01 LUG 2002

Plenum Camera: Pannella, Chiediamo solo il rispetto della legge (Conferenza stampa a Montecitorio alla 13a ora di sciopero della sete)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 1 ora 17 min
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Domani l'incontro con Ciampi: al Presidente chiederà di fare ciò che deve, garantire il rispetto della Costituzione.

Alle carceri: Suonate sulle sbarre un concerto di speranza e di dirittoRoma, 1 luglio 2002 - "Quando dai massimi palazzi del potere, continua a venire la dimostrazione che le leggi non vengono mai rispettate come volete che si spieghino ai nonni, ai figli o ai nipoti che esistono delle leggi e che giuste o ingiuste che siano vanno rispettate?".

Con queste parole Marco Pannella torna a spiegare il senso della azione nonviolenta che lo vede impegnato in un nuovo drammatico
sciopero della sete, iniziato - al momento in cui si svolge la conferenza stampa - da quasi 13 ore, nell'ambito di un Satyagraha che dura da 80 giorni.   "Chiediamo - ha spiegato Pannella - che venga interrotta la situazione palese di flagrante violazione e annientamento di alcune disposizioni fondamentali della Costituzione e della legge.

Chiediamo che la Costituzione cessi di essere, per il Presidente della Repubblica, Per i Presidenti delle Camere, per le Camere, un optional da rispettare solo quando fa comodo".

Si tratta - ha aggiunto - "che ci venga assicurato entro quale giorno la Camera sarà chiamata ad esprimere il voto utile sui 13 seggi vacanti e il Parlamento sui membri laici del Csm".

Nell carceri suonino le "campane" del Satyagraha radicale Il leader radicale è accompagnato da quasi un centinaio di altri cittadini che hanno aderito con almeno un giorno di sciopero della sete nella due giorni di "sete e fame di diritto, di giustizia, per la legalità", che si aggiungono ai seimila cittadini che hanno aderito al Satyagraha dal suo inizio, di cui oltre 3000 dalle carceri italiane.

Proprio ai detenuti Pannella è tornato a rivolgersi chiedendo che alle nove di stasera e dell'indomani in tutte le carceri italiane si possano udire dei colpi sulle sbarre per suonare "un quarto d'ora di concerto di speranza", perchè "così noi suoniamo le nostre campane".

Rai oltre ogni limite del peggio In esordio, però, Pannella ha annunciato di voler chiedere un incontro con il presidente ed i vertici della Rai, perchè - ha denunciato "stiamo andando oltre i limiti delle peggiori situazioni dell'informazione del servizio pubblico".

Il leader radicale ha fornito un ulteriore elemento della vicenda della mancata trasmissione degli spazi autogestiti previsti per legge, rispetto ai quali i radicali hanno già avviato una serie di azioni giudiziarie.

La novità è costitutita dal fatto che il radicali erano stati finalmente chiamati a registrare un messaggio radiofonico di novanta secondi, ma - ha rivelato Pannella - "lo avrei dovuto fare senza sapere quando sarebbe stata trasmessa".

In queste condizioni Pannella ha deciso di non registrare la trasmissione intimando alla rai di trasmettere 90 secondi di silezio, minacciando iniziative legali in caso di ulteriore mancata ottemperanza.

I cittadini devono ignorare cosa dice la legge L'accusa del leader radicale nei confronti del servizio pubblico, ma più in generale con il sistema dell'informazione nel suo complesso è quella di impedire ai cittadini di conoscere le gravi questioni che i radicali sottopongono all'attenzione dell'opinione pubblica.

"Se la legalità è viva - ha affermato Pannella - e loro (le istituzioni, ndr) devono tradirla sempre, è bene che la gente ignori cosa dice la legge".

L'incontro con Ciampi Pannella ha poi confermato che domani vi sarà l'incontro con Ciampi, al quale - ha precisato rispondendo ad una domanda della stampa - chiederà di "garantire al Csm e alla Camera il funzionamento secondo Costituzione" e gli tornerà a sottolineare la necessità di mandare un messaggio alle Camere, per evitarne il rischio di desuetudine.

Altrimenti - ha aggiunto - "gli chiederò se si rende conto che siamo costretti a rischiare di crepare, per mandarli noi, con i nostri corpi".

In tal senso, il leader radicale ha nuovamente apprezzato la vignetta di Forattini che mostra la forza della lotta radicale, nell'alternativa che pone al potere: "O ci fanno davvero tutti presidenti della Repubblica, o ci fanno morire".

"Credo - ha aggiunto - che la loro scelta sia chiara: loro fanno morire la legalità, e se davvero noi diamo corpo alla legalità è chiaro che loro devono regolare i conti con noi che rappresentiamo l'alternativa"."Noi a questo - ha concluso Panella - siamo pronti".

leggi tutto

riduci

  • Daniele Capezzone, sui numeri del Satyagraha

    <br>Indice
    0:00 Durata: 5 min 31 sec
  • Pannella alla Rai: "Stiamo andando oltre i limiti delle peggiori situazioni"

    <br>Indice degli argomenti delle dichiarazioni di Pannella
    0:05 Durata: 3 min 11 sec
  • Marco Pannella

    0:05 Durata: 35 min 59 sec
  • "Gli italiani non devono sapere"

    0:08 Durata: 1 min 17 sec
  • "La premiata sartoria Enzo Biagi"

    0:09 Durata: 1 min 45 sec
  • Biagi, Vespa e Santoro uniti nel teppismo anti-informativo

    0:11 Durata: 45 sec
  • La giurisdizione è un'industria di produzione ed incoraggiamento della distruzione del diritto

    0:12 Durata: 21 sec
  • Noi non protestiamo, siamo l'unico partito legislatore d'Italia

    0:12 Durata: 2 min 28 sec
  • Se avessimo potuto fare le nostre grandi riforme

    0:15 Durata: 2 min 52 sec
  • Gli obiettivi del Satyagraha: Interrompere la flagranza della violazione della legge

    0:18 Durata: 4 min 38 sec
  • Difendiamo il principio di legalità

    0:22 Durata: 1 min 2 sec
  • La lobby pedofila? Forse saranno potenti del Vaticano

    0:23 Durata: 1 min 45 sec
  • Per consentire l'illegalità la gente deve ignorare cosa dice la legge

    0:25 Durata: 1 min 18 sec
  • Invito ai carcerati: Alle nove ci sia un quarto d'ora di "concerto sulle sbarre"

    0:26 Durata: 1 min 40 sec
  • Rischiamo la vita contro la morte

    0:28 Durata: 1 min 33 sec
  • Da domani bollettini medici ogni sei ore, incontro con Ciampi

    0:30 Durata: 1 min
  • Appello alle iscrizioni a Radicali Italiani e al PR

    0:31 Durata: 3 min 34 sec
  • A Ciampi chiederò di garantire al Csm e alla Camera il funzionamento secondo Costituzione

    <br>Risposte alle domande dei giornalisti
    0:34 Durata: 2 min 32 sec
  • Se violano la legalità devono fare i conti con noi

    0:37 Durata: 3 min 30 sec
  • Nuovo appello alle carceri; "Suonino le campane del diritto"

    <strong>Servizi correlati</strong> (01.07.2002) - Pannella, Conferenza stampa a Radio Radicale di avvio dello sciopero della sete (30.06.2002) - Pannella, conferenza stampa a Montecitorio con la canottiera nera (29.06.2002) - Pannella: «L'Italia sta diventando un luogo di morti civili» (28.06.2002) - La vignetta di Forattini (27.06.2002) - In aula il 15 luglio, Pannella, «partiti contro la costituzione», sarà sciopero della sete ad oltranza (27.06.2002) - Pannella: Sciopero della sete a oltranza da domenica (27.06.2002) - Pannella al termine dell'incontro con Casini proclama le due giornate di mobilitazione nonviolenta (26.06.2002) - Pannella chiede dibattito in aula entro martedi (25.06.2002) - Pannella "La situazione si sporca e si ingarbuglia" (24.06.2002) - Pannella al Tg2 (24.06.2002) - Pannella e Bonino a Casini: "Serve voto utile" (23.06.2002) - Pannella alla maratona oratoria (22.06.2002) - Pannella: Incontro Casini poi decido su sciopero della sete (21.06.2002) - Intervista a Tg2, Imminente passaggio a sciopero della sete (21.06.2002) - Pannella precisa le forme dei suoi 70 giorni di partecipazione al satyagraha (20.06.2002) - Pannella attacca Casini, «Si sta comportando in modo inaccettabile» (20.06.2002) - Al via la Maratona oratoria e della sete a Piazza Montecitorio
    0:40 Durata: 48 sec