24 MAG 2002

Usa-Russia: Bush e Putin firmano il Trattato di Mosca, ridotte di 2/3 in dieci anni le testate nucleari

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 38 min 32 sec

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Firmato il 'Trattato di Mosca' Usa-Russia sulla riduzione delle testate nucleari: 2/3 in dieci anni.

Tema centrale dell'incontro Bush-Putin il terrorismo: la minaccia dell'Iraq e le rassicurazioni di Putin sui rapporti con l'IranRoma, 24 maggio 2002 - Da oggi è un pò più vicina la fine definitiva della Guerra fredda, fine che sarà sancita il 28 maggio a Roma con lo storico accordo Nato-Russia.

Con questo trattato, il più grande mai firmato dai due paesi per la riduzione degli arsenali atomici, gli armamenti nucleari strategici saranno ridotti in dieci anni dai 6-7 mila attuali a
1.700-2.200.Bush, un giorno storico per il mondo"E' una giornata storica per i nostri due Paesi, è una giornata storica per il mondo", con queste parole il Presidente americano George W.

Bush ha aperto la Conferenza stampa seguita alla firma.

Il Trattato, ha proseguito, "significa che siamo amici e che abbiamo lasciato da parte i reciproci dubbi e sospetti".

Bush ha detto che Usa e Russia sono impegnate a combattere insieme il terrorismo e riconoscono che il pericolo maggiore è quello delle armi di distruzione di massa, con particolare riferimento all'Iraq e all'Iran.Il Presidente Usa ha quindi espresso "compiacimento" per le relazioni tra Usa e Russia e "fiducia" che "lavorando insieme possiamo rendere il Mondo un posto più sicuro e vincere la prima guerra del nuovo secolo, quella contro il terrorismo".

Bush ha avuto parole di vivo apprezzamento personale per il presidente russo Vladimir Putin e ha prospettato nuove forme di cooperazione fra i due Paesi, in particolare nel campo dell'energia.Putin, insieme contro il maleRiguardo la minaccia del terrorismo, piena sintonia con Bush da parte del presidente russo Vladimir Putin, che ha affermato che Mosca e Washington condurranno "una lotta congiunta contro il male.

Siamo insieme contro le minacce e le sfide globali e per un nuovo ordine mondiale nell'interesse di tutto il mondo civile.

Il terrorismo - ha insistito - va combattuto insieme, come il nazismo 60 anni fa".Putin ha aggiunto di avere concordato con Bush di trasformare il "gruppo di lavoro sull'Afghanistan in una struttura per combattere il terrorismo.

L'obiettivo dei due paesi sarà in particolare di far fronte alle minacce del terrorismo nucleare, chimico e biologico".Mosca preferisce la distruzione delle testateRiguardo invece più nello specifico il Trattato firmato oggi, Bush ha sottolineato come costituisca "un enorme progresso rispetto al passato", sostenendo però che i due Paesi devono mantenere una capacità di dissuasione, il numero delle testate nucleari rimarrà infatti tra le 1.700 e le 2.200, perché "chi sa quali saranno le minacce del futuro e chi sa come la penseranno i presidenti del futuro".Putin ha dichiarato di preferire la distruzione delle testate nucleari strategiche, che invece Washington vuole in parte 'stoccare'.

Tuttavia, il Presidente russo ha aggiunto che anche lo stoccaggio è già un passo importante in avanti poiché "chiunque abbia maneggiato un'arma sa che è molto più sicuro tenere conservate armi scariche, invece che cariche e con il dito sul grilletto".Firmate altre sei dichiarazioni congiunteI presidenti di Russia e Usa, hanno firmato oggi anche sei dichiarazioni congiunte, quella prevista sulla stabilità strategica che accompagna il Trattato e altre cinque specifiche: sulla lotta al terrorismo, sulla cooperazione bilaterale economica, sulla cooperazione energetico-petrolifera, sulla circolazione delle persone e sul Medio Oriente.Usa e Russia non più nemici, ma partner per la stabilitàNella dichiarazione sulla stabilità strategica si proclama solennemente che "l'epoca in cui la Russia e gli Usa si vedevano come nemici e rappresentavano una rispettiva minaccia strategica è finita.

Ora siamo partner e collaboreremo per promuovere la stabilità, la sicurezza e l'integrazione economica, per far fronte insieme alle sfide globali e per favorire la soluzione dei conflitti regionali".I rapporti Russia IranUsa e Russia, ha detto Bush, "lavoreranno insieme" per risolvere i loro contrasti sull'aiuto che Mosca dà a Teheran per produrre impianti nucleari civili.

Il problema delle relazioni tra Russia e Iran è stato discusso nel contesto del richio che armi di distruzione di massa cadano nelle mani dei terroristi.

Rispondendo a una domanda, Bush ha confermato di "essere preoccupato per l'Iran" e ha espresso fiducia che il presidente Putin "comprenda la minaccia, ne abbiamo parlato con molta onestà e franchezza".Putin ha concordato sulla valutazione della minaccia: "Il problema della non proliferazione è un problema chiave", ma, sulla cooperazione tra Russia e Iran, ha assicurato che essa non deve preoccupare dal punto di vista della proliferazione, perché "è essenzialmente di natura economica", ha ricordato che gli Stati Uniti si sono impegnati a costruire centrali nucleari nella Corea del Nord e che è necessario parlare anche dei programmi di riarmo di TaiwanPutin ha aggiunto che la Russia ha informazioni, e prove che può mettere a disposizione di chiunque, secondo cui i programmi missilistici e le capacità nucleari iraniane, e di altri paesi, si fondano sopratutto su "tecnologie fornite da compagnie occidentali".L'Iraq, il Medio oriente, i BalcaniRiguardo la minaccia rappresentata dall'Iraq di Saddam Hussein, Stati Uniti e Russia continueranno "il dialogo costruttivo", si legge nella dichiarazione strategica firmata oggi.

I due paesi proseguiranno "le discussioni bilaterali" relative al meccanismo delle sanzioni contro Baghdad.

Anche sul Medio Oriente proseguiranno "gli sforzi comuni e paralleli per superare la crisi" e sui Balcani per favorire "la stabilità a lungo termine sulla base del rispetto della sovranità e integrità territoriale" degli stati della regione.Stabilità e integrità in CaucasoNella dichiarazione viene rinnovato l'impegno a rafforzare la cooperazione russo-americana sia a livello bilaterale sia in sede multilaterale.

Il nuovo accordo Russia-Nato, che sarà firmato in Italia martedì prossimo, è presentato come un'alleanza tra "partner uguali" impegnati in particolare nella lotta contro "il terrorismo, l'instabilità regionale e altre sfide attuali".Viene inoltre ribadito l'impegno congiunto di Russia e Usa per la ricostruzione dell'Afghanistan e il riconoscimento dei reciproci interessi per "favorire la stabilità, il rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale nell'Asia centrale e nel Caucaso", dichiarazione che chiude, per entrambi i paesi, a qualsiasi idea di secessione della Cecenia dalla Russia, questione per la quale però Bush ha auspicato "un regolamento politico".

Riaffermato anche l'impegno a coordinare gli sforzi contro il crimine organizzato e il traffico di droga, per far fronte a problemi come la diffusione dell'aids e di altri malattie e per sviluppare la cooperazione tecnico-scientifica.In una dichiarazione alla stampa, il presidente americano ha sollecitato il Congresso a rimuovere alcune limitazioni agli scambi russo-americani, che risalgono al cosiddetto emendamento Jackson-Vanik del 1974.

Bush ha detto di accogliere con favore gi elementi di libertà introdotti nella società russa post-comunista, incluse le libertà per gli ebrei, le cui carenze erano all'origine dell'emendamento.

In seguito a queste libertà, sono determinato a lavorare con il Congresso per togliere la Russia dall'emendamento.

E' ora che il Congresso agisca", ha detto.

leggi tutto

riduci

  • I Presidenti di Usa e Russia firmano il Trattato di Mosca e sei dichiarazioni congiunte

    <br>Indice
    0:00 Durata: 3 min 15 sec
  • Discorso del Presidente Usa George W. Bush

    <br>Conferenza stampa<p>
    0:03 Durata: 6 min 57 sec
  • Discorso del Presidente russo Vladimir Putin

    0:10 Durata: 7 min 6 sec
  • Il numero delle testate nucleari rimarrà tra 1.700 e2.200: i due Paesi devono mantenere capacità di dissuasione

    <br>Risposte alle domande dei giornalisti<p>
    0:17 Durata: 5 min 2 sec
  • I rapporti commerciali, l'emendamento Jackson-Vanik, l'ingresso della Russia nel Wto

    0:22 Durata: 6 min 10 sec
  • I rapporti Russia-Iran

    0:28 Durata: 4 min 38 sec
  • Le nuove relazioni Usa-Russia: partner uguali

    0:33 Durata: 5 min 24 sec