min 11 sec
  • Tutta la Conferenza stampa di Duisenberg, Solbes e Rato (in lingua originale)

    <strong>Duisenberg invita i governi a "proseguire con forza sulla strada delle riforme", ritiene "gratificante" l'andamento dell'Euro, "appropriato" il livello dei tassi d'interesse. Graduale ripresa dell'economia prevista nel 2002</strong><p>Francoforte, 3 gennaio 2002 - A seguito della riunione odierna del consiglio dei governatori della Bce si sono svolte due Conferenze stampa. Nella prima sono intervenuti, oltre a Wim Duisenberg, presidente della BCE, Pedro Solbes, della Commissione europea, e Rodrigo Rato, presidente del Consiglio ECOFIN.<p>Nella seconda, il governatore della Banca centrale è stato affiancato da Christian Noyer, vicepresidente della BCE.<p><strong>Soddisfazione per l'andamento dell'Euro</strong><p>Wim Duisenberg ha definito "gratificante" l'andamento dell'Euro in questi primi giorni. Dopo il suo debutto effettivo sui mercati internazionali, la moneta unica ha recuperato sul dollaro.<p>Tuttavia il presidente della BCE ha auspicato che l'analogia con i primi mesi del '99 non sia totale, visto che allora, dopo un momento di euforia, la moneta aveva iniziato a perdere: "Sarei sorpreso - ha confessato - se avvenisse la stessa cosa".<p>Secondo Duisenberg inoltre, "il cambio di questi ultimi giorni dimostra ciò che abbiamo sempre detto, cioè che l'Euro ha potenziale di apprezzamento nei confronti del dollaro".<p><strong>Successo dell'introduzione di monete e banconote in Euro</strong><p>Riguardo l'introduzione fisica di monete e banconote in Euro, "la situazione - ha detto - sta progredendo in modo molto fluido, persino al di là delle nostre aspettative. Oggi possiamo vedere che i nostri sforzi e quelli di tutti gli attori coinvolti non sono stati inutili".<p>"Per questo - ha aggiunto - esprimo la mia gratitudine alla comunità bancaria ed al settore del commercio al dettaglio e ringrazio i cittadini europei per aver colto l'opportunità di giocare un ruolo attivo nel changeover".<p><strong>Graduale ripresa dell'economia nel corso del 2002</strong><p>"L'andamento dell'economia - ha spiegato Duisenberg - rimarrà debole all'inizio del 2002, ma - ha precisato - ci sono segnali di una graduale ripresa" prevista nel corso dell'anno.<p>Secondo il presidente della BCE il calo dell'inflazione spingerà la domanda. "Certo - ha avvertito - l'incertezza sugli sviluppi internazionali, in particolare sull'andamento dell'economia statunitense, rendono la mia fiducia maggiormente esposta al rischio".<p><strong>Proseguire con le riforme strutturali</strong><p>Ancora una volta Duisenberg ha esortato i governi dell'area Euro a "proseguire con forza sulla strada delle riforme strutturali: ci sono stati alcuni progressi ma non sufficienti".<p>"E' necessario, tra le altre cose, - ha sottolineato - creare le condizioni per una riduzione della pressione fiscale".<p>"Anche la moderazione salariale - ha aggiunto - resta un aspetto particolarmente importante", mentre ha espresso qualche preoccupazione per le trattative in corso per i rinnovi contrattuali.<p><strong>Tassi d'interesse appropriati</strong><p>Duisenberg si è anche soffermato sui tassi d'interesse, definendo l'attuale livello del 3,25% "appropriato per il mantenimento della stabilità dei prezzi nel medio termine".<p><strong>Il peso internazionale dell'Euro</strong><p>Rispondendo a una domanda sulle possibilità che l'Euro sostituisca il dollaro come valuta di pagamento internazionale, il presidente della BCE ha sottolineato che "l'utilizzo dell'Euro come moneta di riserva sta aumentando, ma molto lentamente, non è un obiettivo che perseguiamo, lasciamo solo che accada".<p>Tuttavia ha tenuto a far notare come più di 50 paesi allineano ormai la loro valuta all'Euro e che la Bce ha fornito la nuova moneta a oltre 20 banche centrali non europee.<p>Sullo stesso argomento il vicepresidente della Bce, Charles Noyer: "Ci aspettiamo che avvenga, c'è un chiaro consolidamento in termini di utilizzo dell'Euro come moneta di riferimento. Ma è qualcosa che richiede molto tempo, ci sono voluti decenni perché il dollaro soppiantasse la sterlina".<p>Duisenberg poi non ha rivelato se la Bce in questi giorni sia intervenuta sul mercato per sostenere la quotazione della moneta unica: "Sono - ha risposto - cose che si dicono solo a posteriori".<p><strong>Il primo pilastro della politica monetaria</strong><p>Riguardo il primo pilastro della politica monetaria, il banchiere olandese ha ribadito che la crescita dell'indice M3 (+7,4% la media a tre mesi del periodo settembre-novembre) è causata dalla preferenza degli investitori per strumenti liquidi in un contesto economico con un elevato livello di incertezza.<p>Dunque, ha assicurato che dovrebbe rimanere un fenomeno temporaneo, che non comporta una ripresa dell'inflazione.<p><strong>Il secondo pilastro della politica monetaria</strong><p>Riguardo il secondo pilastro Duisenberg ha sottolineato che "ci sono segnali di un graduale recupero dell'economia nel corso dell'anno, come risulta dall'andamento dei mercati finanziari e dai dati più recenti che indicano come il declino della fiducia dei consumatori abbia toccato il fondo".<p>Ha infine spiegato che le condizioni di finanziamento sono molto favorevoli e le aspettative di un calo dell'inflazione sotto il 2% faranno crescere i redditi, i quali andranno ad alimentare la domanda interna.
    0:00 Durata: 31 min 25 sec
  • Rodrigo Rato, Presidente Consiglio ECOFIN

    0:01 Durata: 6 min 8 sec
  • Pedro Solbes, Commissione europea

    0:07 Durata: 4 min 38 sec
  • Willem F. Duisenberg, Presidente BCE

    0:11 Durata: 5 min 32 sec
  • Risposte alle domande dei giornalisti

    0:17 Durata: 13 min 56 sec
  • Willem F. Duisenberg, Presidente BCE

    <br>Indice degli interventi
    0:31 Durata: 9 min 11 sec
  • Tutta la Conferenza stampa di Duisenberg e Noyer (in lingua originale)

    <p>
    0:31 Durata: 26 min 10 sec
  • Risposte alle domande dei giornalisti

    0:40 Durata: 16 min 36 sec