09 SET 2002

Corte penale internazionale: La Loggia, più importante il risultato che il tempo per raggiungerlo

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 8 min 48 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

New York, 9 settembre 2002 - Il ministro per gli Affari regionali Enrico La Loggia è a guida della delegazione italiana per la fase conclusiva della prima sessione dell'assemblea degli Stati parte della Corte penale internazionale."Il governo italiano - ha ricordato il ministro - ha più volte manifestato una forte determinazione per pervenire a questo risultato: nel '98 con la Conferenza di Roma, nel '99 siamo stati tra i primi quattro Stati a ratificare".

La corte, ha spiegato, giudicherà su "crimini guerra, crimini contro l'umanità, genocidio", e avrà una "funzione di supplenza"
rispetto alla giustizia degli Stati e "non sarà un giudizio politico"."Più paesi ne faranno parte - ha sottolineato La Loggia - più facile sarà seguire questa via per le generazioni future, con esperienze e giurisprudenza consolidate.

Bisogna farlo perché è giusto farlo - ha aggiunto - il processo di Norimberga era doveroso ma ha avuto il limite del contrasto tra vincitori e vinti".La Loggia ha poi commentato la questione della posizione americana riguardo al Corte e le trattative per giungere ad un accordo: "Non voglio vederla come pregiudiziale, sono perplessità ed esigenze che vanno tenute in conto, entro settembre speriamo di trovare una soluzione concordata, per l'ingresso degli Stati Uniti, ma è più importante il risultato che non il tempo che occorrerà per raggiungerlo".Parlando della ricorrenza dell'11 settembre, il ministro ha avvertito che "la pace non è solo mancanza di guerra, ma anche conoscenza, comprensione, convivenza pacifica, valorizzazione delle reciproche diversità", e ha sottolineato con rammarico "i focolai seri, gravi, il fenomeno di un terrorismo di rilevanza planetaria, ma guai perdere l'ottimismo, l'invenzione di nuove soluzioni".Infine, La Loggia ha giudicato positivamente l'iniziativa del 21 settembre per il Vietnam lanciata dai Radicali, ma ha ricordato che l'impegno su questi temi delicati non deve esaurirsi.

leggi tutto

riduci