07 APR 2002

DS: Assemblea costitutiva dell'Associazione politica e culturale 'Aprile. Per la Sinistra'

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 4 ore 22 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Nasce ‘Aprile’, associazione espressa dal correntone, con l’intento di aprire il dialogo tra Ds, i girotondini e i no globalRoma, 7 aprile 2002 – Il cosiddetto ‘correntone’, dà vita all’associazione “Aprile, per la sinistra”, interna ai Democratici di Sinistra.

Un'associazione di “frontiera”, secondo quanto hanno spiegato Berlinguer e Fassino, che getti un ponte tra i Ds e le altre formazioni di sinistra, compresa Rifondazione e l'Italia dei valori di Di Pietro, e che faccia da raccordo tra la Quercia e i movimenti come i cosiddetti 'girotondi' e i no
global.All'assemblea costitutiva svoltasi al Teatro Eliseo, tra gli altri, hanno partecipato Vincenzo Vita, Giovanni Berlinguer, Giovanna Melandri, Cesare Salvi, Piero Fassino, Antonio Di Pietro, Alfonso Pecoraro Scanio, Marco Rizzo, Dario Franceschini, Achille Occhetto, Francesco 'pancho' Pardi.Unire l’opposizioneLavorare per unire l'opposizione e allargare l'Ulivo, sgomberando il campo da qualsiasi ipotesi di scissione, queste le parole d’ordine che Giovanni Berlinguer usa nel corso della sua relazione introduttiva.

Aprile sarà utile “per rendere più forti e più uniti i Ds estendendo i rapporti con i protagonisti del risveglio democratico di questi mesi.”Proprio nel rapporto coi movimenti Berlinguer chiede alla sinistra parlamentare di abbandonare la “vecchia idea totalizzante dei partiti”, secondo la quale “la politica la fanno i politici”.

Oggi, prosegue Berlinguer, “c’è più partecipazione e i movimenti stessi sono politica anche se non tutta la politica” e “i partiti non hanno più il monopolio”.

Prendendo spunto da quanto detto da Bertinotti a Rimini, Berlinguer chiede quindi ai Ds la massima “Disponibilità ad ascoltare”.Superare PesaroDemocratici di Sinistra che devono guardarsi tra l’altro dal rischio che “le correnti si trasformino in lotta interna”, superando “gli schieramenti del congresso senza ostracismi, e creare canali aperti all’esterno anche a chi non voglia aderire subito”.“Il contributo di una associazione come Aprile può essere molto importante.

Si tratta di un importante apporto a costruire un partito pluralista e unito, fondato sul riconoscimento della differenza”.

Così Piero Fassino accoglie la nascita della nuova associazione del correntone.Segretario di tuttiFassino giudica inoltre con favore il fatto di “non proseguire” nel conflitto tra le mozioni congressuali, anche perché “il congresso è finito per tutti, anche per il segretario, che è il segretario di tutti i Ds”Di qui occorre ripartire per “riorganizzare il campo dell’opposizione”, per “ritrovare un rapporto di relazione con la società e a ciò che chiede rappresentanza” e rispondere alla “domanda di unità” che viene da tutte le manifestazioni da gennaio in poi.

leggi tutto

riduci