15 MAG 2002
intervista

Plenum Camera: Radicali contro il nuovo rinvio, «Legalità subordinata all'accordo tra i partiti»

INTERVISTA | - 00:00 Durata: 5 min 53 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Mentre prosegue 'il richiamo di legalità' del satyagraha radicale, la Giunta lascia la decisione sui seggi vacanti a un accordo tra i capigruppo.

Capezzone denuncia 'il rinvio a tempo indeterminato' che porterà al 'papocchio' dei partitiRoma, 15 maggio 2002 - Il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini ha convocato oggi una riunione informale dei capigruppo per fare il punto sui 12 seggi vacanti alla Camera dei Deputati.

I presidenti dei gruppi parlamentari hanno deciso di aprire un'istruttoria per trovare un'intesa comune anziché arrivare ad un voto contrapposto.

L'intenzione sembra
sia quella di arrivare ad un'assegnazione dei seggi.Dunque il Presidente della Camera Casini ha proposto al presidente della Giunta per le elezioni Antonello Soro (Marcgherita) di sospendere l'esame della questione in giunta fino a quando non gli comunicherà che i capigruppo hanno pronta una soluzione.

Il presidente Soro è stato intervistato da Radio Radicale.La Giunta interverrà ad accordo prontoSoro a rivelato che "dopo un anno di vacanza nei loro compiti da parte della Giunta e della Camera nella sua interezza, dovuta ad una diversa valutazione nel merito delle norme per la trasformazione dei voti in seggi, la contestazione da parte della maggioranza che non riconosce la validità a quelle norme, è impossibile trovare criteri condivisi e i capigruppo, in riunione informale con Casini, si sono assunta la responsabilità di trovare una soluzione chiedendo alla Giunta di soprassedere dal voto"."Io personalmente - ha aggiunto - credo indispensabile fare presto e dare una risposta, ma è impossibile modificare le regole a elezioni già svolte.

Se i capigruppo e la presidenza suggeriranno soluzioni utili, - ha concluso - ciò sarà apprezzato dalla Giunta e tradotto in decisione, riprenderemo il problema non appena sarà trovata una soluzione unitaria".Capezzone, un comportamento indecenteLa Giunta ha quindi rinunciato a prendere una decisione demandando il compito ad un accordo tra i partiti.

Il segretario dei Radicali italiani Daniele Capezzone ha manifestato tutta la sua contrarietà: "Se trovassero conferma le voci di rinvio a tempo indeterminato della soluzione del problema dei 13 seggi mancanti, ci troveremmo dinanzi ad un comportamento indecente"."Solo indecente, infatti, - ha spiegato - può esser definita la scelta di subordinare il ripristino della legalità Costituzionale alla avvenuta intesa tra i partiti su un papocchio a loro gradito.

Spero - ha concluso - che non si voglia offendere in questo modo il richiamo di civiltà, oltre che di legalità, che continua a venire dalle carceri italiane".

leggi tutto

riduci

  • Intervista ad Antonello Soro, presidente Giunta per le elezioni

    0:00 Durata: 5 min 53 sec