29 APR 2002

Radicali: Conversazione settimanale con Marco Pannella, Noi, l'alternativa al nuovo fascio di Borrelli e Cofferati

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 44 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Dalla vicenda della Consulta allo scontro a Napoli tra polizia e magistratura, tutto è frutto di un 'regime anti-legale', di 'corpi traditori dello Stato di diritto'.

E contro il 'nuovo fascio' di Cofferati e Borrelli, 'occorre dare molta più forza all'alternativa radicale'Roma, 29 aprile 2002 - Marco Pannella, in collegamento telefonico con gli studi di Radio Radicale ha ribadito la necessità della crescita del satyagraha radicale.

Per contrastare quel "partito dei giudici, di Borrelli, eversore e corrotto, traditore del diritto" e il 'blocco sociale' del regime che, per cacciare
Berlusconi, si sta riorganizzando in un 'nuovo fascio' intorno a Cofferati e Borrelli, l'unico modo è "dare molta più forza all'alternativa radicale".Duro il giudizio di Pannella sugli arresti a Napoli di poliziotti accusati di aver compiuto abusi e violenze su alcuni giovani manifestanti no-global: "Il corpo eversore e corrotto del partito dei giudici di Borrelli - definito dal leader radicale l''erede di Carmelo Spagnolo' - e dei 'caselliani' di Palermo è distruttore dello stato di diritto.

Di che ci si meraviglia, quando questo accade in un altro corpo, un corpo massacrato dalla magistratura, a cui è stata tolta la cultura delle indagini, della ricerca?".I corpi traditori dello stato di dirittoQuindi, secondo Pannella, "i corpi traditori dello stato di diritto hanno in mano la situazione e la mandano in malora, lo Stato è impazzito.

Il centrosinistra - ha ricordato - non disse nulla degli eventi di Napoli, né come crimine organizzato di piazza, né come crimime della polizia; e adesso colpa è di Berlusconi"."Io - ha affermato - sono con la base della polizia rispetto a Borrelli e a Cordova, dal punto di vista sociale, perché il processo di proletarizzazione gli ha tolto le funzioni, la cultura e si tratta di una rivolta, non neofascista del Csm, di Caselli e Borrelli, ma popolare.

Ma - ha avvertito Pannella - occorre mutare questa realtà non contemplarla, occorre una rivoluzione liberale, passare (il partito Radicali italiani, ndr) dai mille a decine di migliaia di iscritti, perché significa poter essere raggiunti da informazioni essenziali".Il prodotto della procura del caso Tortora"La situazione dei poliziotti, con le loro solidarietà criminali, sono il prodotto della magistratura napoletana del tempo di Tortora di prima e di dopo, del giornalismo napoletano di prima e di dopo.

Nella procura, nella polizia, regna sovrano il disfacimento borbonico".Un nuovo 'fascio di forze intorno a Cofferati e Borrelli'Il leader radicale ha quindi descritto lo scenario politico di questo periodo: "Il regime, salvato da Berlusconi, uomo della provvidenza, torna a preparare la vittoria interna contro Berlusconi stesso.

E' sempre più probabile - ha spiegato - che un nuovo fascio di forze si stia organizzando, trovando in Cofferati e Borrelli due connotati di classe, conservatori, giacobini, in linea con uno Stato partitocratico antilegale.

Forze più egemoni rispetto a quelle berlusconiane, il blocco storico dominante da 80 anni, sta cercando di protrarsi"."E' probabile - ha aggiunto - che forze economiche e sociali burocratiche" formino "un possentissimo schieramento", "rappresentano forze sociali profondamente antidemocratiche e rischiano di stare al futuro, al nuovo ordine italiano, come nel '13 e '14 c'era il socialista Benito Mussolini, con gli stessi tipi di aggregazione di classi, cultura e retrocultura.

Questo sarà battuto solo se si organizza con grande forza l'alternativa radicalemnte liberale".L'alternativa radicale ha bisogno di molta più forza"Da un lato, Berlusconi, salvatore del regime, dalla gestione velleitaria, un elemento interno che non garantisce quote adeguate nella spartizione" a "questa mafia di potere che si sta ricreando: Romiti, l'editoria, i sindacati, la Rai di Biagi e Santoro, Borrelli.

L'alternativa nostra avrebbe bisogno di molta più forza, non so se l'avremo, ma non vedo alternativa".Pannella ha sottolineato le "capacità goebbelsiane" di questo "esercito", "impossessandosi il venerdì delle battaglie radicali".

Quando protestano per la libertà dell'informazione, "i girotontisti, brave persone, sono cieche e incapaci di intendere e volere, che la corrazzata regime c'è da 40 anni e continua proprio con gli 'Sciuscià' e i Biagi".

"Uomini e donne di questo paese - ha ribadito - hanno bisogno della nostra alternativa radicale".Far crescere il satyagrahaPannella ha quindi riaffermato le necessità di far crescere il satyagraha con nuove iniziative e ha spiegato come i radicali siano consapevoli che "andare contro corrente è miracolosamente possibile, ma basta un momento di umana stanchezza per ritrovarsi chilometri indietro".

Il leader radicale ha concluso parlando delle prossime e immediate scadenze: garantire la presentazione in Parlamento delle 25 proposte di legge, far crescere il satyagraha, la cui sospensione serve "per andare oltre i 4 mila partecipanti", il Tribunale penale internazionale, l'incontro "necessario" con il Presidente della Repubblica, uno degli obiettivi del satyagraha è proprio un messaggio di Ciampi alle Camere.

leggi tutto

riduci

  • Lo scenario politico: Il 'nuovo fascio di forze si sta organizzando intorno a Cofferati e Borrelli' e 'l'alternativa radicale'

    <br>Indice degli argomenti
    0:00 Durata: 8 min 30 sec
  • Berlusconi 'uomo della provvidenza', ma non è abbastanza potente

    0:08 Durata: 3 min 6 sec
  • L'alternativa nonviolenta avrebbe bisogno di molta più forza

    0:11 Durata: 1 min 30 sec
  • Lo Stato 'in disfacimento': Gli arresti di Napoli, Borrelli

    0:13 Durata: 4 min 5 sec
  • 'Un esercito dalle forti capacità goebbelsiane'

    0:17 Durata: 2 min 27 sec
  • 'Etnia burocratica', la 'necessità estrema della nostra alternativa allo sfacelo'

    0:19 Durata: 2 min 55 sec
  • Gli arresti a Napoli: 'I corpi traditori dello stato di diritto', 'gli stessi attori del caso Tortora'

    0:22 Durata: 5 min 24 sec
  • Quello che Berlusconi avrebbe potuto essere nel '94 e non è stato

    0:27 Durata: 2 min 48 sec
  • Il satyagraha; 'Occorre la rivoluzione liberale'

    0:30 Durata: 2 min 30 sec
  • 'Berlusconi costretto a cose non dignitose'

    0:33 Durata: 2 min 26 sec
  • 'Basta un momento di umana stanchezza per ritrovarsi chilometri indietro'

    0:35 Durata: 2 min 41 sec
  • 'Satyagraha occasione di espressione alla maggioranza che sente la necessità di riforme'; Il preambolo allo Statuto

    0:38 Durata: 6 min 3 sec
  • Lo strumento del satyagraha

    0:44 Durata: 4 min 47 sec
  • L'involuzione partitocratica antiliberale e antidemocratica

    0:49 Durata: 1 min 42 sec
  • Iniziative per far crescere il satyagraha

    0:50 Durata: 5 min 56 sec
  • La situazione a Napoli

    0:56 Durata: 1 min 55 sec
  • Lo scontro polizia-magistratura a Napoli: 'Il corpo eversore e corrotto del partito dei giudici'

    0:58 Durata: 14 min 6 sec
  • Eutanasia, pedofilia, antiproibizionismo

    1:12 Durata: 11 min 33 sec
  • L'Iraq di Saddam Hussein

    1:24 Durata: 4 min 43 sec
  • La libera vendita delle armi

    1:29 Durata: 5 min 43 sec
  • Le accuse della sinistra a Berlusconi sulla riforma dei codici

    1:34 Durata: 5 min 17 sec
  • Prossime immediate scadenze: le iscrizioni, presentazione delle 25 pdl, la crescita del satyagraha, il Tribunale penale internazionale, incontro con Ciampi

    1:40 Durata: 4 min 12 sec