22 DIC 2002

Indulto: Sì della Commissione all''indultino'. Successo dell'azione nonviolenta dei Radicali

[NON DEFINITO] | - 00:00 Durata: 17 min 27 sec
Organizzatori: 

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione audio di "Indulto: Sì della Commissione all''indultino'. Successo dell'azione nonviolenta dei Radicali", registrato domenica 22 dicembre 2002 alle 00:00.

L'evento è stato organizzato da Area radicale.

La registrazione audio ha una durata di 17 minuti.
  • Enrico Buemi, responsabile Giustizia Sdi

    <br>Le interviste<p><em>(A cura di Alessio Falconio)</em>
    0:00 Durata: 3 min 43 sec
  • Paolo Cento (Verdi)

    0:03 Durata: 1 min 29 sec
  • Vincenzo Siniscalchi (Ds)

    0:05 Durata: 2 min 56 sec
  • Gaetano Pecorella (FI), presidente Commissione Giustizia della Camera

    0:09 Durata: 4 min 18 sec
  • Il primo commento di daniele Capezzone, segretario dei Radicali italiani

    <strong>Si conclude con un "successo pieno" la prima fase, lo sciopero della fame dei Radicali e di centinaia di cittadini e detenuti. Ma a gennaio il rilancio della lotta nonviolenta</strong><p>Roma, 22 dicembre 2002 - La commissione Giustizia della Camera ha deciso sia di approvare l''indultino', la proposta Pisapia-Buemi per la sospensione della pena, sia di adottare un testo base da portare in aula per l'indulto vero e proprio. I deputati di maggioranza e opposizione sono arrivati a questa concluusione dopo aver esaminato e votato gli emendamenti presentati al testo Buemi-Pisapia, testo che andrà all'esame dell'aula il 16 gennaio.<p>L'azione nonviolenta dei radicali "conosce un primo importante successo", ha commentato ai microfoni di Radio Radicale il segretario dei Radicali italiani Daniele Capezzone, che ha annunciato la "sospensione di questa fase di lotta nonviolenta", dello sciopero della fame, arrivato al suo 15° giorno: "Rilanceremo con maggior forza a metà gennaio con l'arrivo in aula della legge. A gennaio - ha avvertito - sarà dura e lunga".<p>Ma il segretario si è detto certo della vittoria finale, "sarà una vittoria di quelle radicali, in cui non ci sono sconfitti, ma una conquista in più anche per chi quella lotta aveva avversato".<p>"In due settimane - ha sottolineato Capezzone - abbiamo disseppellito un tema che era stato travolto dalle risse, dalle polemiche e dalle chiacchiere della 'politica ufficiale': e così, in sequenza, abbiamo ottenuto una serie di risultati piccoli, ma certi e positivi, dopo i pronunciamenti dei presidenti Ciampi, Pera e Casini, e dopo la calendarizzazione della discussione in Aula del provvedimento, si è oggi acquisito questo primo via libera".<p>"Questa prima fase si è chiusa con un successo pieno, abbiamo ottenuto prese di posizione importanti e abbiamo fatto sapere anche qualcosa al paese". Un successo che dimostra "la forza della nonviolenza, la capacità di un soggetto politico di aiutare le istituzioni a funzionare correttamente, secondo diritto"<p>I radicali ringraziano, ha tenuto a ricordare, "quanti hanno preso parte a questa prima fase di lotta nonviolenta. Sono, in tutto, 1700 cittadini, tra cui 1300 detenuti nelle carceri italiane, e a loro va il merito di avere, con noi, reso possibile questo risultato".<p>"Siamo arrivati a questo risultato - ha dichiarato il relatore Enrico Buemi (Sdi) - con il concorso di tutte le forze politiche". 10-12 mila i detenuti che potrebbero essere interessati.
    0:14 Durata: 5 min 1 sec