28 SET 2002

PRC: Bertinotti, Bush è il vero antiamericano (manifestazione contro la guerra all'Iraq)

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 4 ore 23 min

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "PRC: Bertinotti, Bush è il vero antiamericano (manifestazione contro la guerra all'Iraq)", registrato sabato 28 settembre 2002 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Partito della Rifondazione Comunista.

La registrazione video ha una durata di 4 ore e 23 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Chicca Perugia, ingresso del corteo in piazza del Popolo

    <br>Indice
    0:00 Durata: 2 min 50 sec
  • Audiovideo completo

    <strong>'No' alla guerra imperialista di Bush, "il vero antiamericano", sostegno invece all'Intifada palestinese, che oggi 'festeggia' il suo secondo anniversario</strong><p>Roma, 28 settembre 2002 - Fausto Bertinotti, segretario di Rifondazione comunista, ha chiuso stasera in piazza del Popolo la manifestazione organizzata dal partito a Roma per dire 'no' alla guerra contro l'Iraq.<p>"Bush è il vero antiamericano", ha esclamato nel suo discorso Bertinotti, che ha invitato a "costruire un grande movimento dei partigiani della pace che raccolga antiche tradizioni democratiche e le colleghi a nuove forme di disobbedienza civile che testimoniano il loro no, inequivoco alla guerra".<p>"Se volete cercare gli antiamericani non cercateli in questa piazza. I veri antiamericani sono negli Stati Uniti quanti governano questo paese. Propongo oggi che sia il presidente Bush il leader di questo partito".<p><strong>La guerra dimostra la crisi della globalizzazione capitalistica</strong><p>"Senza se e senza ma, 'no' - ha insistito - alla guerra imperialista degli americani. Vogliamo fermare una guerra che sembra già decisa e che di fatto è già iniziata. Un conflitto che metterebbe il mondo in un baratro si tratterebbe di una guerra contro il sud del mondo e contro i poveri del mondo, una guerra di religione", ha spiegato Bertinotti, che vede realizzarsi in questa guerra, proprio come preconizzava Marx, "la crisi economica della globalizzazione capitalistica. Dietro questa guerra si nascondono interessi economici delle multinazionali. Si tratta di una guerra economica chiamata petrolio".<p>"Terrorismo e guerra sono parti della stessa medaglia", frutto della globalizzazione capitalistica, ha sostenuto.<p><strong>Uno sciopero generale contro la guerra</strong><p>L'idea di Bertinotti, rilanciata anche oggi dal palco è quella di uno sciopero generale "contro la guerra e per la pace" ma che si opponga anche alla politica economica del governo Berlusconi "servile" nei confronti della Casa Bianca.<p>"Oggi - ha proseguito - in Italia il governo ha la protervia di chiedere l'invio di soldati in Afghanistan, paese dove ogni mese si trovano entità gigantesche di cadaveri e in questo paese oggi dov'è Bin Laden, dove sono i capi del terrorismo? In nome di questa lotta - chiede Bertinotti rivolgendosi a Bush - voi avete sterminato un popolo e questo dimostra l'infamia di questo conflitto. Bush è un guerrafondaio e come tale va combattuto".<p>"Per questo oggi - ha proposto il segretario del Prc - dobbiamo essere in grado di dar vita a un grande movimento della pace, che abbia come spina dorsale i movimenti. Con questo movimento si potrà fermare la guerra e invertire la rotta e costruire un movimento non violento, ma eversivo e rivoluzionario perché ogni elemento di lotta deve essere agito contro le guerre".<p><strong>Disarmo e neutralità</strong><p>"Questa costruzione dal basso - ha spiegato - deve incontrare la grande politica con due parole d'ordine: disarmo e neutralità, alla base di una Europa diversa che si batta per un progetto nuovo di modello sociale e faccia crescere un nuovo popolo della pace".<p>Infine, Bertinotti ha rinnovato la sua solidarietà al popolo palestinese ed ha attaccato "la politica devastante degli uomini di Sharon".<p><strong>All'Ulivo: convergenza contro la finanziaria</strong><p>Ma non solo di guerra ha parlato Bertinotti nel suo intervento conclusivo. Ha sottolineato le difficoltà del governo sulla finanziaria, proponendo un patto al centrosinistra, "la convergenza per una battaglia comune contro la finanziaria".<p>"Non parlare più per un anno di unità, - ha aggiunto - ma di contenuti obiettivi e lotte comuni". Si tratterebbe nelle sue intenzioni, di "una sospensiva generale" per una finanziaria che "sposti la distribuzione del reddito, una sorta di scala mobile che aumenti i salari, stipendi e pensioni e che metta mano allaspesa pubblica non per tagliarla".<p>"Il governo Berlusconi - ha spiegato il leader comunista - non è in crisi ma è in difficoltà evidente. La crisi di questo governo non si è aperta perché non è maturata un alternativa di sinistra convincente. A questa difficoltà non si risponde con un atteggiamento ondivago, come quello del centro-sinistra, ma con una alternativa".<p><strong>La manifestazione di oggi</strong><p>La manifestazione di Rifondazione comunista per dire 'No alla guerra', come recitava lo striscione scritta rossa su sfondo bianco che ha aperto il corteo dal Colosseo a piazza del Popolo, ha avuto luogo oggi pomeriggio a Roma. Centocinquantamila i manifestanti per gli organizzatori.<p>Presenti, oltre al segretario del partito Fausto Bertinotti, Cesare Salvi (Ds), il responsabile dell'Autorità nazionale palestinese in Italia Nemer Hammad, mons. Hilarion Capucci, ex arcivescovo di Gerusalemme, Franco Giordano, capogruppo del Prc alla Camera, l'europarlamentare pacifista Luisa Morgantini e numerosi esponenti della sinistra e del mondo pacifista.<p>Lungo il corteo, bandiere rosse, slogan contro Berlusconi, Bush e Sharon, bandiere col volto di Che Guevara, molte del Pkk con il volto di Ocalan.<p>
    0:00 Durata: 2 ore 11 min
  • Filmato registrato

    0:02 Durata: 10 min 12 sec
  • Liz Davies, 'Stop the war' coalition, Gran Bretagna

    0:13 Durata: 11 min 4 sec
  • Beppe Corrado, operaio Piaggio di Pontedera

    0:24 Durata: 7 min 34 sec
  • Rosa Mendez, vicepresidente Nodi (Nostri Diritti Donne Immigrate)

    0:31 Durata: 6 min 52 sec
  • Cesare Salvi, Socialismo 2000

    0:38 Durata: 9 min 33 sec
  • Vittorio Agnoletto, Social Forum

    0:48 Durata: 9 min 24 sec
  • Fausto Bertinotti, segretario Rifondazione comunista

    0:57 Durata: 1 ora 14 min